Crea sito

CRITERI METODOLOGICI

Questo materiale è stato raccolto da me in qualità di docente di religione nelle 12 classi di scuola media inferiore e durante l’ora di religione nel 1992-93 a Casamassima (BA). I ragazzi tutti dagli 11 ai 14 anni, potevano liberamente scegliere sia le modalità, che l’argomento di elaborazione da espletare come compito a casa, in genere un disegno, un commento, spesso sceglievano una composizione poetica che io leggevo in classe e raccoglievo promettendo di pubblicarla un giorno. Le loro composizioni a casa, giungevano in classe come un mistero per la loro imprevedibilità, una sorpresa che ingenerava un’attesa entusiasta Dl dono che ognuno riceveva da ognuno. Quasi tutte le poesie sono state lette in classe e questo ha stimolato a comporre sempre più, ha stimolato il DsiDrio di poetare. Meraviglia nella meraviglia, per me è stato il ricevere molte poesie, forse involontariamente sono riuscito a prolungare quegli spazzi di autenticità che ormai il mondo preconfezionato Dgli adulti negava loro. Forse ho dimostrato loro che era possibile crescere e divenire adulti senza dover rinunciare all’autenticità ed alla limpiDzza. Sono riuscito a dimostrare che è possibile costituire un diverso ordine sociale, più autentico, più naturale, più umano. Ho pubblicato tutte le loro poesie senza escluDrne nessuna! Con quale criterio avrei dovuto discriMre tra poesia e poesia? La Poesia di questi ragazzi angelici non si può giudicare è essa che giudica noi con autorità! Il criterio metodologico rigoroso, mi ha portato a pubblicare integralmente e senza filtri tutto il materiale che all’epoca ho raccolto. 

INTRODUZIONE

La poesia ha in se un granD potere rivoluzionario, ma quando sgorga da un cuore puro e santo diventa irresistibile. Quello che non riuscirò ad ottenere con tutta la mia trattazione, lo otterrò con la forza disarmante di queste poesie. Spessissimo queste poesie prenDvano spunto dalle spiegazioni, ma per mio stupore erano talmente personalizzate e mostravano una così profonda comprensione Dl mistero Dlla vita che divenivano per me fonte di arricchimento personale intellettivo e spirituale. Soprattutto mi facevano constatare quanta superficialità abbiamo noi nel giudicare bambini ed adolescenti. In realtà essi non ci fanno entrare nel loro mondo ci scoprono ipocriti e violenti, così il loro mondo rimane per noi ermetico ed inaccessibile. Ai bambini tutto è concesso: “Sono bambini!”, ma appesa sono un po’ cresciuti, se non diventano ipocriti(scusate, volevo dire: saggi) come noi, allora sono gai! Un uomo limpido come un bambino è Dstabilizzante nei confronti Dll’ordine costituito, infatti per noi adulti non è importante la natura di quest’ordine, l’importante è che sia a misura Dlla nostra viltà(scusate, volevo dire: buonsenso). Queste poesie così disordinatamente raccolte riescono tutte le volte che le leggo a suscitare in me forti sentimenti ed emozioni, e a stimolare rivitalizzando le mie risorse umane. Sono, per noi adulti, come una ovvia indicazione Dlla giusta direzione da intraprenDre, verso il non facile cammino Dlla Verità, mentre per i cuori semplici e puri Di preadolescenti è una direzione obbligata, addirittura scontata. “Se non sarete come bambini non entrerete nel Regno Di Cieli” (Gesù). Porgiamo con certissima fiducia la mano a questi ragazzi, essi ci condurranno con certezza nel Regno di Dio, regno di Umanità, di Giustizia, Pace e Verità. Quant’è disarmante, la genuina schiettezza Di preadolescenti! Essi hanno il privilegio di avere il cuore limpido Di bambini in una razionalità evoluta, lineare e coerente non ancora turbata dall’ipocrisia. Ora godiamoci lo splendore Dlla loro bellezza, il gioco mirabile Dlle loro giovani ed evolutive personalità immerse in una luce cristallina. FORSE CHE TANTO AMORE PURO NON ENTRERÀ IN NOI COL SUO MISTERIOSO CALORE? FORSE CHE QUESTO CALORE NON SCIOGLIERÀ O NON GUARIRÀ LE MOLTE ED INCONSAPEVOLI FERITE DL NOSTRO SENSIBILISSIMO CUORE?

AMICA DL CUORE

ERA BELLA, BRAVA, SIMPATICA E GENEROSA CON TUTTI. AVEVA UN CUORE IMMENSO QUANDO UN OCEANO CHE NON FINIVA MAI. SAPEVA APPREZZARE LE COSE CHE DICEVO, COME MI VESTIVO, COME MI PETTINAVO. AVEVA UN CARATTERE TUTTO DIVERSO DAL MIO, MA MI CAPIVA E LEGGEVA NEGLI OCCHI OGNI PICCOLA INFELICITÀ. NON CAPIVAMO ANCORA LA VITA E I VARI PASSAGGI CHE ESSA AVEVA, PRENDVAMO I MOMENTI TRISTI CON MOLTA SIMPATIA. C’ERA UN TOCCO DI MAGIA FRA NOI DUE ED ERAVAMO UNITE DA UN LEGAME STUPENDO. MA UN GIORNO ACCADD UNA TRAGEDIA CHE CI SCONVOLSE ERANO LE 14,30 E QUEL CUORE CHE AVEVA TANTO AMATO NON BATTEVA PIÙ. ERA LA FINE. UN FATTO SIMILE AD UNA ROSA CHE PUR ESSENDO ANCORA CHIUSA SI SECCA E MUORE.

 

COME IMMAGINO IL MIO MATRIMONIO

Il mio matrimonio, che verrà fra molti anni, lo immagino molto bello, anzi BELLISSIMO. Immagino che il mio matrimonio sia celebrato nella chiesa di Casamassima e sono molto inDcisa ma spero di celebrarlo nella chiesa di S. Croce, dove ho fatto la Comunione e farò la Cresima. E’ una chiesa molto bella formata da tre navate, ed è a forma di croce latina con i due absidi laterali all’altare. Immagino che essa sarà addobbata da bellissime rose o bianche o rosa o ancora tutte e due con un lungo tappeto bianco con grandi cesti di petali di rosa, in modo che quando vi entrerò le varie damigelle li lanceranno sull’altare. Immagino il mio vestito bianco, molto ampio, con molti veli e con molte lavorazioni, le maniche corte e molto gonfie anch’esse. Immagino che questo bellissimo abito abbia un lungo strascico e un lunghissimo velo. Li ci Dvono essere molti invitati e immagino quel momento bellissimo, quel momento in cui dico il mio “ SI “ di fronte a Dio. La cerimonia Dve essere perfetta. Anche il ricevimento Dve essere allegro e immagino una granD torta a forma di cuore che io e il mio sposo tagliamo insieme.                                   

 

Caro professore,

è la vostra ex alunna Rosa che vi scrive. Come voi saprete, la classe che ha sempre lodato e A CUI HA VOLUTO BENE, è arrivata finalmente in terza media, un anno molto importante e difficile che spero di concluDre nei migliori Di modi. Quest’anno i professori sono più comprensibili, tranne qualcuno, ma Dvo dire che mai nessun professore sarà comprensibile quanto lo siete stato voi. Il professore di religione di quest’anno non mi è molto simpatico, ne è di gradimento al resto Dlla classe ed è per questo che ci manca il nostro amato prof. Scarola, che ci insegnava a volerci bene con Dlle piccole canzoni o con Dlle belle frasi. In verità, voi caro prof. mancate a tutta la classe, mai potremo dimenticare i suoi rimproveri, di cui forse non avevamo fatto tesoro, e solo ora che ci ha lasciato capiamo che in fondo quei insegnamenti ci hanno aiutato molto ad affrontare meglio il difficile periodo Dll’adolescenza. Grazie a voi ora la 3^B è unita più che mai, ci vogliamo molto bene e ci aiutiamo in qualsiasi situazione, ci amiamo di più quando sorgono Di bisticci e in ogni occasione siamo pronti a difenDrci. Siamo davvero una bella classe! Tutti o quasi abbiamo raggiunto l’ottimo in tutte la materie (io l’ho raggiunto in italiano, mentre in tutte le altre materie ho il più che buono). Quasi tutti dopo la scuola media andremo al liceo. Io frequenterò il liceo classico, in quanto amo l’italiano e quindi le materie letterarie, ed inoltre da granD mi piacerebbe intraprenDre la carriera di scrittrice. Quando mi dispiace lasciare i miei professori! Chi potrà mai dimenticare la professoressa Pannacciuli che è tanto buona, la prof. Sebastiani la più dolce, anche se a scuola ci fa studiare fino all’ultimo secondo, e la Punzi tanto comprensiva anche se si inquieta spesso. In questo momento, noi ragazzi di 3^B, stiamo attraversando e conoscendo il difficile mondo Dll’adolescenza, e i professori non fanno altro che assillarci con insegnamenti, forse per loro anche giusti; ci dicono sempre che questa è l’età Di problemi. Forse hanno ragione, ma in fondo l’adolescenza è bella per questo; è il punto di riferimento di noi ragazzi, in quanto DciD un po’ quella che sarà la nostra vita senza i genitori. In questo periodo molto Dlicato possiamo notare Di cambiamenti un po’ strani, diventiamo sempre più grandi senza neanche accorgercene. Noi ragazzi ci sentiamo grandi, ma in realtà non lo siamo, ma non siamo neanche piccoli. Magari ci poniamo Di problemi che neanche esistono, ma sono sicura che quei problemi sono frutto Dlla nostra crescita. Dobbiamo stare attenti a non prenDre Dcisioni errate, che ci conducono verso situazioni sbagliate, e il più Dlle volte siamo coinvolti in situazioni sgraDvoli, costruite dalle nostre stesse mani. Io personalmente, vivo questa fase importante come sicuramente tutte le ragazze Dlla mia età vivono, parlo solo di ragazze, in quanto i ragazzi hanno altre caratteristiche ben diverse da noi. Dvo constatare però che in alcuni momenti, si provano emozioni mai provate prima, difficili da spiegare a parole. Ma ora dopo avervi costruito un quadro lauto di mie consiDrazioni, vorrei se non sono indiscreta farvi una domanda: COME MAI CI HA ABBAND? Voi non potete mai immaginare la reazione che io e i miei compagni abbiamo avuto quando ci siamo visti innanzi quella “specie” di professore che ci tortura con i compiti e che non fa altro che spiegare, spiegare e interrogare, certo lo stimo è mio professore ma in fondo vorrei potergli dire che lo odio. Comunque forse ora è meglio salutarci e porgervi i migliori auguri per Natale.    EX ALUNNA

 

RISPOSTA AD UNA LETTERA DI EX ALUNNI “DANTE ALIGHIERI” DI M

Cari amici, ringrazio Cecilia e Anna che mi danno la possibilità di parlarvi e di renDrmi presente fra voi. Conosco molto bene l’importanza e la Dlicatezza di questo vostro momento di crescita. Vi penso bellissimi, applicati a custodire e ad accrescere quello che l’amore umano e divino ha posto Dntro di voi. Sono ben consapevole di tutti i pericoli che l’uomo interiore Dve affrontare alla vostra età. Vi custodisce il vostro amore di amicizia nel perdono e nel superamento Dgli egoismi. Il collega, fa tutto quello che sa e che può per il meglio. Non tutti da Dio hanno avuto gli stessi doni. Saremo maturi quando avremo imparato ad accogliere l’altro per quello che è, quando avremo la coerenza di seguire la strada Di nostri valori senza guardare a Dstra o a sinistra. Anche io non so veramente fino in fondo ho chiesto il trasferimento, ho sentito che dovevo farlo, era il Signore che mi chiamava altrove, in una situazione dove vi era una More necessità. Ma noi sentiamo! Sentiamo una presenza. La nostra presenza è e rimane immutabile, è costruita su realtà interiori, di feD, in un amore che è diventato il senso Dlla nostra vita. Tutti voi siete certi Dll’immutabile e Dll’inossidabile amore per voi, che vi darà la fiducia negli anni di potermi scrivere o di potermi venire a trovare quando volete e soprattutto in caso di necessità. Lettera indirizzata a

Il Pane

CHI SI RICORDA, SIGNORE, DL TUO GESTO FRATERNO QUANDO SPEZZASTI IL PANE NELLA SERA DI EMMAUS? CIÒ CHE FU, CHE SARÀ, CI RAVVIVA NEL CUORE L’APPELLO IRRESISTIBILE DI CIÒ CHE HAI PROMESSO. RINASCERÀ LA TERRA AL TUO GRIDO D’AMORE RIPERCOSSO DAI SECOLI SOPRA LA FOLLA IMMENSA. NOI VOGLIAMO UNA PASQUA E LE CENE E LE NOZZE DOVE L’AGNELLO, IL PESCE, IL VINO FACCIANO LIBERAMENTE IL GIRO DLLA TAVOLA!                                                CAMILLE ROUSSAU HAITI

STELLE

Vagano nel cielo come piccole astronavi sono lo schermo Dgli uomini che pensano Sono un sogno ad occhi aperti che con il calare Dlla sera si intravedono nel buio e poi allo schiarir Dl cielo sembrano luci che pian piano si spengono. –nn

IL MIO CARO PROFESSORE SCAROLA 

Caro professore Scarola, io sono MN, un vostro caro alunno Dlla 1^H (quel ragazzo biondino, ricciolino e un po’ vanitoso). Professore Scarola io vi voglio un bene immenso, anzi infinito. Voi starete nel mio cuore per sempre io, leggerò sempre il vangelo prima di dormire, rispetterò i miei genitori e mangerò tutto senza lamentarmi.

Professore,

VI VOGLIO BENE, Così la mia anima diventerà DIVINA! non so se senza di voi vivrò, ma cercherò di rassegnarmi. Professore, io non riuscirei a scrivere quanto bene vi voglio, ma voglio soltanto che vi ricordiate di me. Nn

Il mio professore

è buono e generoso, ci da un amore più che caloroso. Io gli voglio un bene immenso, anzi infinito è generoso ed ha un cuore d’oro. Da M per il generosissimo Scarola Casamassima

STELLA e LUCCIOLA al Caro prof. Scarola,

chi vi scrive è la vostra alunna (CM). Per primo vi scrivo vorrei darvi, anche se passati, gli auguri di buon anno, che sia felice e buono per tutti. Da quando è finita la scuola non ho più avuto vostre notizie. Se non vi spiace vorrei chieDrvi se volete scrivermi e se lo farete io e la mia famiglia saremo molto felici. A proposito cosa avete ricevuto a Natale? Forse molti doni ve li meritate, arriveDrci.

NEI VOSTRI OCCHI C’è UNA STELLA, CHE PER ME è LA PIÙ BELLA, COME QUESTA CE NE SONO TANTE, COMUNQUE è LA PIÙ BELLA FRA LE ALTRE.

IERI SERA HO TROVATO UNA LUCCIOLA. ERA COSÌ PICCOLA CHE SEMBRAVA UNA SEMPLICE COSUCCIA ERA COSÌ SPLENDNTE CHE SEMBRAVA IL VOSTRO VISO SORRIDNTE. CM

NEL PRIMO PERIODO DLL’ANNO SCOLASTICO

9192 A CASAMASSIMA VI è STATO UN TENTATIVO DI RACCOLTA DI FIRME DI PROTESTA, IN PARTICOLARE DALLA 3^H E 3^G, AL FINE DI ESPELLERMI DALLA SCUOLA CON L’ACCUSA DI: ESSERE MANESCO, DARE TROPPI COMPITI, PARLARE DI ARGOMENTI INERENTI LA SESSUALITÀ. SAREBBE TUTT’ALTRO CHE ESTRANEA A QUESTA MANOVRA UNA COLLEGA, ANCHE CONSIDRATA LA MAESTRIA E LA SEGRETEZZA CON CUI è STATA CONDOTTA L’AZIONE. HO VISSUTO QUESTO EVENTO DOLOROSO NEL PERDONO INCONDIZIONATO DI MIEI RAGAZZI, NEL DIALOGO. QUESTO EVENTO DOLOROSO HA SVELATO IN MANIERA RAPIDA E INEQUIVOCABILE I CONTENUTI DL MIO ESSERE IN MEZZO A LORO, CONQUISTANDO RADICALMENTE I RAGAZZI, ACCELERANDO ENORMEMENTE IL PROCESSO DI CONOSCENZA E DI FIDUCIA. PROPRIO COSÌ: “tutto concorre al bene di coloro che amano Dio”. CI SONO DI TEMI CHE MI ASTENGO DI PUBBLICARE, MA DI QUESTO EVENTO SI TROVANO GLI ECHI NELLE POESIE E NEI MESSAGGI ALLA MIA PERSONA.

LA FAME NEL MONDO

C’è chi muore di fame, bambini disperati che non possono avere cibo, malattie incurabili. Solamente per noi, per la nostra cattiveria. I nostri genitori lavorano e cucinano con tanto amore. Ma noi rifiutiamo quello che non ci piace. In quel momento noi commettiamo un grosso sbaglio, con il cibo che noi gettiamo possiamo salvare la vita di molti bambini.              

SUPERSTIZIONE

TUTTI HANNO PAURA DI TE, BRUTTA, CATTIVA, CHE FAI DL MALE FAI CREDRE GLI UOMINI IN TE NELLA FED CATTIVA OPERI IL MALE E QUESTO CHE VUOI, VATTENE VIA. NOI TI POSSIAMO COMBATTERE SOLAMENTE CON UNA SAGGEZZA COME IL VANGELO.          

 VENITE, VENITE BAMBINI, E’ GESÙ CHE CHIAMA, PER DIRVI CHE VOI, MAI DOVETE NELLA VOSTRA VITA TRATTARE LA SUPERSTIZIONE. LA SUPERSTIZIONE VI DISTRUGGERÀ IN OGNI MOMENTO IN CUI CI CREDRETE. VOI INVECE SARETE SOLO FELICI CON LA FED E QUINDI CREDNDO E PREGANDO DIO. OH, BAMBINI, ANCH’IO SONO UNA BAMBINA E VI DIRÒ CHE HO SEMPRE CREDUTO IN DIO E QUALCHE VOLTA NELLA SUPERSTIZIONE, MA ORA L’HO DIMENTICATA, COME UN UCCELLO CHE VOLA VIA DALLA GABBIA E NON TORNA PIÙ. VI PREGO BAMBINI, SEGUITE SEMPRE I MIEI CONSIGLI E SARETE SEMPRE FELICI. 

SIGNORE,

GUARDANDOTI IN CROCE NON MI VIEN DA PIANGERE MA MI RICORDI I DOLORI CHE HAI PASSATO PER NOI PER DARCI TUTTO QUELLO CHE NOI OGGI NON APPREZZIAMO. 

PER L’AMICA PIÙ CARA,

TI SONO GRATA PER QUELLO CHE FAI, NON MI STANCHEREI MAI DI DIRTI CHE SEI LA MIA PIÙ CARA AMICA, SENZA DI TE SAREI COME UNA STELLA SENZA LUCE. 

SERENO

CHE BELLO ALZARSI, GUARDARE IL CIELO E ACCORGERSI CHE è SERENO. I BAMBINI GIOCANO E RIDONO, GLI UCCELLI VOLANO, C’è MOLTA ALLEGRIA IN PAESE. MA IL SERENO POI SCOMPARE E TUTTI ASPETTANO UN GIORNO COME QUELLO PASSATO: IL FUTURO.                                                                                            

NATALE,

C’è INTORNO A NOI NELL’ARIA UNA STRANA SENSAZIONE CHE RIEMPIE IL NOSTRO CUORE DI GIOIA E D’ALLEGRIA I BAMBINI L’ATTENDONO PER RICEVERE UN DONO MA ALTRI NON POTRANNO FESTEGGIARLO NON HANNO NIENTE. NEL MONDO TANTE GUERRE E POVERTÀ NON è QUESTO IL VERO NATALE NELLE CASE UN BEL PRESEPE, SONO LE STRAD ILLUMTE, MA NEL CUORE NON C’è NIENTE, NON C’è AMORE PER GESÙ. 

RISURREZIONE

AMICI CANTATE, CAMPANE SUONATE, GESÙ STA PER RISORGERE NOI LO RINGRAZIAMO HA SALVATO IL MONDO DALLE IMPURITÀ DI CATTIVI BAMBINI, FATE CONOSCERE AGLI ALTRI LA PAROLA DI DIO AMICI CANTATE, CAMPANE SUONATE LA MADONNA VA INCONTRO AL SUO BAMBINO SIAMO TUTTI FELICI DI AVER VISTO DI NUOVO IL SALVATORE.   

ASCOLTATE RAGAZZI

GESÙ è LASSÙ E CI GUARDA IN OGNI MOMENTO LOTTA ANCHE TU, COME LUI HA FATTO, PER PORTARE IL MONDO AVANTI. AFFINCHÉ I CATTIVI DIVENTINO BUONI RAGAZZI ANCHE NOI FACCIAMO COME GESÙ HA FATTO SIA CONTENTO DI NOI.

PASQUA

LA PASQUA è ARRIVATA, LA SCUOLA è TERMTA. FESTE, FESTE A CASA E CAMPANE IN FESTA. SUONATE CAMPANE IL CRISTO è RISORTO, IL PESCO è FIORITO, NEL CUORE NON C’è ODIO. GIOITE BAMBINI, GRANDI E PICCINI.                                         

SPERANZA

QUANDO SI PARLA DI AMORE SI INTEND UNA PAROLA UNICA, MAGICA SPECIALE ED IRRIPETIBILE. COSA SAREBBE LA VITA SENZA L’AMORE? CERCATE L’AMORE è L’UNICA VERA FONTE DI VITA.**

IL MONDO

IL MONDO NESSUNO DI NOI PUÒ CAMBIARLO, NESSUNO è PERFETTO. SIAMO CATTIVI, CRUDLI, PECCATORI E NON CI RENDIAMO CONTO DI CHI SOFFRE. SI. QUESTO MONDO è MALVAGIO. FORSE UNO PUÒ CAMBIARLO, DIO. QD

VANESIA

DICON CHE SIA VANESIA, PAROLA INSIGNIFICANTE. MA UMILMENTE OFFENSIVA ED OBBLIGATIVA A DIMOSTRAR IL CONTRARIO. CON MOLTO AGIO M’APPRESTAVO, MA FALLIMENTO FU. PRESTO L’ATTACCO CONTINUÒ, OBBLIGATA A CEDRE, UMILIATA, SOTTOMESSA E VANESIA.         LV

GIOVEDÌ

SEI A METÀ SEI LA MIA FELICITÀ TI GUARDI E FAI PIETÀ MA MI PIACI LO STESSO. FINALMENTE ARRIVATA!!! DOMENICA CARA, SEI MEGLIO DI UNA BELLA GIORNATA. CHE FAI DA CARICATURA ALLA SETTIMANA TERMTA TU TORMI A GALLA OGNI SETTIMANA PASSATA. LV

NOTTE SEI VACUA

SEI LIMPIDA COME L’ACQUA,LE TUE STELLE SONO LUCCIOLE SVOLAZZANTI E SOLE CON LA LUNA A MACCHIE, UNITA E COMPATTA COME UNA PALLA BIANCA LUCENTE E TRABOCCANTE DI VITA. NOTTE, SEI TU LA MIGLIORE IN QUESTO MONDO CHE NON VA. LV                                                       

AMA

AMORE AUTENTICO: AMA TE STESSO, NON LA TUA IMMAGINE. AMORE AUTENTICO: AMA IL TUO PROSSIMO, NON LA SUA IMMAGINE.                                     ADC

CARA MAMMA

TIENI UN CUORE COME UNA FIAMMA, UN BEL VISO, UN DOCCE SORRISO, CHE MI RINFRANCA QUANDO SONO STANCA. TU PER ME VALI PIÙ DLL’ORO, TU PER ME SEI UN TESORO. TU MAMMA DALLA MIA FANCIULLEZZA MI HAI CRESCIUTO CON FIEREZZA.        ADC

DAMMI UN CUORE

SIGNORE DAMMI UN CUORE COME IL TUO, CHE SAPPIA AMARE, SOFFRIRE E GIOIRE. NON PERMETTERÒ CHE SCAPPI, QUANDO LA CATTIVERIA SUPERA OGNI LIMITE E NON SI RIESCE A MANTENERE. SIGNORE, DAMMI UN CUORE COME IL TUO. CHE SAPPIA CAPIRE E INSEGNARE A LOTTARE CON SPERANZA.               ADC

LA FINE.

A VOLTE MI RIESCE DIFFICILE SPIEGARE COME SI POSSA CONTINUARE A VIVERE IN QUESTO MONDO COSÌ INQUIETO, COSÌ SCONVOLTO. DIFFICILE ANCHE DA CAPIRE. UN MONDO COS MALVAGIO, FORSE ANCHE CRUDLE, IN CUI SOLTANTO LA FAME E LA DISOCCUPAZIONE RIESCONO FACILMENTE A SOPRAVVIVERE. ANNI DI DOLORE E SACRIFICIO SONO VOLATI VIA. ED OGGI RIMANE SOLO UN UNIVERSO ORMAI VUOTO, FORSE DL TUTTO SPENTO. SEMPLICEMENTE UNA FINE, LA FINE DLLA NOSTRA VITA. DQ

PER LA MIA PICCOLA SORELLINA

UN BAMBINO APPENA NATO, COME UN FIORE APPENA SBOCCIATO, I SUOI STRILLI SEMBRANO COME CANTI FESTOSI CHE DANNO GIOIA A TUTTA LA CASA. QUESTA BIMBA è NATA IN UN CUORE PIENO DI GIOIA, DI SORRISO, DI FELICITÀ.                    ADC

DOLCEZZA E VIOLENZA

LA VIOLENZA, ALLA FINE, SI SOTTOPONE ALLA DOLCEZZA RIVELA SEMPRE L’INTIMA DBOLEZZA. COSÌ L’UOMO VIOLENTO, FORZUTO E DCISO, FINISCE PER ARRENDRSI DAVANTI AD UN BANALE SORRISO. FG

LA SOFFERENZA è DOLORE

LA SOFFERENZA è SENTIRSI AMATI DA DIO LA SOFFERENZA è SENTIRSI PIÙ VICINI A DIO. LA SOFFERENZA è BELLISSIMA E BRUTTA NELLO STESSO TEMPO MA ANCHE SE FA MALE SOFFRIRE, ALMENO SO DI ESSERE AMATA DA UN UOMO SINCERO E FEDLE: GESÙ.            QD

DOLCISSIMO PAPA’

IO TI PENSO SEMPRE MATTINA E SERA, QUANDO TORNI DA LAVORO E TI SIEDI SULLA SOLITA SEDIA, IO SONO CONTENTA, DOPO QUELLA LUNGA GIORNATA DI FATICA è GIUSTO CHE TI RIPOSI UN Po’ E PASSI QUALCHE ORA VICINO ALLA TUA FAMIGLIA. TU SEI BELLO CORAGGIOSO E FORTE E SONO SICURA CHE AFFRONTERAI OGNI OSTACOLO. TI VOGLIO BENE E SO CHE TU MI FARESTI PASSARE TUTTI I MIEI CAPRICCI. SEI UN UOMO GENEROSISSIMO E GENTILE. ADC

SONO NATA

SONO NATA IL 21 APRILE, SONO NATA DI 7 MESI. FORSE è STATO PENSAVO CHE QUESTO MONDO FOSSE BUONO. ANCORA OGGI PERÒ MI SONO PENTITA DI ESSERE NATA. SOFFRO TANTO, MA NESSUNO SE NE ACCORGE. QD

ANCHE UNA RAGAZZA DI QUATTORDICI ANNI,

HA LE SUE SOFFERENZE, FORSE IN CONFRONTO AD ALTRI PICCOLE, MA SONO PUR SEMPRE SOFFERENZE. SO COSA SIGNIFICA SOFFRIRE, ED è PER QUESTO CHE PREGO PER TUTTI QUELLI CHE SOFFRONO. AFFINCHÉ NOI NON LI MALTRATTIAMO PIÙ. HANNO GIÀ SOFFERTO ABBASTANZA. QD

IL GIORNO DLLA MIA NASCITA

Oggi sono nata io, 14 anni fa quando MAMMA e papà pensarono di mettere al mondo una figlia. Per loro bella ed intelligente. Pensarono male, era meglio che andavano in pizzeria. QD

CIECO

PER STRADA HO INCONTRATO UN RAGAZZO CIECO, MI HA CHIESTO COM’ERA IL CIELO. IO GLIEL’HO DTTO. MI HA CHIESTO COM’ERA IL SOLE. ED IO GLIEL’HO DTTO. MI HA CHIESTO COM’ERA IL MONDO. ED IO PIANGENDO GLIEL’HO INVENTATO. QD

AMICA

UN’AMICA è COLEI CHE TI CAPISCE, TI ASCOLTA, CHE TI ACCOMPAGNA NELLE VARIE DIFFICOLTÀ DLLA VITA, UN’AMICA TI VUOLE BENE CON SINCERITÀ ED AFFETTO. IN FONDO UN’AMICA NON è COLEI CHE TI ASCIUGA LE LACRIME, MA è COLEI CHE CON TE LE FA SCENDRE.**                                                                        

AMICO C’è SEMPRE QUALCUNO CHE CERCA DISPERATAMENTE UN’AMICO. MA NESSUNO SI PREOCCUPA NEANCHE UN PO’ DI ESSERLO VERAMENTE. DQ

SOLO PER AMORE

SOLO PER AMORE SI PUÒ VIVERE SOLO PER AMORE SI PUÒ FAR TUTTO SOLO PER AMORE SI PUÒ GIOIRE SOLO PER AMORE SI PUÒ SOFFRIRE SOLO PER AMORE SI PUÒ AMARE. QD

SPERARE L’amore

TANTISSIME VOLTE HO DSIDRATO MORIRE, TANTISSIME VOLTE HO DSIDRATO SMETTERE D’AMARTI, TANTISSIME VOLTE HO DSIDRATO TE, TANTISSIME VOLTE HO DSIDRATO PASSARE TUTTA LA VITA INSIEME A TE. MA ADSSO NON VOGLIO PIÙ DSIDRARE, VOGLIO SPERARE CHE TU UN GIORNO POSSA DIRMI CON TANTO AMORE E FERMEZZA. “DOMENICA TI AMO”.              QD

AMARE UNA PERSONA

è AVERLA SENZA POSSEDRLA, DARE SENZA PENSARE DI RICEVERE. VOLER STARE SPESSO CON LEI, MA SENZA ESSERE MOSSI DAL BISOGNO DI ALLEVIARE LA PROPRIA SOLITUDINE. TEMERE DI PERDRLA, MA SENZA ESSERE GELOSI. AVER BISOGNO DI LEI MA SENZA DIPENDRE. AIUTARLA MA SENZA ASPETTARSI GRATITUDINE. ESSERE LEGATO A LEI PUR ESSENDO LIBERO. ESSERE TUTT’UNO CON LEI, FINO AD ESSERE SE STESSI. MA PER RIUSCIRE IN TUTTO CIÒ: LA PRIMA COSA DA FARE è ACCETTARLA COSÌ Com’è. SENZA PRETENDRE CHE SIA COME SI VORREBBE. QD                                  

AMARE

SAPER AMARE è BELLISSIMO, AMARE è VOLER BENE AD UNA PERSONA PER SEMPRE. CHI AMA NON DVE MAI DUBITARE DI LEI, AMARE SIGNIFICA SAPER STARE INSIEME. QD

SI, LO SO

E’ SOLO UNA STUPIDA IDA DIRE CHE UN GIORNO TU SARAI MIO. ANZI DVO TROVARE LA FORZA DI DIRE CHE SARAI SOLO UN CARO E SEMPLICE AMICO. SI, LO SO. NON AVRÒ MAI I TUOI BACI E NON POTRÒ MAI STRINGERTI A ME E DIRTI TI AMO. QD

CHE GIOIA

IL PRIMO GIORNO CHE TI HO INCONTRATO, ANCHE SE NON MI PENSI, NON FA NIENTE. MI BASTA PENSARE AL PRIMO GIORNO CHE TI HO VISTO, E AL FATTO CHE ALMENO TI VEDO. QD

LA PRIMA VOLTA

QUANDO TI HO VISTO PER LA PRIMA VOLTA ARRIVARE DA LONTANO, IL MIO CUORE MI è BALZATO IN GOLA ED HO SENTITO UN FORTE GRIDO DNTRO DI ME.**

PENSO

VADO A LETTO E PENSO A TE, VADO IN CUCINA E PENSO A TE MA MI CONVIENE PENSARE A TE?**

SIMPATIA

ALLA PIÙ SIMPATICA, DOLCE ED UNICA AMICA PER TUTTO QUELLO CHE ABBIAMO FATTO E CHE FAREMO SEMPRE INSIEME GRAZIE!                        

AFFETTO

IO SONO MOLTO AFFEZIONATA A TE, TU SEI COSÌ COMPRENSIVA CON ME ED IO NON POSSO STARE SENZA DI TE.**

FAMMI UGUALE SIGNORE

Fammi uguale Signore a quelle foglie moribonD che vedo oggi nel sole tremar dall’olmo sul più alto ramo. Tremano, si, ma non penano; e tanto limpido il sole e dolce il distaccarsi dal ramo per congiungersi alla terra. S’accendono alla luce furtiva, cuori pronti all’offerta e l’agonia per esse ha la clemenza d’una mite aurora. Fa’ ch’io mi stacchi dal più alto ramo di mia vita così senza lamento penetra di te come il sole.

Colui che nasce

E noi lo cerchiamo e vorremmo che passasse per le straD come uno di noi. Dietro gli andrebbe perfino la pietra in questo bisogno d’amore, sensibile in questa tangibile fame.                                   

EPIFANIA

Non ho come i Magi, che son dipinti sulle immagini, Dll’oro da recarti. Dammi la tua povertà! Non ho neppure Signore la mirra Dl buon profumo, né l’incenso Dl tuo onore. “Figlio mio dammi il tuo cuore” 

UN AMICO CHE NON TI COMPREND

Se mi vedi camMre per strada e ad un tratto piango non voltarti, fai finta che io non esisto, lasciami da solo. 

CANZONE

Una canzone può aprirti il cuore e gli occhi può renDrti felice, ma anche triste, può farti riflettere, anche aiutarti, una canzone può farti cambiare. P

DIO

TI AMO GESÙ COME NON HO AMATO NESSUNO, TI PENSO COME NON HO MAI PENSATO A NESSUNO GESÙ SEI GRAND SEI L’AMICO DLLA MIA VITA. DA QUANDO TI CONOSCO GESÙ INSIEME HO SCOPERTO COSA VUOL DIRE LA VITA MI HAI FATTO CAPIRE Cos’è IL MONDO E SO DI POTER CONTARE SU DI TE. GESÙ NON TI DIMENTICHERÒ MAI.

LA VITA

SIGNORE QUANDO NASCI NELLA MIA CASA FANNO FESTA QUANDO MUORI NELLA MIA CASA C’è SILENZIO QUANDO RISORGI NELLA MIA CASA SONO FELICI QUESTO SEI GRAND

LA MORTE

FA QUALCOSA NELLA TUA VITA COSÌ LA MORTE DIVENTERÀ PER TE UNA COSA CHE NON FA IMPRESSIONE.     

CARO PROFESSORE

VI VOGLIO MOLTO BENE, E SIETE SEMPRE PIÙ BELLO, SE VI TOGLIETE QUELLA BARBA. SIETE UN PROFESSORE MOLTO SIMPATICO.

Caro professore,

vorrei tanto essere la sua segretaria per poterla aiutare in qualunque cosa lei vorrà. Spero che in questo quadrimestre ho un buon voto e che lei rimanga tre anni con me. Non so se ha letto la mia scheda, per quando ho faticato, per fortuna che aDsso l’abbiamo finita. Spero che un mercoledì ci darà le lettere io non vedo l’ora di leggerle tutte e di conservarle accuratamente. Io credo molto in Gesù e sono fiera di me stessa. Odio quelle persone che non credono e non le tratto anche se sono figli di Dio ADsso Dvo lasciarla, a presto! 

SIMPATICISSIMO prof. SCAROLA,

SONO IL SUO SEGRETARIO MA. LE VOGLIO DIRE CHE LEI è UN GRANDISSIMO PROFESSORE, UNICO AL MONDO! SPERO DI SVOLGERE MEGLIO IL MIO COMPITO DI SEGRETARIO.                                                              

CARO PROFESSORE,

VI HO SCRITTO QUESTA LETTERA, PER DIRVI CHE VI VOGLIO MOLTO BENE, PIÙ DGLI ALTRI PROFESSORI. VI VOGLIO CHIEDRE ANCHE A VOI UN FAVORE, SE è POSSIBILE TAGLIATEVI LA BARBA. 

NON SEI SOLO, LA DROGA

è una strada da cui non puoi più uscire se non lo vuoi veramente noi ti chiamiamo ma non riceviamo alcuna risposta se tu non vuoi cambiare strada noi non ti possiamo aiutare tu credi di essere senza sentimenti ti droghi, ma tu soffri il tuo mondo è un mondo buio, di sofferenza, di tristezza la tua strada finisce presto ma se tu ti volti trovi Dgli amici combattiamo la tua lotta insieme. 

L’AMORE

E’ UNA COSA BELLISSIMA, ANCHE SE QUALCHE VOLTA TI FA SOFFRIRE. E SEMPRE UNA COMPAGNIA, è IL FATO DLLA VITA: L’AMORE. L’AMORE HA FATTO INNAMORARE MOLTISSIME CREATURE E LE HA COINVOLTE IN SCENE GIOIOSE, TRISTI, CHE RAPPRESENTANO IL VARIO CAMMINO. L’AMORE TI FA TRIONFARE, SPERARE E TI FA SORRIDRE. C’è UNA COSA CHE IO HO CAPITO; MA NON VORREI DIRLO. E’ UN SEGRETO, MA DVO FARLO. POSSIAMO PIANGERE QUANDO VOGLIAMO, POSSIAMO VIVERE DI MALINCONIA, MA L’AMORE è FORTE E NON PIANGERÀ MAI. 

DROGA

Dov’è finita la spensieratezza Dlla tua gioventù. Ormai molti si marchiano con timbri che non andranno più via e che faranno tanto male. Timbri che segneranno il Dstino, anche quello tuo. Cambia strada, sii un amico. Dio solo sa quanto sto soffrendo per te. E’ una via buia, tu non vedi niente e non capisci che più lontano vai e più sei cieco. Mio Dio, ma ti rendi conto. Sei cieco, eppure vedi. Sei un egoista eppure mangi. Sei quasi un uomo e sei stupido. Apri il cuore, pensa che non sei solo. Pensa che ti possiamo aiutare e pensa che tutto il mondo sta piangendo per te. Pensa che qui ci sono io ad aspettare che tu compi la volontà vera, giusta, adatta per te.SABBIA

Ho inciso il tuo nome sulla sabbia e le onD l’hanno portato via. ho inciso il tuo nome sulla neve e la pioggia l’ha cancellato. Ho scritto il nome di Dio nel mio cuore, per impedire al diavolo di portarmelo via. 

SIRINGHE

1, 10, 100, 1000, ORMAI LE TROVI DAPPERTUTTO, IN OGNI ANGOLO DI STRADA, SU UNA SPIAGGIA QUALUNQUE, ANCHE IN QUEL PEZZO DI VERD SOTTO CASA DOVE I BAMBINI GIOCANO. OGNUNA DI LORO TESTIMONIA UNA SCONFITTA, UNA STORIA DI DOLORE CONSUMATOSI NELLA SOLITUDINE, ALLA VANA RICERCA DI UNO SPIRAGLIO DI LUCE, DI UN BRICIOLO DI FELICITÀ. 1, 10, 100, 1000, E QUANTE ANCORA NE DOVREMO CONTARE, E QUANTI ANCORA CADRANNO DI QUESTA MAGIA CHE REGALA SOLO MORTE. 

L’AMICO, COLUI CHE HA CUORE,

TI STIMA, TI SEGUE E TI AIUTA. STA AL TUO FIANCO NELLA GIOIA E NEL DOLORE. FA DI TUTTO LE TUE GIORNATE SIANO TRANQUILLE E SERENE. NON TI ODIA, NON TI INVIDIA, NON TI CRITICA E NON TI DRID. E’ COLUI CHE TI SOCCORRE, TI DISTOGLIE DAL MALE E TI PROTEGGE DAL PERICOLO. TI CORREGGE QUANDO SBAGLI, NON HA PAURA DI DIRTI LA VERITÀ; NON è ORGOGLIOSO, MA AGISCE SEMPRE CON umiltà. UN AMICO COSÌ NON L’HO ANCORA TROVATO, Né LO SONO MAI STATO.    

LE ILLUSIONI

SONO COSE MERAVIGLIOSE, TI FAN CREDRE CHE CI SIA IL SOLE ANCHE SE SAI CHE PIOVE. TI FAN CREDRE DI ESSERE AMATO ANCHE SE SAI CHE NON è VERO. TI FAN CREDRE CHE C’è LA PACE ANCHE SE SAI CHE REGNA LA VIOLENZA. MA QUESTE SONO SOLO ILLUSIONI, LE DOLCI ILLUSIONI DLLA VITA. ****

LA PACE

GLI UOMINI CONTINUANO A LOTTARE. I GRANDI VOGLIONO CONQUISTARE IL MONDO PER ESSERNE I PADRONI. MA IL MONDO è DI DIO ED è DI TUTTI. FINIAMOLA CON LA GUERRA. SOFFOCHIAMO LA SETE DL POTERE. VIVA LA PACE! VIVA LA VITA! ****

ANCH’IO CANTO L’AMERICA IO SONO IL FRATELLO PIÙ SCURO. MI MANDANO A MANGIARE IN CUCINA QUANDO VENGONO GLI OSPITI MA IO RIDO MANGIO BENE DIVENTO FORTE POI VEDRANNO COME SONO BELLO DOMANI SEDRÒ A TAVOLA ALLORA NESSUNO OSERÀ DIRE A ME: “MANGIA IN CUCINA” E SI VERGOGNERANNO. ANCH’IO SONO L’AMERICA. LP

SE SEI TRISTE

SE TI SENTI SOLO PENSA A DIO GRAND E SOLO. SE TI SENTI TRISTE, PENSA AD ULISSE E LA TUA TRISTEZZA SVANISCE. SE TI ACCORGI DI NON AVERE UN AMICO, PENSA A ME SUBITO DIVENTERÒ IL TUO MIGLIORE AMICO.                                      PP

BELLO

LA VITA è TRISTE?  SONO SFORTUNATO?  NON SONO BELLO?  NON HAI FED IN DIO! SARAI BELLO SE CREDRAI A DIO! LA TUA SFORTUNA è UNA MENZOGNA, SEI SOLTANTO SUPERSTIZIOSO. P

VORREI UN AMICO

VORREI UN AMICO CHE MI AIUTASSE CHE MI CAPISSE CHE MI FACESSE RIDRE. PP

COME UN’ONDA

UNA FORZA MI SPINGE AL SIGNORE, INVANO SAREBBE IL FERMARLA. COME INVANO SAREBBE IL FERMARE L’ONDA DL MARE CHE INCOMBE SULLA TERRA. P

DIALOGO

RAGAZZO: Signore, Signore, la sai una cosa? GESÙ: No, che cosa? RAGAZZO: Sei un uomo granD!   P

DIO QUANDO LO VIDI PER LA PRIMA VOLTA CAPII SUBITO CHE L’AVREI AMATO.                                           PP  

                         

LE STELLE

SI ACCENDONO SU UN FILO DI SETA, ACCAREZZANDO DOLCEMENTE LE BIANCHE NUVOLE, GIACENTI NELL’IMMENSA OSCURITÀ. PP

LA VERGINITÀ

Secondo me la VERGINITÀ è una cosa seria, molti ragazzi dai dodici anni hanno avuto GIÀ la prima relazione e così non va bene. Alcuni ragazzi per questo fatto si vantano Altri si vantano hanno la ragazza e così si sbagliano. Alcuni si sono macchiati avendo GIÀ la prima relazione Certi alunni Dlla scuola non hanno nemmeno una ragazza e pensano sempre a studiare ed è per questo che vengono presi in giro, ma così non si dovrebbe fare. Personalmente penso che sia una cosa giusta avere la ragazza così si può esprimere il proprio sentimento d’amore verso un’altra persona e farglielo capire in un modo più confiDnziale di una semplice amicizia. Per me la VERGINITÀ rappresenta una cosa di cui non bisogna vergognarsi. Casamassima 30-03-92 CF

PROVVIDNZA

ProvviDnza è una parola sacra che vuol dire provveDre, specialmente alle necessità altrui. E chi fa questo ad un’altra persona è una persona che fa Dl bene. ProvviDnza può anche voler dire l’ordine con il quale Dio regge e protegge la creazione e guida lo sviluppo Dlla storia e cioè è un’assistenza benevola di Dio a favore Dlla creature. ProvviDnza è una cosa o un avvenimento felice ed inaspettato.           CF

 

IO TI ASPETTO!

AMORE SIGNIFICA COSTRUIRE INSIEME UNA STORIA MAGNIFICA CON DOLCEZZA ED AFFETTO SAPER DIRE TI ASPETTO. V

 

Perché  TI DROGHI?

LO SAI CHE TI FA DL MALE. NON AMI TE STESSO, AMANDO TE STESSO E CREDNDO NELLA VITA, TU PUOI VINCERE. TU SEI SEMPRE PIÙ FORTE DI LEI. MP

VERGINITÀ

NON VUOI TENERE LA TUA VERGINITÀ? VUOI DL MALE A TE E A DIO CHE TI VUOLE UN MONDO DI BENE? MP                       

SUPERSTIZIONE

PENSI ALLA SUPERSTIZIONE?  PENSI AL MALE? COSÌ FACENDO TU RINFORZI IL MALE ED INSULTI DIO. FACENDO COSÌ NON SEI PIÙ UN VERO CRISTIANO. MP

RICCHEZZA VERGINITà

L’UOMO POSSIED UNA GRAND RICCHEZZA CHE PROTEGGER FINO AL MATRIMONIO DOVRÀ: LA VERGINITÀ. S Giusy

IL BUCO

DAI RAGAZZO NON BUCARTI. SE UNA MANO VUOI, PUOI CHIAMARE SEMPRE NOI. SE PROBLEMI IN FAMIGLIA HAI, VIENI QUI E LI RISOLVERAI. SE LA VITA NON TI SODDISFA CONTINUI AD AVVILIRLA? MA SE FINIRLA VUOI, DL DISPIACERE DARAI AI TUOI. SG                        

AMICIZIA

SPRIZZA DA OGNI ANGOLO DL TUO CORPO LA FELICITÀ, MA ? SEI AL SETTIMO CIELO, GIOCHI, TI CONFIDI, HO CAPITO HAI TROVATO UN AMICO. ANNA LISA

PARODIA

PROFESSORE NOSTRO CHE SIETE SULLA CATTEDRA SIA LODATA LA VOSTRA SEDIA SIA FATTA LA VOSTRA VOLONTÀ DATECI OGGI I BUONI VOTI ANCHE SE SIAMO IMPREPARATI AMEN! S Giusy

RIMA a Lorenzo

SE IL NOME DL MIO PROFESSORE VOLETE SAPERE SI CHIAMA LORENZO SCAROLA CON TANTO PIACERE. SG

SALUTO DA UNA AMICA

TI SALUTO BENEVOLMENTE CON UN BACIO AMMORBIDNTE MA TI POSSONO BACIARE PER POI SEMPRE CON TE SCHERZARE QUANDO SARAI FINALMENTE LODATA, RICORDATI DLLA TUA AMICA CHE TI HA BENEVOLMENTE SALUTATA! SG

LA VERGINITÀ

E’ UN DONO DI DIO DIO è SOLO, DIO è UNICO AMATI COME DIO TI AMA NON DISPREZZARE IL BENE DI DIO SEI DOCCE, SEI GRAZIOSA, COME UN UCCELLINO SU UNA ROSA. B

AVERE UN’AMICA

AVERE UN’AMICA è TUTTO è COLEI CHE TI PARLA, TI CAPISCE, TI PERDONA, TI SORRID TI VUOL BENE COME UNA SORELLA IO SO COSA VUOL DIRE HO CONOSCIUTO TE MV.

LA MIA CLASSE

2^G è UNA CLASSE DAVVERO SPECIALE, NON VI DIMENTICHERÒ MAI. LE VOSTRE PRESE IN GIRO, I NOSTRI PICCOLI LITIGI QUANTE RISATE, QUANTO DIVERTIMENTO. ANCORA UNA VOLTA, NON VI DIMENTICHERÒ MAI. QM

TI DROGHI?

LO FAI? E’ SCIOCCO E’ STUPIDO TI ROVINA LA VITA, TI DISTRUGGE! E POI INFINE TI CONDUCE ALLA MORTE FRANTUMANDO COSÌ I TUOI DSIDRI E I TUOI PROGETTI ? FA

FELICITA’

è AVERTI COME AMICA, è STARE CON TE LA FELICITÀ è SENTIRTI VICINA. BASTA COSÌ POCO PER ESSERE FELICI.          FA

LA FAME NEL MONDO

LA FAME NON HA CONFINI LA SOFFRONO ANCHE I DLFINI. PERÒ I DLFINI HANNO DA MANGIARE MENTRE GLI UOMINI NON SANNO CHE FARE. PER LA FAME SI MUORE, A PENSARCI MI SI SPEZZA IL CUORE. PM

LA FAME

E’ UNA COSA BRUTTA, NOI IN TELEVISIONE VEDIAMO LA FAME NEL MONDO, ED IO SONO MOLTO DISPIACIUTA. QUINDI IO PROVO UN GRAND UN GRAND DISPIACERE, E VORREI TANTO AIUTARLI. LD

L’ARBITRO

Dà IL FISCHIO D’INIZIO COME SE FOSSE UN VIZIO INIZIA A TRASCORRERE TEMPO E OGNI TIFOSO è CONTENTO ALCUNE AZIONI SPETTACOLARI FATTE PROPRIO DAL BARI FINISCE IL PRIMO TEMPO A RETI INVIOLATE E LE SPERANZE DI VITTORIA SONO COME VOLATE, MA ALZANO LE BANDIERE I TIFOSI E ARRIVA IL PRIMO GOAL. L’URLO DLLA GENTE SI FA POTENTE TRASCORRE ALTRO TEMPO E ALTRE AZIONI E AVVENGONO MOLTE EMOZIONI. L’ARBITRO FISCHIA LA FINE E I VINCITORI ALZANO LE MANI IN CIELO GRIDANDO: VITTORIA!!!!!!! P N E D

LE MIE RIFLESSIONI SULLA FAME

LA FAME SECONDO ME è UNA COSA MOLTO BRUTTA E IO VORREI FARE QUALCOSA

SE LA FAME NON CI FOSSE PIÙ. IO QUANDO VEDO DLLE PERSONE AFFAMATE VERAMENTE MI SI SPEZZA IL CUORE ED IO NON CI POSSO FAR NIENTE. QUANDO VEDO IL TELEGIORNALE E C’è IL PROBLEMA DLLA FAME MI CHIUDO GLI OCCHI PER NON GUARDARE. PREGO IL SIGNORE LA FAME NON ESISTA PIÙ. RAGONE P.

MI SVEGLIO E

MI SVEGLIO E RICORDO LA SITUAZIONE IN ETIOPIA DORMO E SOGNO GENTE CHE MUORE DI FAME E CHE VIENE UCCISA OH! QUANTO VORREI TUTTO IL CONTRARIO MI SVEGLIO E RICORDO BRUTTI RICORDI CHE PECCATO. BCO

LA FAME

CHE COS’è, DOV’è, ESISTE? SONO DISPERATO E PENSO A TE. DIO HA CREATO LA NATURA, MA IO L’HO BRUCIATA. DIO è LA BONTÀ E CI MOSTRA FELICITÀ, MA SOPRATTUTTO SINCERITÀ. LA FAME LA FAME è UNA COSA BRUTTA ED IO NON POSSO FAR NIENTE IO NON HO GIOIA, NEL CUORE SONO TRISTE. IO HO VOGLIA DI DARE TANTE COSE AI BAMBINI DLL’AFRICA, DLL’AMERICA E DLL’ASIA. LA FAME LA FAME, LA FAME LA DVI DIMENTICARE. LA FAME, LA FAME NON LA DVI PENSARE. LA FAME LA DVI BRUCIA. S 

CUORE INFRANTO

OGGI HO VISTO UN CUORE INFRANTO, ERA SOLO, NELLA TEMPESTA IL VENTO SOFFIAVA, IL CIELO ERA SCURO. ECCO CHE PER INCANTO SI OD UN DOCCE CANTO LUI ALL’IMPROVVISO SI GIRA E DICE: “CHI SEI TU, DOLCE FANCIULLO?” “IO SONO QUI PER UNIRE IL TUO CUORE CON IL MIO, PER UNIRLO IN UNO SOLO.” Nn

CARO PROFESSORE,

NOI TUTTI SIAMO DISPIACIUTI CHE VOI L’ANNO PROSSIMO NON CI SARETE PIÙ VOI CI AVETE DATO TANTA GIOIA E CHE NON CREDO CI DARÀ UN’ALTRO PROFESSORE LE FACCIO I MIGLIORI AUGURI PER L’AVVENIRE

I MIEI AMICI

RIDONO FELICI CON TANTA ALLEGRIA SONO IN COMPAGNIA UNA GRAND COMPAGNIA LA PIÙ BELLA CHE CI SIA. STAR CON VOI MI FA FELICE A ME TANTO PIACE. P N                                                                                                  

LA FAME

LA FAME è UN DISAGIO NEL MONDO PER QUEL MALCAPITATO CHE GIRA IN TONDO PER TROVARE DA MANGIARE. MONDO INFAME. POPOLI CIVILI NON RICORDATEVI SOLO DI COLORO CHE SONO VILI MA DI COLORO CHE ASPETTANO ANCHE INUTILI VIVERI. RG C

LA FAME NEL MONDO

LA FAME METTE IN EVIDNZA LA DLINQUENZA E L’ODIO A CAUSA DI ESSA VENGONO MOLTE MALATTIE A VOLTE INFETTIVE. VORREI TANTO CHE QUEI BIMBI POVERI UN GIORNO POSSANO AVERE UN PO D’AFFETTO E AMORE, L’AMORE VERO CHE OGNUN VA CERCANDO.            OM                                                                                                                                      

LA FAME

LA FAME CHE COS’è? IO NON LA CONOSCO! LA SENTO QUANDO UN LEGGERO GRIGRI MI TOCCA LO STOMACO.           SE VOGLIO PENSARCI: TUTTO IL MONDO SA DAVVERO AMARCI? SE NON VOGLIO PENSARCI: ALLORA SI CHE CI SAREBBE FAME! VENDTTA E CRUDLTÀ COME CE N’E’ GIÀ. MA IL SIGNORE CI FA RICORDARE CHE L’AMORE SI DVE DARE E LA VIOLENZA LASCIARE.  L R

AVEVO SOGNATO

AVEVO SOGNATO UN GRANDE PRATO PIENO DI FIORI E DI IMMENSI COLORI. GIOVANI ALBERI PIENI E RICOLMI DI FRUTTI. ANIMALI BUONI E CATTIVI CHE GIOCAVANO PER LA FELICITÀ DEL SIGNORE.            LR                               

IL MIO DIARIO

NEL MIO DIARIO CI SONO COSE SEGRETE CHE SOLO IL MIO SIGNORE SA LUI NON IL DICE A NESSUNO, CI DA TANTA BONTÀ. CON LUI RIESCO A SCRIVERE MOLTE COSE E RIESCO A VEDERE CHE MI DA PACE E FELICITÀ. L. R

GUARDANDO

GUARDANDO LA SERA CHE HAI CREATO, VI VIDI VIVACI STELLE CON LUCE DI LUNA SPENDENTE. GUARDANDO IL GIORNO CHE HAI CREATO, CI SCOPRO IL GIALLO DI UN SOLE ILLUMNTE IN MEZZO AD UN CELESTE DI MARE CALMO. CON TANTE RONDINI E UCCELLI DI BONTÀ CON TUTTI I TERMINI. GUARDANDO L’IMMENSA NATURA CI SCOPRO FRUTTI E FIORI DI TUTTI I COLORI PIENI DI TANTA AMAREZZA DELICATI PER LA LORO BELLEZZA PER DIMOSTRARE UNA BUONA TENEREZZA. GUARDANDO TUTTO QUELLO CHE HAI CREATO; GUARDO ME STESSA E TI RINGRAZIO PER LA MIA BELLEZZA. L R

TI RINGRAZIAMO

TI RINGRAZIAMO DA QUEL GIORNO CHE CI HAI MESSO AL MONDO. TI RINGRAZIAMO PER LA NOSTRA PERFEZIONE FISICA. TI RINGRAZIAMO CI FAI STAR BENE. ED IO CON AMORE TI DICO: “ALLELUIA A TE !” LR       

IL GRANDE GIORNO

GIÀ LA LUNA TIMIDA STAVA SPUNTANDO NEL CIELO NERO, MA COSTELLATO DI STELLE. QUANDO AD UN CERTO PUNTO DIO COMANDÒ: “TU STELLA COMETA PORTA G SULLA TERRA” COSÌ FECE FELICI I MIEI GENITORI CHE VOLEVANO TANTO ABBRACCIARE IL LORO PICCOLO FIGLIO. NON INTERESSAVA COM’ERO, C’ERO. BASTA CHE C’ERO. IO FUI CONTENTO QUANDO SENTII QUESTA STORIA E, QUANDO GUARDO IL CIELO COSTELLATO, PENSO SEMPRE A QUEL GIORNO FATATO. ED OGNI SERA PRIMA DI ANDARE AL LETTO DICO SEMPRE:”GRAZIE DIO CHE MI HAI ELETTO”. RG C.

CARO PROFESSORE,

TI SCRIVO QUESTA LETTERA PER RACCONTARTI DI TUTTA QUESTA CLASSE SPAZIENTE E PAZIENTE TI DICO QUALCOSA SULL’AMICIZIA: MOLTO IMPORTANTE! TANTO ALLEGRA! TANTA ALLEGRIA E SIMPATIA!! L R

CARO PROFESSORE,

Questa lettera la scrive De N M A, le voglio dire che dal primo giorno che lei è entrato a far parte della nostra classe io la trovo molto simpatico, nel senso che nel dare i compiti è molto severo e gentile.

CARO PROFESSORE

VORREI RITORNARE INDIETRO A QUEL PRIMO GIORNO DI SCUOLA CHE T’HO CONOSCIUTO. ERI IL MIO PRIMO PROFESSORE, VICINO A VOI MI SENTIVO SICURA, VORREI CHE LE VOSTRE ORE PROFESSORE, NON PASSASSERO MAI. SEI CON NOI SOLO UN Pò, ED IO SONO TRISTE HO BISOGNO DI VOI, DI QUEL VOSTRO “SHALOM” CHE CI SCAMBIAMO. LR

PENSO A LEI COME PENSO A TUTTI GLI ALTRI

IL MIO STUDIO GLIELO REGALO DI COSE VECCHIE, MA SARÀ PIENO DI COSE NUOVE PER SEMPRE ANCHE SE SONO QUELLE POCHE ORE IN PIÙ. LR

I BIMBI

OTTO BIMBI SI TENGONO PER MANO SALTANO, GIOCANO E FANNO BACCANO. CORRONO IN FILA STRETTI IN CATENA, VOLANO INSIEME SULL’ALTALENA. NESSUNO LA MANO DELL’ALTRO MOLLA, APPICCICATI SON CON LA COLLA. SE CADE UNO, CADONO DI SOTTO TUTTI DALL’UNO ALL’OTTO, MA OGNI BAMBINO RIMANE SANO PORTA FORTUNA TENERSI PER MANO. P R.

IL SOLE

IL SOLE CADE SUL MONDO, SOPRA LE CASE SOPRA DI TE. NON SI ROMPE CON I RAGGI SI MOLLEGGIÒ. PRECIPITA, PRECIPITA, NON LO PUOI TRATTENERE. PER NON ESSERE COLPITO TI VAI A RIFUGIARE DENTRO UN’OMBRA. IL SOLE CHE BELLA BOMBA. V PASQUA

SIGNORE,

IO SONO QUI SOLTANTO PER CANTARE IL TUO CANTO NEL TUO MERAVIGLIOSO UNIVERSO, DAMMI IL MIO PICCOLO POSTO. V PASQUA

COME IL SOLE

DA QUEL LUMICINO CHE OCCHIEGGIA LONTANO SI FA PIÙ CHIARO, S’APPRESSA E DIVENTA SOLE CHE ACCECA, SGRETOLA LE ROCCE, E IL CAMMINO ECCO SI SPIANA COSÌ LA SPERANZA CESSA DI ESSERE SPERANZA E DIVENTA REALTÀ. V P.            

GELOSIA

acqua minerale acqua naturale chi tocca la mia ragazza gli faccio il funerale. N

La tua grazia è nel mio cuore.

La mia grazia è nel tuo cuore. Come marzo pazzerello che lascia l’ombrello. FN

GIRANDOMI

ALCUNE VOLTE IO MI GIRO, E VEDO IL SOLE DI GESÙ MIO. ALCUNE VOLTE NON MI GIRO E VEDO LA CRUDEZZA DEL DIAVOLO, SOPRATTUTTO LA SUA AMAREZZA. ORA MI STO FERMO, AIUTO GLI ANZIANI, VOLENDOGLI UN SACCO DI BENE.        Bco

E’ PASQUA

PASQUA DI PACE CRISTO NON TACE. PASQUA D’AMORE CI DONA IL SUO CUORE INNEGGIA NEL MONDO COME UN GIROTONDO URLA LA TUA RAGIONEESPRIMI LA TUA OPINIONE. CADONO I MURI CADONO I DURI TORNA LA LIBERTÀ CHE PORTA FRATERNITÀ. STORIA CHE ORA MUTA GUERRA NON PIÙ TEMUTA. IN CORO L’UMANE GENTI. NO! GLI ARMAMENTI! PORTEREMO SU QUESTA STRADA, PACE IN OGNI CONTRADA. E’ LA PACE DI GESÙ PARTECIPA ANCHE TU. RG C

LA FELICITÀ

DELLA VITA DOVE VAI RAGAZZO SENZA AMORE?  L’ODIO E LA TRISTEZZA REGNANO NEL TUO CUORE? FERMATI, GUARDATI ATTORNO è PIENO DI MERAVIGLIA IL NOSTRO MONDO. SCOPRI LA PACE, CERCA L’AMORE, SPERIMENTA LA GIOIA CHE TI DA IL SIGNORE. NELLA SUA BONTÀ INFINITA TI HA CHIAMATO AL MONDO E TI HA D LA VITA. E TU FELICE SARAI, SE IL CORAGGIO DI VIVERLA FINO IN FONDO PER SEMPRE AVRAI.            RG C

W GESÙ

NOI NON DOBBIAMO TRADIRE GESÙ

GESÙ TU SEI LA MIA LUCE, TU SEI LA MIA VITA, GLORIA A TE GESÙ. AMIAMO IL NOSTRO SIGNORE. W GESÙ. DE N M 

IL VULCANO

IL VULCANO DI POMPEI, CANTA TUTTI I GIORNI: “HO FAME, HO FAME, MA NESSUNO MI PUÒ DARE DA MANGIARE”. MA LA GENTE SI SCOCCIÒ E LO SUICIDÒ. LA MATTINA DOPO ERUTTÒ. N G

PREGHIERA TI BENEDICO, O DIO,

PER LA MIA VITA CHE è PICCOLA, MA è GRANDE NEL TUO AMORE, E PER LA GENTE DI CUI L’HAI FIORITA. TI BENEDICO PER IL BABBO MIO, PER IL SUO SGUARDO TENERO E PROFONDO, PER IL SUO AFFETTO TI RINGRAZIO, DIO! TI BENEDICO, DIO, PER LA MIA MAMMA, CH’è L’ANGELO PIÙ BUONO DEL TUO CIELO PER IL SUO AMORE CH’è COME UNA FIAMMA. TI BENEDICO, DIO, PER TUTTI I BENI CHE INCONTRO SULLA VIA DELLA MIA VITA, E FANNO I GIORNI MIEI LIETI E SERENI.       A LA T  

A DIO

OH! MIO DIO TU SEI IL CUORE MIO. NELLA GIOIA E NEL DOLORE MI RIEMPI IL CUORE CON TANTO AMORE TI AMERÒ NELLA VITA E NELLA MORTE E NEL CORSO DELLA MIA SORTE DIO AMAMI E TI AMERÒ.                   P N

L’AMORE VERO - GESÙ E TUTTO,

GESÙ è LA LUNA, GESÙ è LA VITA. I TUOI OCCHIONI GRANDI, IL TUO VISO CHE RISPLENDE SU TUTTI, LA TUA BOCCA PULITA, IL TUO VOLTO AFFASCINANTE, VORREI TANTO VENIRTI INCONTRO PER CONFIDARTI TUTTI I MIEI SEGRETI E I MIEI PROBLEMI. MA INNANZITUTTO VORREI CHIEDERTI PERDONO E OTTENERE AMORE. L’AMORE VERO, QUELLO CHE OGNI UOMO O DONNA NEL MONDO VA CERCANDO.     MO

DEDICATA AL PROFESSORE DI RELIGIONE

QUESTA POESIA LA VOGLIO DEDICARE AL PROFESSORE DI RELIGIONE, SI CHIAMA LORENZO SCAROLA. ESSO è ALTO, HA I CAPELLI E GLI OCCHI CASTANI, VESTE SPORTIVAMENTE, E IL SUO CARATTERE LO POSSIAMO PARAGONARE A: “UN PADRE PER TUTTI” MI PIACCIONO MOLTO LE SUE CANZONI MI PIACE CHE SI FA RISPETTARE DAGLI ALUNNI COME PROFESSORE SONA STATA VERAMENTE FELICE DI INCONTRARE QUESTO PROFESSORE. MM

MCCIA

L’AMORE E L’AMICIZIA SONO TUTTO PER ME, NON SO PER GLI ALTRI, MA PER ME SI! AMO TUTTI, TRANNE TE CHE SEI CONTRO DI DIO. AMO TE SE SEI LA VITA. ODIO TE CHE SEI CONTRO LA VITA. TI VOGLIO BENE PADRE SENZA DI TE, NON ESISTEREI. PDI M                                                                   

AMO LA VITA

L’AMICIZIA E L’AMORE SONO UNA COSA MOLTO BELLA, IO VORREI VIVERLI CON LA VITA. IO VOGLIO BENE A TUTTI ANCHE A QUELLI CHE MI ODIANO NON MI CONOSCONO. INVECE AMO TE CHE SEI IL MIO DIO E LA MIA VITA. TI VOGLIO UN SACCO DI BENE INFINITO.            LD                                                         

PER MOLTO TEMPO SIAMO STATE AMICHE

POI PER SCHERZO UN GIORNO CI SIAMO ABBRACCIATE E DA QUEL MOMENTO PER ME SEI DIVENTATA PIÙ DI UNA AMICA. LD                                                      

CASAMASSIMA: AMO IL MIO PAESE

LO AMO IN ESSO HO PASSATO MOMENTI BELLI E BRUTTI E SPERO DI NON LASCIARLO MAI. NE SENTIRÒ LA NOSTALGIA, E NON POTRÒ MAI DIMENTICARLO.        LD

AL MIO PROFESSORE DI RELIGIONE

PROFESSORE, SONO MOLTO CONTENTA DI AVERTI CONOSCIUTO. DA QUANDO TI HO VISTO LA PRIMA VOLTA, HO SENTITO LA VOCE DI DIO NEL MIO CUORE. MI DICEVA CHE VI HA MANDATO LUI, PER INSEGNARCI CHE COSA è L’AMORE E L’AMICIZIA. VI RINGRAZIO SIGNORE! VI RINGRAZIO PROFESSORE! VI VOGLIO BENE. G VINCENZA

TI RINGRAZIAMO

TI RINGRAZIAMO DA QUEL GIORNO CHE CI HAI MESSO AL MONDO. TI RINGRAZIAMO, PER LA NOSTRA PERFEZIONE FISICA. TI RINGRAZIAMO, CI FAI STAR BENE. ED IO CON AMORE TI DICO : “ALLELUIA A TE”. R L.   

AVEVO SOGNATO UN GRANDE PRATO

PIENO DI FIORI E DI IMMENSI COLORI GIOVANI ALBERI PIENI E RICOLMI DI FRUTTI. ANIMALI BUONI E CATTIVI CHE GIOCAVANO PER LA FELICITÀ DEL SIGNORE. LR                                                                                       

GUARDANDO LA SERA CHE HAI CREATO,

VI VIDI VIVACI STELLE CON LUCE DI LUNA SPLENDENTE.

GUARDANDO IL GIORNO CHE HAI CREATO, CI SCOPRO IL GIALLO DI UN SOLE ILLUMNTE IN MEZZO A UN CELESTE DI MARE CALMO. CON TANTE RONDINI E UCCELLI, DI BONTÀ CON TUTTI I TERMINI. GUARDANDO L’IMMENSA NATURA CI SCOPRO FRUTTI E FIORI DI TUTTI I COLORI PIENI, DI TANTA AMAREZZA DELICATI PER LA LORO BELLEZZA. PER LA LORO BELLEZZA SVEGLIANO L’EBBREZZA. PER DIMOSTRARE TENEREZZA. GUARDIAMO TUTTO QUELLO CHE HAI CREATO. GUARDANDO ME STESSA IO TI RINGRAZIO PER LA MIA BELLEZZA. LR                        

VITA SERENA UN PAESE DI SOLE,

UNA CASA LEGGERA, UN CANTO DI FONTANA GIÙ NEL CORTILE, E UN SEDILE DI PIETRA, E SCHIAMAZZO DI BIMBI, E UN PO DI NOI IN SOLAIO, UN ORTICELLO, GIORNI SENZA NOME E LA CERTEZZA DI VIVERE.

LE FARFALLE VARIOPINTE, I FIORI VARIOPINTI. IL VERDE è RISPUNTATO DAL SOLE ORMAI INNALZATO. GLI UCCELLI CINGUETTANO, I BIMBI GIOCANO, E VECCHIETTE PASSEGGIANO E CHIACCHIERANO. INSOMMA IN GIRO SI SENTE ARIA DI PRIMAVERA. MARIELLA M

PADRE PER TUTTI

SI, CHE LUI è UN PADRE PER TUTTI! IL SIGNORE CI AMA IN OGNI CIRCOSTANZA, CI CONSOLA NEI MOMENTI DIFFICILI. LUI CI PENSA SEMPRE, MA NOI QUALCHE VOLTA LO DIMENTICHIAMO. E LO POSSIAMO DIMOSTRARE QUANDO NON ANDIAMO A MESSA, OPPURE IL GIORNO DI NATALE E PASQUA PENSIAMO AI REGALI E NON A LUI. LUI CHE SE ANCHE FACCIAMO MARACHELLE, CI AIUTA IN OGNI MOMENTO. MALLARDI M.

I MIEI AMICI RIDONO FELICI,

CON TANTA ALLEGRIA SONO IN COMPAGNIA. UNA GRANDE COMPAGNIA, LA PIÙ BELLA CHE CI SIA. STAR CON VOI MI FA FELICE. P N

ARRIVA PRIMAVERA

PORTA AMORE E FELICITÀ E TANTA SERENITÀ. RIESCE A RISVEGLIARE OGNI COSA E NULLA PIÙ RIP. TUTTI I RAGAZZI SONO FELICI QUANDO SANNO CHE LA PRIMAVERA STA’ ARRIVANDO, NEL CUORE SI RISVEGLIA QUALCOSA COME UNA DOCCE E CANDIDA ROSA. IL PAESAGGIO NATURALE è COME UN DIPINTO SULLA TELA DI UN ARTISTA RINATO, CHE RIPORTA UNA PRIMAVERA TANTO SOGNATA DAI RAGAZZI DELLA 1^G E DAI LORO PROFESSORI CHE HANNO FEDE NEI LORO CUORI. RG C

NON UCCIDERE

FAI DEL MALE?  UCCIDI? COSÌ NON FAI SOLO DEL MALE ALL’ALTRA PERSONA, MA TI UCCIDI CON LE TUE STESSE MANI. ORA SICURAMENTE VIVI NELL’OMBRA, NELLA MORTE, NEL PECCATO. FATTI PERDONARE E NON FARE PIÙ DEL MALE. RICORDATI: COSÌ BRUCI LA TUA VITA; LA VITA CHE è UNA COSA BELLA. MA TU LA VITA NON L’HAI, LA LUCE è VITA, INVECE TU VIVI ALL’OMBRA, QUINDI VERSO LA VIA DELLA MORTE. NON FARLO. G VINCENZA

BUON APPETITO

MANGIO, MANGIO COSA? UN BEL PIATTO DI SPAGHETTI! BASTA CHE NON VI TROVO STESI SUI LETTI. BEVO, BEVO COSA? UN BEL BICCHIERE DI VINO! SENZA FARE UN RUTTO. VA BENE, VA BENE MI AVETE CONVINTO, MANGIO ANCH’IO SU QUESTA TAVOLONA! DOVE I PIATTI TI FAN VENIRE LA CAGNAGOLA. BCO                                                                                                                                                

CARO PROF. SCAROLA,

LE SCRIVO PER DIRLE CHE COME INSEGNA LEI NON LO FA PIÙ NESSUNO. CI FA DIVERTIRE E QUINDI NON VOGLIAMO CHE CI LASCI IL PROSSIMO ANNO. NICO P 1^G

LA FAME

è una cosa brutta. Noi in televisione la fame la vediamo in un modo, ma il brutto è viverla, è ancora più brutto provi tutte le cose più pericolose. E’ una cosa orribile viverla E allora aiutiamo tutti quei poveretti. LD

IL CAVALLO è UN ANIMALE INTELLIGENTE E BUONO,

MA CERTE VOLTE CATTIVO. BIANCO, MARRONE, INSOMMA VARIOPINTO. LUI è NEI NOSTRI SOGNI MOLTE VOLTE NOI PENSIAMO DI CAVALCARE UN CAVALLO BIANCO E ATTRAVERSARE IN UN VOLO TUTTO IL MONDO CHE BELLO VOLARE CON UN CAVALLO! MM

IL MONDO

è COME UN GIROTONDO CI STIAMO SOPRA E NON CADIAMO FISSATI PER TERRA SIAMO COME CON LA COLLA E PER SALTARE USIAMO LA MOLLA IL MONDO è TANTO FORTE E SORREGGE TUTTE LE PORTE E’ FATTO DI TANTI STRATI NON LO DISTRUGGONO NEANCHE I PIRATI. P N                                                                             

FELICITÀ

STAVA PIOVENDO E VIDI 7 PULCINI RIPARATI SOTTO 15 OMBRELLINI. POI USCÌ IL SOLE E STAVANO AL RIPARO SOTTO UN AMPIO OMBRELLONE. COME ERANO BELLI; GIALLI, BIANCHI, COME UNA BANDIERA.

STAVA PIOVENDO E VIDI 7 PULCINI, TUTTI, CHE AL RIFLESSO DEL SOLE NE VIDI 17. BUSCO R

CONCORSO:

“POSSIBILE CHE OGGI C’E’ CHI MUORE DI FAME?” PER UN CRISTIANO IL VANGELO RISOLVEREBBE OGNI DIFFICOLTÀ!

FAME: sensazione interna, molesta, insorgente con contrazioni muscolari dolorose a carico della regione gastrica intestinale, che si diffondono per tutto l’organismo. Si aggiunge, la cefalea, vertigini, senso di mancamento, debolezza generale. DANNI IRREVERSIBILI AL CERVELLO ECC..

CARO PROFESSORE DI RELIGIONE

SONO LA TUA ALUNNA V FILOMENA E TI SCRIVO CON IL CUORE E CON LE LACRIME PROFESSORE IO NON VOGLIO CHE LEI IL PROSSIMO ANNO VADA VIA DALLA SCUOLA LEI è MOLTO BUONO E NON IMPORTA CHE TANTI RAGAZZI VOGLIONO CHE LEI VADA VIA. PER NON ANDARE VIA VENGA AD ABITARE A CASAMASSIMA NOI RAGAZZE LE TROVEREMO UNA PICCOLA CASA, COSÌ PUÒ RESTARE CON NOI CIAO DALLA TUA ALUNNA V FILOMENA SPERO CHE LA LEGGA E LA CONSERVI.

CARO PROFESSORE,

è G VINCENZA CHE VI SCRIVE. LE AUGURO PRIMA DI TUTTO UN BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO. LE DEVO CONFESSARE CHE VI STO SCRIVENDO CON TUTTO IL CUORE PER DIRVI CHE LE VOGLIO UN MONDO DI BENE. SONO CONTENTA DI AVERVI COME PROFESSORE, SIETE SIMPATICISSIMO. NON SO COSA SCRIVERVI, MA LE ASSICURO CHE VI VOGLIO BENE MA NON SO COME ESPRIMERMI, MA SONO SICURA CHE VOI MI CAPIRETE. PERÒ MI DISPIACE CHE LA VOSTRA MATERIA CI TOCCA UNA VOLTA SOLA ALLA SETTIMANA E CHE L’ANNO PROSSIMO NON SARÀ TRA NOI. IO LA INV A TROVARSI UNA BELLA CASA A CASAMASSIMA, PER EVITARE CHE L’ANNO PROSSIMO SE NE VADA. SICURAMENTE AVRETE CAPITO COSA PROVO PER VOI.

COS’è L’OROLOGIO?

E’ UN ROTONDO CHE SEGNA L’ORA. HA I NUMERI GRANDI DA UNO A DODICI, UNA LANCETTA PICCOLA CHE SEGNA L’ORA, QUELLA GRANDE CHE SEGNA I MINUTI, E QUELLA PICCOLA CHE CORRE VELOCEMENTE I SECONDI. NOI MOLTE VOLTE CI DOMANDIAMO: “CHE ORA E’ ?” E’ L’ORA DEL RIPOSO! MM

LA SCUOLA

LA SCUOLA è UN EDIFICIO IMMENSO, PIENO DI RAGAZZI COLMI NELLO STUDIO, TUTTI A GIOCARE QUANDO DRIN! DRIN! DRIN! E’ LA CAMPANELLA DELL’ORA. ENTRA IL PROFESSORE DI MUSICA CON L’ESPRESSIONE SEVERA: “MANETTI INTERROGATO!” MISE UN VOTO SUL REGISTRO E DRIN! DRIN! LA SUA ORA VOLÒ TUTTO SOMMATO LA SCUOLA UN MISTERO.                                   MM

CARISSIMO PROFESSORE,

VI SCRIVO QUESTA LETTERA PER DIRVI CHE NOI SIAMO TUTTI FRATELLI E COME IO VOGLIO BENE AI MIEI GENITORI, VOGLIO BENE A LEI E A TUTTI GLI ALTRI PROFESSORI. IO NEI SUOI CONFRONTI MI CONSIDERO UN’AMICA ANZI PIÙ DI UN’AMICA. MI PIACE IL SUO METODO DI INSEGNAMENTO, AL CONTRARIO DI QUELLO DI LETTERE. SIETE MOLTO SIMPATICO E BUONO, CI FATE SCHERZARE E RIDERE. SPERO CHE LEI RESTERÀ CON NOI, TUTTI E TRE GLI ANNI E CI FACCIA IMPARARE TANTE COSE UTILI E IMPORTANTI. CIAO CON AFFETTO E SIMPATIA.        PR

PROFESSORE SONO CONTENTA CHE MI INSEGNI LEI LA RELIGIONE.

VOI VI DOMANDERETE IL . SIETE SEMPRE DALLA PARTE DEL GIUSTO. BUONO E CONTENTO, VOLETE A TUTTI BENE, NON A UNO NO E ALL’ALTRO SI. SECONDO ME IL SIGNORE CI HA CREATI TUTTI UGUALI E QUINDI VOI FATE BENE AD AMARE TUTTI ALLO STESSO MODO SENZA PREFERENZE. CI AIUTATE QUANDO ABBIAMO DEI PROBLEMI CHE DA SOLI NON RIUSCIAMO A RISOLVERE E CI FATE CAPIRE CHE NON SIAMO PIÙ BAMBINI, MA ADULTI E DOBBIAMO AFFRONTARE LA VITA CHE CI ASPETTA. QUESTO è TUTTO QUELLO CHE IO PROVO PER LEI SHALOM PROFESSORE.           MM

LA FAME NEL MONDO

NON è SEMPLICE COME UN GIROTONDO è MOLTO IMPORTANTE PER TUTTA LA GENTE. LA FAME SI ESTENDE, SI ESTENDE, PERFINO DIETRO LE TENDE. CI SONO RAGAZZI GETTATI PER TERRA VICINO AI BIDONI PER ASPETTARE DEI DONI OH! COME VORREI AIUTARE CHI STA MALE! PER AMARLI E VOLERGLI BENE.                                P N

IL TELECOMANDO

UN GIORNO GIOCAVO COL MIO TELECOMANDO QUANDO AD UN TRATTO FUI CHIAMATA. SENTIVO CHE LA VITA SI AFFRONTAVA CON PROBLEMI PASSAI OGNI VOLTA LA MIA PAURA E COSÌ ARRIVAI ALLA 1^G C’ERANO SIGNORI E SIGNORE NON PIÙ MAESTRE, MA PROFESSORI TUTTI BELLI E TUTTI FORTI. MA ALL’IMPROVVISO VIDI IL NOSTRO AMICO DI RELIGIONE CHE ESPRIMEVA TANTA ALLEGRIA. IO MI ACCORSI DI VOLERGLI BENE E PENSAVO CHE NON DOVEVA ANDARE MAI VIA CON AFFETTO Le SCRIVERÒ.               LR

AI NONNI

Se tornaste tra noi da quel paradiso infinito. E’ un solitario giorno di Mo, è l’ora di divertirci e amare, per noi che siamo, in questo mondo solo e solitario. Così, lungamente ho aspettato di far grande per conoscervi. Finalmente ho potuto conoscervi attraverso una foto che mi ha stupefatta. Oh! Potervi aver visto una volta! Avrei avuto una gran felicità! PR

LA CREAZIONE DELLA TERRA

DIO CREÒ IL MARE, LA TERRA, IL VENTO, IL SOLE LA CASA, LA STRADA, GLI ANIMALI, ECCO POI COMUNICÒ IL VERBO CHE FECE RICONOSCERE LA PACE; ED ESPANSE TANTA MAGIA. CON LUI TUTTO ERA VERO. IL VERBO, CIOÈ GESÙ CI HA RICONOSCIUTI DAL PRINCIPIO.                                       LR

AMICI

GLI AMICI SONO TANTI SONO ANCHE GIGANTI SE SONO INSIEME UNITI SARANNO PER SEMPRE UNITI - UNITI COME FRATELLI ANCHE BRUTTI E BELLI BASSI E ALTI SONO ANCHE SPAVALDI SONO FORTI E NON CADONO E DAL CIELO NON PIOVONO. P N

I BAMBINI POVERI

MUOIONO DI FAME PER UN PIATTO SI UCCIDONO. FN

CARO GESÙ

Caro Gesù, io ti voglio molto bene, ti prometto che sarò sempre molto buono con i miei genitori e col mio professore preferito, cioè Scarola Lorenzo.

CONSIDERAZIONI

Io sono un gattino, tu sei una gattina, stringiamoci il codino e diamoci un bacino. E

GESÙ E IL LATTE

Il latte è puro, così è Gesù! Il latte è buon per tutti. Gesù è buono con tutti. Il latte è buono. Gesù è buono e fa cose buone e giuste. Il latte è naturale, semplice, bianco. Anche Gesù è semplice, non pretende niente da quando ha fatto la sua comparsa sul mondo. Gesù è amore, dolcezza, e latte. Mnna T

GRANDE AMICIZIA

L’AMICIZIA è LA VIRTÙ PIÙ BELLA DELLA TERRA, SENZA DI LEI IL MONDO SAREBBE IN GUERRA. LA VERA AMICIZIA PRODUCE GIOIA E AMORE, CHE BUSSANO CON TREMORE ALLA PORTA DEL NOSTRO CUORE. GIOVINAZZO PATRIZIA

QUANDO CI SEI TU

E’ bello sentirsi il vento gelido sulla faccia E’ bello stare dietro il motore e stringersi forte E’ bello quando mi guardi negli occhi senza dir nulla. E’ bello sentirsi sicura quando mi appoggio sulle tue spalle. E’ bello quando ci sei tu. RA 1^h

CANTO:

UN CUORE MATTO, MATTO DA LEGARE, SOLO PER LORENZO, ZAN-ZA. T

LA PACE

NON IMPORTA CHI TU SIA NON IMPORTA QUALE SIA IL TUO CREDO SE TI CHIEDONO QUAL’è LA COSA PIÙ IMPORTANTE RISPONDI SEMPRE: LA PACE! V V M

LA VITA CONTINUA

Conosco un luogo ove la pace è conquista sicura e lento scorre un fiume di lacrime Dove il sole manda pietosi raggi di luce e la luna veglia silenziosa in dolci preghiere: qui tace per sempre la sete di gloria e la vita continua in un inno d’amore. V V M

Se stringo la tua mano

SIGNORE NON RITIRARE LA TUA DESTRA, SE STRINGO LA TUA MANO MI LEGO A TUTTI E NESSUNO RESTERÀ ESTRANEO.

RICEVERE PER DARE

RICEVERE PER DARE LA MISSIONE DELL’UOMO SULLA TERRA NON è RICEVERE PER POSSEDERE, TANTO MENO è SDEGNARSI DI RICEVERE; è , PIUTTOSTO, RICEVERE PER DARE. V V M

Caro prof. Lorenzo Scarola io ti voglio bene.

Io voglio che tu l’altro anno non te ne vai. DIO è IL NOSTRO CREATORE PER TUTTI I SECOLI DIO è IL CREATORE DEL MONDO DIO è NOSTRO PADRE NOI SIAMO TUTTI FRATELLI DIO è IL NOSTRO SIGNORE DIO è LA COSA PIÙ IMPORTANTE DIO è LA SAPIENZA GESÙ è NOSTRO FRATELLO GESÙ è SEMPRE CON NOI DIO è PADRE DI GESÙ. VIVA LORENZO SCAROLA  NITTI PALMA

DISEGNO DI LORENZO C

Disegno: un grande cuore in continua espansione è circondato da frecce centrifughe che sempre lo dilatano. All’interno più volte: “LORENZO SCAROLA LORENZO C

LA LEGGE NEL CUORE

SIGNORE, MIO DIO, QUANTE MERAVIGLIE HAI COMPIUTO. COME SONO STRAORDINARI I TUOI DISEGNI SU DI NOI! VORREI PARLARNE E RACCONTARLI OVUNQUE; MA COME DIRE TUTTO MA TU HAI APERTO LE ORECCHIE DEL MIO CUORE; HO CAPITO CHE NON VUOI SACRIFICI GRAVOSI HO CAPITO CHE VUOI L’AMORE. M

W L’AMORE

DAL PROFONDO DEL MIO CUORE DICO CHE NON C’è COSA MIGLIORE DELL’AMORE. VIVA L’AMORE, CON TUTTO IL CUORE. L’AMORE DA ANCHE DOLORI E MOLTE VOLTE CI PUNGE IL CUORE. E’ BELLO L’AMORE PER CHI HA IL CUORE. VIVA L’AMORE! per il mitico, generoso e buono Scarola da M

MAMMA

TU NON SEI UNA STAGIONE, TU NON SEI UNA CANZONE, CHE PURTROPPO SI DIMENTICA. TU PER ME SEI L’UNIVERSO, TU PER ME SEI DIVERSA, SEI QUALCOSA DI INCREDIBILE. IO VORREI, VORREI SAPERE, CHE COSA SEI PRIMA O POI LO SAPRÒ E NEL CUORE TI PORTERÒ. T M GIOVANNA

TI ODIO

TI CREDEVO L’AMICA DEL CUORE, TI CREDEVO L’AMICA MIGLIORE, TI CREDEVO L’AMICA PIÙ SINCERA. PERÒ ADESSO TI ODIO, MI HAI FATTO TANTO SOFFRIRE. T.M.G.

A TUTTI PACE

GESÙ è nato in una mangiatoia, noi capiamo che lui è alla porta di tutti noi, è nato per donarci la vita, è morto sotto molte sofferenze per salvare tutti noi, è risorto per donarci una piccola parola. Parola che ha una grande emozione! R FIERMONTE

PASQUA

PER TUTTI GIORNO DI FESTA. IN QUESTO GIORNO MIRACOLOSO RISORGE GESÙ. DOBBIAMO ACCOGLIERLO CON UN CUORE ALLEGRO. GESÙ è MORTO PER NOI. OGGI DOBBIAMO INGINOCCHIARCI A LUI. A LUI, NOSTRO SALVATORE. TM

SE TU MI GUARDI SONO COME UNA FARFALLA ROSSA

SE MI PARLI SONO IL CANE CHE ASCOLTA SE M’AMI SONO IL FIORE CHE SI SCALDA TRA I TUOI CAPELLI SE MI RESPINGI SONO UNA CANOA VUOTA CHE VA SUL FIUME E IL SASSO LA SPEZZA. Al mio simpaticissimo professore Lorenzo Scarola. RA

RIDERE

CARO PROFESSORE, TU SEI IL PIÙ BRAVO, BUONO. GENTILE CON TUTTI GLI ALTRI, QUALCHE VOLTA FAI RIDERE.         M

LA FORZA DEL VENTO

O VENTO TU SPAZZI LA COSTA CON FORZA, TU CHE ROMPI IL SILENZIO DEI MONTI, TU CHE MUOVI LE NUBI DEL CIELO, SOFFIA CON GRANDE FURORE E SPAZZA VIA DAL MONDO: L’ODIO, LA VIOLENZA E IL DOLORE. P A

GIARDINO IN FIORE DOVE SI PASSAN LE ORE.

BELLO E INCANTATO, PROFUMATO E COLORATO. LONTANO DA GUERRE E UCCISIONI, DA LOTTE E TRASGRESSIONI. SANTUARIO DI AMORE E FELICITÀ, DI GIOIA E DI BONTÀ. GIARDINO IN FIORE SOGNO DI OGNI CUORE. P A                                                                                                  

IL FUMATORE è UN PERDITORE,

EGOISTA E SENZA AMORE. STA LI SEDUTO SULLA PANCHINA E FUMA FIN DALLA PRIMA MATTINA. VA IN UFFICIO A LAVORARE E TROVA ANCHE IL TEMPO PER FUMARE. GIOCA CON SUO FIGLIO SEMPRE FUMANDO E NON SI ACCORGE CHE LO STA AVVELENANDO. COSÌ AGISCE IL FUMATORE CHE NON AMMETTE MAI IL SUO ERRORE. COMBATTE PER NON INQUINARE, MA ALLA SUA SIGARETTA NON VUOLE RINUNCIARE. CHE PUZZA DI FUMO????? P A

A QUALSIASI ETÀ SI PUÒ AMARE

Difficilmente riesco a costruire dentro di me un pò di FELICITÀ. Mi chiedono sacrifici, esigono impegno, vogliono che obbedisca, ma non conoscono il mio dolore, la mia solitudine. Ma soprattutto non sanno che a qualsiasi età si può amare. Un amore banale, stupido, infantile, ma sincero forte e bello per te Lorenzo, Lorenzo sei grande, forte e sincero. Vi teniamo nel nostro cuore. Ma insomma, lo vuoi capire che ti vogliamo bene. P A

L’AMICO è UNA PERSONA IMPORTANTE. NON IMPORTA CHI SIA!

BASTA CHE SIA UN AMICO, UN VERO AMICO! NON TANTI, UNO SOLO. E TU HAI UN AMICO? IO SI! SI CHIAMA GESÙ. E’ BELLO, ALTO, GENTILE E SEMPRE FEDELE. MA NON SONO SOLO IO LA SUA AMICA. HA AMICHE, AMICI DI DIVERSE RAZZE: BIANCHI E DI COLORE. E’ SPIRITO, MA SEMPRE PRESENTE IL SUO PAPÀ SI CHIAMA DIO. GESÙ SIEDE ALLA SUA DESTRA. GESÙ è MORTO SULLA CROCE PER NOI. QUINDI SAPPI RISPETTARLO, AMARLO. VA AL SUO BANCHETTO CON GIOIA INFINITA TU ABBIA LA VITA.                  FORTUNATO ROSA

CANZONE: LORENZO

LORENZO è LA PACE PIÙ VIVA CHE C’è. LORENZO, CI SIAMO “INNAMORATI” DI TE. NON CI LASCIARE, NON CI FARE RATTRISTARE. NON CI ABBANDONARE, NOI POTREMMO FINIRE MALE. TU SEI BELLO. TU SEI BUONO, TU SEI BELLO ZAN-ZA.                     MT

L’AMORE

è QUELLA COSA CHE UNISCE. L’AMORE è LA COSA PIÙ BELLA CHE C’è.                MT

LA VITA E LA MORTE

LA VITA è BELLA. A VOLTE LA SI AMA A VOLTE LA SI ODIA. NELLA VITA CI SONO MOMENTI DIFFICILI. LE PERSONE SOLE SI UCCIDONO, SPRECANO LA VITA DONATAGLI DA DIO. A MOLTE PERSONE PIACE LA VITA. LAVORANO ONESTAMENTE. ALLE PERSONE, DISPIACE QUANDO ARRIVA LA MORTE. CON LA MORTE SI LASCIANO GLI UMANI E SI VA DOVE SI VA. SOLO LE PERSONE ONESTE VANNO CON DIO. MNNA T

PER TUTTI

TUTTI ABBIAMO DEI DOVERI, PICCOLI E GRANDI. I BAMBINI PICCINIPICCINI, DEVONO FARE I BUONI E DEVONO UBBIDIRE AI GENITORI, GLI ALUNNI DEVONO STUDIARE PER DARE SODDISFAZIONE A SE STESSI E AI LORO GENITORI. I GENITORI DEVONO LAVORARE PER I PROPRI FIGLI, DEVONO MANDARE AVANTI UNA CASA, DEVONO COCCOLARE I PROPRI FIGLI.

UN DOVERE UGUALE PER TUTTI

è AMARE DIO. MNNA T

MATTINO:

MI ALZO. SI PUÒ VEDERE UNA LEGGERA NEBBIOLINA FRA IL BUIO DELLA NOTTE. RITORNO A LETTO. PENSO. NON SO A COSA PENSO. ALLE GUERRE, AGLI INCIDENTI, AI LADRI, AL MONDO. FRA QUESTI MILLE PENSIERI, ARRIVA L’ALBA. INCOMINCIA UN’ALTRO GIORNO. UN GIORNO COME GLI ALTRI. PIENI DI VITA, UN GIORNO D’AMORE. MT

SERA:

LA SERA CONCLUDE IL GIORNO. BIMBI, ADULTI, ANZIANI, SI RIPNO DOPO UN LUNGO GIORNO. LA SERA, ACCOGLIE I PROBLEMI DEL GIORNO, PASSANDOLI ALLA NOTTE, CHE LI TRAMUTA IN MAGNIFICI SOGNI. MT

LA NOTTE:

LA REGINA DEL BUIO, ADDORMENTA TUTTI, COL SUO IMMENSO VELO BUIO. NON CORRISPONDE ALLA PAURA LA NOTTE. LA NOTTE è SERENITÀ; è SICUREZZA. E TANTI SOGNI!!!!! MT

COME BAMBINI

CI CONOSCEMMO DA BAMBINI. GIOCAVAMO, SCHERZAVAMO. STAVAMO BENE INSIEME. STAVI PER FARE UNO SBAGLIO. IO VOLEVO FERMARTI. TU RISPONDESTI MALE AL MIO GESTO DI AMICIZIA FRATERNA. NON MI PARLASTI PIÙ. CERCAVO DI FARTI CAPIRE IL MIO INTENTO. TU TI ARRABBIASTI TI DISSI:”L’AMICIZIA PER ME è TUTTO. SE NON C’è AMICIZIA, NON C’è VITA” SOLO ALLORA CAPISTI LA MIA AMICIZIA DA QUEL MOMENTO, RITORNAMMO A GIOCARE COME FACEVAMO DA BAMBINI. MNNA T

IMPOSSIBILE DIMENTICARTI.

IMPOSSIBILE DIMENTICARTI, IL BLU DEL CIELO MI RICORDA IL BLU DEI TUOI OCCHI, LA MUSICA MI RICORDA IL TUO SORRISO COSÌ DOLCE, E IL ROSSO MI RICORDA LA FORZA DEL MIO AMORE PER TE PROFESSORE SCAROLA LORENZO. “COTTO DI TE”. P A

A TE

I MIEI OCCHI SI ILLUMNO NEL GUARDARTI, LE MIE LABBRA TREMANO NELLO SFIORARE LE TUE. QUANDO SONO LONTANA DA TE IL TEMPO è ETERNO. MA QUANDO TI RIVEDO LA MIA MENTE SEMBRA DIMENTICARE TUTTO.           P A

LOTTA!

QUANDO VIENI DELUSO DA UN AMORE NON CORRISPOSTO NON ARRENDERTI, NON PIANGERE SU TE STESSA MA LOTTA E VINCERAI. P A

LA VITA:

LA VITA A VOLTE è STRANA, A VOLTE è SERENA. TI REGALA MOMENTI INDIMENTICABILI, MA A VOLTE SA ESSERE ANCHE DURA TI PUNISCE PER I TUOI ERRORI. MA LA VITA VA VISSUTA COSÌ COM’è, ACCETTANDO TUTTO SIA I MOMENTI BRUTTI CHE QUELLI BELLI. P A

COS’E’ L’AMORE

L’AMORE E’ QUALCOSA CHE SI VEDE, CHE SI SENTE IN CUORE. L’AMORE SI SENTE PER QUALCUNO CHE TI VUOLE BENE, COME LA MAMMA E IL PAPA’. L’AMORE NON SI PROVA SOLO DANDOSI DEI BACI O ACCAREZZANDOSI IL VISO. MA SI PROVA PER CHI HA BISOGNO DI ESSERE AMATO. L’AMORE, COME DICE DIO E’ NECESSARIO PER VOLERSI BENE. L’AMORE E’ UNA COSA MERAVIGLIOSA. P A

Non più sguardi d’angoscia, noi saremo fratelli

Non più sguardi d’odio e nel cielo c’è una luce, sarà per rischiarare il nostro amore. E se nelle fronde c’è una melodia, sarà per cullare il nostro sonno. Noi saremo fratelli, noi saremo uniti e gli astri del firmamento saranno tanto brillanti quando il nostro destino.                    DA M PER IL MITICO SCAROLA

A Dio:

Ti odiano non parli, ti amano ti temono, ti sentono esisti, Ti vedono sei amore. Io credo in te, solo, so leggere l’infinita dolcezza, l’immensa tenerezza degli occhi di un bambino. PG

DROGA:

Amica alterata del pazzo moderno, regali al mondo eterni sogni, Dte visioni. Togli l’amore, la serenità, la forza. Avvicini mollemente il tuo alterato padrone alla tua cara amica, la morte. PG

AMORE:

L’amore è bello, come un gioiello. E’ un sentimento nobile, un gioco umile. Tutti gli uomini sanno amare, se no non sarebbero uomini. Qualunque essere umano sa amare. L’amore è bello più di un gioiello. Io sono più importante di tutto l’oro splendente. Io so amare l’oro no. M N

IL FIGLIO DELL’UOMO:

ARRIVÒ UN UOMO CHE SIN DA BAMBINO CONQUISTÒ UN POPOLO. ARRIVÒ UN UOMO CHE CRESCENDO CREÒ UN POPOLO ARRIVÒ UN UOMO CHE SOLO DOPO ESSERE STATO UCCISO DAL POPOLO FU CAPITO ED INVOCATO. ARRIVÒ L’UOMO, GESÙ, IL CRISTO, LA CERTEZZA DI UN POPOLO NUOVO. ANDATE A DIRLO A TUTTI. MANFREDA N (copiata)

DIO TI HA AFFIDATO A ME!

NESSUN TESORO DELLA TUA ANIMA E DEL TUO CUORE VADA PERDUTO AL CONTRARIO: BELLAMENTE E RICCAMENTE TUTTO IN TE SVILUPPI E FIORISCA.

DIO,

ATTRAVERSO LA TUA INTERCESSIONE POSSA RISCATTARE I MIEI ENORMI PECCATI. POSSA PRESENTARMI A TE SVILUPPATA, SALVA DA TUTTO CIÒ CHE è VOLGARE E UCCIDE LO SPIRITO. RA

DIO CHI SEI? UN AMICO? CERTO PER ME E PER TUTTI. NOI TI AMEREMO PIÙ DEL SOLE E DELLA TERRA. TU SEI PER NOI, PADRE, MADRE E FRATELLO FIORENTE. DIO, SEI UN AMORE, UN FIORE ED UN CALDO SOGNO, CHE PER LA VIA SI AVVERERÀ. P A

LORENZO è UN GRANDE UOMO,

FORTE, BUONO, POTENTE, GENTILE. E’ EDUCATO CON TUTTI, AFFETTUOSO, ONESTO. Carissimo professore, siamo due vostre alunne della 1^h. Nutriamo per voi una grande simpatia. Siete il nostro professore che preferiamo di più. Siete gentile e buono. Vi vogliamo bene. FORTUNATO E MARSALA

QUESTA LETTERA NON E’ UNA LETTERA

NON E’ CHE UNA PAROLA, MA UNA PAROLA CORTA, CHE SIA MIO ANGELO CUSTODE. RACCHIUDE IN SE UN BACIO LUNGO, COME LA VITA ED UN AMORE LUNGO, COME L’ETERNITÀ. RA

I.N.R.I.

PER NOI DIO E’ UN GIGANTE GRANDE E GROSSO CHE NOI AMIAMO A PIÙ NON POSSO. NOI SIAMO AMICI TUOI, CHE TU AMI PIÙ DEL PARADISO CHE E’ BELLO COME IL TUO VISO ANCHE SE NON SAPPIAMO COME SEI FATTO, TU CI AMI E PARLI... A FATTI.

LA NOSTRA VITA

E’ COME UN GIOIELLO, CHE TU CI HAI D COME UN ANELLO CON CURA E AMORE DAL NOSTRO SIGNORE.       PATTY e EANGY

VOLA, COLOMBA DI PACE

Cullandoti sulle onde dell’etere, passando sopra i monti e i mari vola, vola, colomba di pace. Oh! MIA CANZONE SONORA! Racconta a colui che ascolta come è vicina ormai l’era agognata di cui oggi vive e respira l’uomo della tua patria Non sei tu sola, vi saranno molte colombe tue compagne: v’aspetta sulla soglia lontana. Il cuore di dolci amici, vola nel purpureo tramonto. Nel soffocante fumo delle officine, nei quartieri dei negri e sulle acque del Gange. VOLA! DA M PER IL GENEROSO SCAROLA

AMICIZIA

SEI SINCERA, AIUTI! SEI FALSA, CONVIENI. RENDI GRANDI GLI UMANI EGOISTI. TI AMANO MOLTO. SERVI SEMPRE E DAI FIDUCIA E FORZA ALLE DEBOLEZZE DI CHI USA TE PER NON RESTARE SOLO CON IL SUO BUIO EGOISMO. PG

FIORE

TENERO SMERALDO DI UNA SPORCA TERRA. SERVI I MIEI OCCHI, CREI VANITÀ, RENDI FELICE UNA DONNA CHE VEDE RIFLESSA NELLA TUA ESILE IMMAGINE, LA SUA SPERANZA D’AMORE, I SUOI TENERI SOGNI. PG

GOCCE D’AMORE

GRAPPOLI DI STELLE APPESI ALLA LUNA ONORANO LA SERA A FESTA NELLA MEMORIA DEL TEMPO RINASCE LA GIOIA L’ORCHESTRA DI LUCI CHE OSCILLA NELLA NOTTE SUONA CANZONI D’AMORE E NOI COME FANCIULLI, BEVIAMO GOCCE D’AMORE. PG

SAN VALENTINO Nell’alveare della vita nettare di miele per nutrire l’intesa. La tua visione dirada la fitta calca dei pensieri ed entra la luce dei tuoi occhi eliminiamo steli spinosi nel roseto d’amore e raccoglieremo fiori profumati. V DOMENICA

LORENZO TI VOGLIO BENE ASSAI

SEI BELLO E CARINO W LORENZO SEI BUONO. DA LORENZO C

PER IL PROFESSORE PIÙ DOLCE CHE ESISTA AL MONDO

CIOÈ LORENZO SCAROLA: L’uomo più pazzo del mondo sai chi è? Quello che vola sulla cima del Re! E’ un uomo forte e gentile che mena sempre ai più CRETINI, e’ un gioiello che assomiglia ad un castello forte e fiero ben temprato un uomo vero.                        Carissimo professore siamo le vostre alunne Margherita e A - Vi scriviamo per dirvi che per noi sarà un vero dolore al CORASON lasciarvi quest’anno. Vi manderemo una cassetta con le nostre due voci per farvi un po’ di compagnia quando vi sentirete solo e triste. Ci mancherà il vostro stato d’animo e il vostro sorriso che somiglia al PARADISO. LORENZO ! ADDIO !

Sei per me il sole,

la luce che mi sveglia al tramonto della vita. Un sogno che ogni bimbo aspetta con pazienza. Lorenzo noi ti aspetteremo sempre, e così farà chi ti ha già conosciuto. Lorenzo, non abbandonare il nostro cuore e non dimenticare noi che ti abbiamo amato con tutto il CORASON..LORENZO, noi dunque ti diciamo Addio, nostro caro Lorenzo. da P A. e Marsala

LORENZO RITORNA!

Addio ti dicemmo quella volta che fu, ma ora ti diciamo RITORNA e non lasciarci più. Ritorna per il povero Lorenzo, per noi alunni tuoi cari per i bambini delle altre classi.Ritorna o dunque gioia nostra, ritorna dal tuo lungo viaggio che Dio ti ha ordinato di fare per la FELICITÀ di altri bambini. Ritorna e allora canteremo ancora i canti tuoi preziosi. RITORNA, RITORNA PER NOI!  P e MARSALA

TRISTEZZA VAI VIA

QUESTA PERSONA TRISTE, (disegno) MA CON LEI, PROFESSORE TUTTO DIVENTA ROSE E FIORI. LEI è LA VITA, LA GIOIA, L’ALLEGRIA, LA SPERANZA.           vostre Patty e Mery                 

W IL PROF. SCAROLA

Professore, voi siete bello come il Paradiso che si associa al vostro viso. Il vostro carattere è molto simpatico e avete un cuore molto buono. Vi voglio sempre con me per non lasciarvi mai. Io faccio per me, e faccio anche per tre, tra questi tre ci siete voi. Vi voglio bene e sarò più buono per esaudirvi e rendervi felice. E G

Caro professore,

sono la vostra alunna Anaclerio, sappiate che vi terrò sempre con me: nel mio cuore. Mi siete molto mancato comunque sono molto felice di scrivervi. Mi siete molto simpatico e carino. Io vorrei tanto che voi il prossimo anno non andate via, mi sono tanto affezionata, non credo proprio di lasciarvi così come un uccello. Quando voi ve ne andrete e verrà un’altro professore io non mi troverò bene, ormai mi sarò affezionata a voi, a Lorenzo Scarola. Per la prima volta quando vi ho visto non mi sembravate proprio che eravate il professore di Religione ma un professore di Lettere siete molto simpatico e bello. Non ho più niente da dirvi e ora vi saluto.

Il mio professore preferito è Lorenzo Scarola,

CIOÈ il professore di Religione. Lui è il migliore è l’unico che riesce a capire i pensieri di noi adolescenti. Tutti gli altri professori parlano sempre male del nostro comportamento, hanno ragione, però non capiscono che ci sono alcuni alunni che danno fastidio ed altri che sono infastiditi Così si forma molto caos. Egli invece è l’unico che ci vuole veramente bene, come noi ne vogliamo a lui. Lui apprezza tutto: poesie, disegni anche se sono solo scarabocchi, è questo che lo rende veramente buono. Conosce molte canzoni divertenti, molte storie divertenti, lui è divertente. Io e i miei compagni. siamo tutti dello stesso parere, lui è, e rimarrà sempre il migliore professore! C ANNA T SHALOM! PROFESSORE!

MIO CARO PROFESSORE,

TU SEI IL PIÙ CARINO DEI MIEI PROFESSORI. QUANTE VOLTE TU CI FAI RIDERE E CI VUOI ANCHE BENE. SE ERESEMPIODICIAMOQUALCHECOSABRUTTA, TU SUBITO CI RIMPROVERI. TU SEI IL PROFESSORE PIÙ SIMPATICO, PIÙ GENTILE E PIÙ CARINO CHE HO MAI VISTO NELLA SCUOLA MEDIA. ORA TI SALUTO. DA M E R

E’ LEI, ARRIVA LA PRIMAVERA,

GUARNITA CON VIOLE, ROSE E TULIPANI. NON PENSA CHE ALLA PACE SERENA, LA PRIMAVERA è ARRIVATA.

LA PROVVIDENZA

E’ ARRIVATA CON LA SUA MANO, PER LIBERARCI DA OGNI BISTICCIO, SORTO PER OGNI NOSTRO CAPRICCIO. PERÒ NON SEMPRE ESSA CI AIUTA. SE DELUSIONI NON VORRAI, NON SFIDARLA MAI. MNNA T

CARO LORENZO

QUESTO CUORE è PER TE CON TANTO AFFETTO DA LORENZO JUNIOR

SPERO CHE QUESTO DISEGNO

TI PIACCIA TANTO L’HO FATTO CON TUTTO IL CORASON TI VOGLIO TANTO BENE VIENI PRESTO TI PREGO.    LORENZO C

GESÙ IL MIO AMORE GESÙ,

GESÙ è IL FIORE PIÙ BELLO DEL MONDO. E’ UN’ACQUA SPLENDIDA, PURA E LEGGERA. E’ L’AMICO PIÙ GRANDE E PIÙ FEDELE. E

IL FUMO

LO ODIO, FA SOL MORIRE LE PERSONE. VORREI SAPER CHI L’HA INVENTATO QUESTO AMMAZZA PERSONE. COME SE NON BASTA, IL FUMATORE NON RISPETTA LA PERSONA ECOLOGISTA. CHE PENSA A RIMANER NATURALISTA. MNNA T

IL FIORE

SBOCCIA IN PRIMAVERA, SECCA IN AUTUNNO, NON PENSA CHE A FAR BELLO IL MONDO PAZZERELLO. ACCOMPAGNATO DAL VERDE PRATICELLO. MNNA T

FIDANZATI

ESSERE FIDANZATI è UNA COSA MERAVIGLIOSA, CI SI SENTE EMOZIONATI, FELICI, SPENSIERATI, PERÒ QUANDO FRA I DUE SCOPPIA UNA LITE CI SI SENTE COME SE TI CROLLASSERO TUTTE LE FORZE. E POI TI SALGONO IN MENTE TUTTI I BEI RICORDI PASSATI INSIEME. RA                                                                    

LA MORTE

NEGLI ULTIMI BATTITI DEL CUORE, MI SOVVENGONO IN MENTE I MOMENTI IN CUI LA MIA MAMMA MI HA MESSO AL MONDO, MI SOVVIENE IL MIO PRIMO AMORE IL MIO PRIMO BACIO IL MIO PIANTO PER LA MORTE DEL MIO GATTINO. MA ORA SON FELICE DI MORIRE  COSÌ AVRÒ IL MIO PRIMO CONTATTO CON DIO FINALMENTE POTRÒ CONOSCERE IL MIO PAPÀ CHE è MORTO IN GUERRA. IL MIO CUORE VOLA VERSO. IL PARADISO. CHE BELLO IL PARADISO. RA

PIANGO PER AMORE

LUI IN UNA NOTTE STELLATA MI PIANTÒ IN ASSO SOTTO UN ALBERO VICINO ALL’IMMENSO MARE DOVE SI RISPECCHIA LA DOLCE E CANDIDA LUNA CERCAVO CONFORTO IN QUELLA LUNA E INVECE MI FACEVA SOLO PIANGERE QUANDO LO INCONTRO PER LE STRADE SCOPPIO IN UN MARE DI LACRIME MA IL GIORNO DOPO MI RITROVO INSIEME A LUI IN UNA MAGNIFICA CHIESETTA IN RIVA AL MARE. RA

LA ROSA

NEL MIO GIARDINO C’ERA UNA ROSA COLORATA, I SUOI COLORI RIEMPIVANO LA GIOIA DI TUTTE LE PERSONE, DICEVANO: “E’ BELLA QUELLA ROSA TUTTA COLORATA”. DI GIALLO DI ROSSO DI VERDE DI AZZURRO DI VIOLA ERA IL FIORE PIÙ BELLO DEL GIARDINO. V V M

LA BELLEZZA

LA BELLEZZA DI UNA PERSONA NON CONTA SE è ESTETICA MA SOLO SE è SIMPATICA BUONA GENEROSA NON SE è GELOSA, GOLOSA, VANITOSA. UN UOMO è BELLO SOLO SE IL SUO CUORE BRILLA D’AMORE COME UN GIOIELLO.         M N

SE SEI DELUSA NON DISPERARTI

E NON PIEGARTI ALLE DIFFICOLTÀ ALZATI ERITENTA CON SERENITÀ CE LA FARAI E RIUSCIRAI ESPERIENZA PIÙ ESPERIENZA è UGUALE A SAPIENZA. M N

MATTEO 21.1

QUESTO PARAGRAFO PARLA DELLA VENUTA DI GESÙ A GERUSALEMME. QUANDO GESÙ ARRIVÒ VICINO A GERUSALEMME, ORDINÒ A DUE SUOI DISCEPOLI DI ANDARE NEL PAESE A PRENDERGLI UN ASINO. GESÙ AGGIUNSE: “SE LA GENTE DICE QUALCOSA DITE CHE SERVE AL SIGNORE”. IO HO CAPITO CHE QUESTO PARAGRAFO DEL VANGELO NON L’HO LETTO PER CASO, MA è STATO DIO A VOLERE CHE IO LEGGESSI QUESTO PARAGRAFO. IO, DA QUESTO, HO CAPITO CHE BISOGNA OBBEDIRE SEMPRE AL SIGNORE, EGLI SA QUELLO CHE FA. IO, QUINDI, DA QUESTO PARAGRAFO HO IMPARATO AD OBBEDIRE SEMPRE AL PADRE CELESTE. (insegnai a scegliere un brano del Vangelo e caso e a riconoscere una profezia individuale)

LA GUERRA

LA GUERRA COSA MALEFICA, IGNOBILE, CHE UCCIDE I FRATELLI E SPAVENTA GLI UCCELLI. C’è LA GUERRA? SOLDATI, MARIONETTE PER UCCIDERE CHE NON POSSONO SORRIDERE. LA PACE VOGLIAMO SORRIDERE VOGLIAMO.

LA STELLA DI DIO LA STELLA BRILLA NEL CIELO CON AMORE SERENO LE STELLE BRILLANO NELLE NOSTRE PUPILLE LA STELLA è DI UN BEL COLORE E CI ILLUM COL SUO IMMENSO AMORE.

IL NEMICO ANCHE SE EGLI TI ODIA E TI CONSIDERA UN CATTIVO ELEMENTO NON PROVARE PER LUI LO STESSO SENTIMENTO INSEGNAGLI AD AMARE E A SAPER PERDONARE AMA IL TUO NEMICO E DIVENTA SUO AMICO.                       M N PER SCAROLA  

CARO PROFESSORE,

IO TI VOGLIO BENE TANTO, NON SOLO OGGI, SEI IL MIO PROFESSORE. TU A ME PENSI, CIÒ MI DICE L’AMORE CHE SENTI PER ME. MI AIUTI, MI PROTEGGI CON CORAGGIO E VOLONTÀ. V V M PER LORENZO SCAROLA

AMORICINO, CUORICINO,

TU PER NOI SEI IL SOLE CHE RISPLENDE ALLA LUCE DEL MATTINO. NON TE NE ANDARE TI PREGO. VI VOGLIAMO TANTO BENE. MARSALA E FORTUNATO                                        

LA FAME

LA FAME FLAGELLO DELL’UMANITÀ, è UNA TRAGICA REALTÀ. BAMBINI, ANZIANI, GIOVANI MUOIONO DI FAME, E MANGEREBBERO QUALSIASI COSA PUR DI NON MORIRE. NON CI DOBBIAMO STUPIRE, LA FAME, FLAGELLO DELL’UMANITÀ è UNA TRAGICA REALTÀ. M N

SOLIDARIETÀ

La SOLIDARIETÀ non si usa sempre. In questo paese è andata troppe volte soggetta a sbagli che l’hanno scoraggiata.

IL PULCINO

Il pulcino è una piccola creatura indifesa. Il pulcino sa amare come noi e forse più di noi. Il pulcino viene amato da mamma gallina che lo fa diventare grande. Il pulcino è simbolo d’amore e di TENEREZZA.

I FIORI

I fiori sono stupendi. I fiori sono teneri. Anche i fiori vengono amati da Dio. Dio li crea anche se fragili, belli, molto belli. I fiori servono per molte cose: per fare un regalo, per ringraziare qualcuno, soprattutto Dio e Gesù.

L’AMORE

L’AMORE è SEMPRE AMORE. SULL’ALBERO DELL’AMORE SI TROVANO FRUTTI MERAVIGLIOSI; QUESTI FRUTTI SI CHIAMANO AMICI. CHI HA UN VERO AMICO è FELICE. UN AMICO TI SA AMARE, UN AMICO TI è SEMPRE FEDELE.      Da PG per il magnifico Scarola

 

Caro professore, io vi voglio tanto, tanto, tanto, tanto, tanto, tanto, tanto bene, più di qualsiasi persona, più dei miei genitori. Oggi 30592 è l’ultimo giorno che vi vedo e mi viene da piangere l’anno prossimo non insegnerete nella nostra scuola. Credo che non ce la farò a stare senza di voi vi voglio un casino di BENE. Vi scongiuro restate a insegnare in questa scuola senza di voi io sono certo che morirò. Se voi ve ne andrete, io vi terrò nel mio cuore fino all’infinito e ogni sera leggerò il vangelo, rispetterò i genitori e mangerò tutto. Vi voglio bene. Non vi dimenticherò mai.            M N

 

MI RACCOMANDO:

Dio è l’universo, Dio è la terra. Ma per Lui, noi valiamo mondo e universo messi insieme, noi per lui siamo tutto, però lui prova dolore quando vede degli esseri umani commettere atti impuri. Allora io dico e spero che questo un giorno finisca e Dio sarà completamente felice di noi.

LA SORELLA FEDELE:

IL VENTO CHE CI PORTA VIA AL MIO CARO PROFESSORE. IL VENTO è COME VOI, PROFESSORE, CHE VE NE ANDRETE VIA; E LASCIARCI SOLI CON UNA TRISTEZZA ENORME NEL NOSTRO CUORE. IL VENTO è COME NOI, CHE PIANGEREMO LACRIME ASSOLUTE PIENE DI MALINCONIA E ASSURDITÀ. VORREI TANTO CHE NON SE NE VADA. VE NE PREGO NON VE NE ANDATE. NON è UNA COSA BELLA L’ADDIO ADDIO, BELLO: ADDIO, CARO E NOBILE UOMO. VORREI DIRTI QUANTO SMISURATAMENTE MI è CRESCIUTO L’ADDIO PER VOI IN QUESTI GIORNI: NON HO PAROLE TANTO GENTILI E PROFONDE. GRAZIE! GRAZIE! GRAZIE!!!!!!!!! TU MI HAI RINNOVATO LA GIOVENTÙ E LA FEDE. FARÒ ANCORA QUALCOSA DI DEGNO, FORSE. INTANTO L’ADDIO. NON è UNA COSA DIVINA L’ADDIO. TUTTA L’ANIMA MIA A TE. AR

CATENE

DI PAROLE DELIZIOSE ABBAGLIANO LA MENTE DEI TUOI CARI MA NON RIUSCIAMO A COGLIERE QUELLA GIUSTA PER RINGRAZIARE DIO DELLA SORPRESA DI AVERCI DATO IN DONO ANNA T E PENSIAMO A TANTE COPPIE DISPERATE CHE SOGNANO D’AVERE UN TAL GIOIELLO E PENSIAMO CHE GIÀ QUANDO ERI BAMBINA VOLEVANO COPIARE IL TUO “MODELLO” T’HANNO AMMIRATA ROSA SENZA SPINA. EPPUR NON CI SENTIAMO FORTUNATI, ABBIAMO CIÒ CHE CI SIAM MERITATI. CONVIENE SOSPETTAR CHE IL PADRETERNO QUESTI REGALI LI FA SOLAMENTE A QUELLE COPPIE CHE S’AMANO TANTO. MUTI TI CONTEMPLIAMO MEDITANDO CHE SEI VENUTA QUI NON PROPRIO A CASO, SPERANZA D’UNA SOLIDA COLONNA, LUCE PER NOI, INCUBI CANCELLATI SPERANZA DI NON ESSERE MAI SOLI. OH DOLCE “SIRENETTA” STAI ATTENTA. NON ABBOCCAR AGLI AMI CHE LA VITA CI FA BALLAR INNANZI IN OGNI ISTANTE ED IL MARE DEI TUOI SOGNI SARÀ AZZURRO COME IL COLOR DI TUTTI I NOSTRI SOGNI. C Anna T 15101991

Inquieto usci dalla scuola

per una gradevole passeggiata con la signorina, temevo il narcisismo e passeggiammo quasi un’ora per Casamassima, dialogammo lungamente, acquistai due ottimi gelati, poi rientrammo a scuola. Io ero riappacificato. LORENZO SCAROLA

Da Lorenzo C

un numero considerevole di grafici, cuori in espansione, croci. Messaggi: “Lorenzo ti voglio bene”

CARO PROFESSORE,

LUCE DELLA MIA SPERANZA è IL TUO SORRISO. DALLA TUA CARA ALUNNA. A PALMERI

HO VISTO DARE UN BACIO

CREDEVO CHE AVESSERO UCCISO GESÙ, E OGGI L’HO VISTO DARE UN BACIO AD UN BAMBINO. CREDEVO CHE AVESSERO CROCIFISSO LE SUE MANI E OGGI LE HO VISTE MEDICARE UNA FERITA. CREDEVO CHE AVESSERO TRAFITTO I SUOI PIEDI E OGGI L’HO VISTO CAMMRE SULLE STRADE DEI POVERI. CREDEVO CHE GESÙ FOSSE MORTO NEL CUORE DEGLI UOMINI, MA HO CAPITO CHE GESÙ RISORGE ANCHE OGGI. OGNI VOLTA CHE UN UOMO HA PIETÀ DI UN’ALTRO UOMO. RA

Caro professore

Siamo contente di avervi conosciuto, quando vi vediamo, una luce negli occhi si accende, lei ci fa venire il buon umore con la sua simpatia e la sua dolcezza. Vi vogliamo molto bene, lei è la luce che ci risveglia il mattino. Tantissimi saluti, le tue care alunne. Monica e A

IL BIMBO DELLA FOTO

Possiedo una foto bella e commovente dove c’è un bimbo africano vestito di bianchi stracci che risaltano il suo scuro e delicato dolce viso. Ha anche delle simpatiche treccioline che rendono allegro il suo volto. Dietro a lui si intravedono persone scalze e anch’esse vestite di stracci. Le strade sono piene di pietre e terreno per noi sarebbe impossibile percorrerle, loro invece lo fanno anche scalzi. Il bimbo è felice, ha ricevuto poco cibo che però per lui è molto! Noi al posto suo che faremmo? C Anna T

Caro professore,

io ammiro molto la vostra bravura, perciò da grande vorrei essere come voi. Per prima cosa vi scriverò un sacco di lettere, per secondo io mi impegnerò a fare i compiti e a studiare così AVRÒ la promozione. Se sarò promosso io vi ringrazierò voi mi avete educato.                            Tanti saluti da Piero Loprieno 1^L

Caro prof. Scarola,

vi voglio tanto, tanto bene e spero che rimarrò con lei fino alla terza media, lei come tutti gli altri professori volete bene ai propri alunni. E ne siete fieri.

CARO PROFESSORE, QUANDO VI HO CONOSCIUTO,

DAL PRIMO GESTO CHE AVETE FATTO HO PENSATO CHE ERAVATE AGGRESSIVO, AVEVATE PRESO IN BRACCIO SARDELLA COME UNO STECCHINO LEGGERISSIMO. MA MI SONO ACCORTO ANCHE CHE VI PIACE SCHERZARE E RIDERE AL MOMENTO GIUSTO E A CREPAPELLE. MI SONO DIVERTITO TANTO QUANDO AVETE RACCONTATO LA STORIELLA DI VINCENZINO E QUELLA BREVE CANZONCINA DI SHALOM. DA VOI HO CAPITO CHE BISOGNA SCHERZARE ED ESSERE SERI AL MOMENTO GIUSTO. C G. 1^L

IL PIÙ BUON PROFESSORE DELLA NOSTRA SCUOLA

CARO PROFESSORE, VOI SIETE IL MIGLIORE DEI NOSTRI PROFESSORI Quando a Venezia non ci sarà più il mare. Solo allora ti POTRÒ dimenticare. AM Atonia

PROFESSORE SCAROLA,

HO SENTITO DIRE CHE CI DOVRAI LASCIARE PER CERTE INGIUSTIZIE. A ME DISPIACE LASCIARTI MI SEI MOLTO SIMPATICO E MI FAI RIDERE. PERÒ LO DOVREMO FARE. CIAO PROFESSORE G V 1^L

MESSAGGIO

ciao professore, spero che non vi mandino via dalla nostra scuola, siete il professore che vuole bene a tutti i ragazzi e le ragazze. Caro professore Scarola, voi siete il migliore della scuola, non voglio che ve ne andate dalla scuola.            AMO DUE COSE: TE, LA ROSA. LA ROSA PER UN GIORNO. TE PER SEMPRE. AM Antonia        

Ecco professore, tutti vi vogliono molto bene!

Risposta: 1.Sei molto simpatico 2.Sei scherzoso 3.Sei buono e carino con tutti. Per il prof. Scarola da A. G

BAMBINO SEI DOLCE,

TENERO COME UN BAMBINO. SEI CURIOSO E HAI MOLTA FANTASIA. MA ADESSO APRI GLI OCCHI, HAI GIÀ QUINDICI ANNI. ERRICO A

NASCE DAL CUORE,

NASCE AL DOLORE, NASCE L’AMORE. STEFANO

LA ROSA

UNO SPLENDIDO FIORE, CHE NASCE A MO CHE TIENE CHIUSO IN SE UN SIMBOLO, UN SIMBOLO IMPORTANTE: L’AMORE. LA ROSA è UN FIORE BELLISSIMO è LA REGINA DEI FIORI. LOCORRIERE GIANLUCA

LA PRIMAVERA

E’ IL RISVEGLIO DI TUTTO, I BAMBINI SONO FELICI LA PRIMAVERA è UNA STAGIONE PIENA DI COLORI VIVACI, PIENI DI DOLCEZZA E SEMBRA CHE BRILLANO AL SOLE FACENDO SEMBRARE PIÙ BELLO IL PAESE. LOCORRIERE G.

LACRIMA DEL CIELO

PIOGGIA, LACRIMA DEL CIELO, DI TRISTEZZA RIEMPI IL MIO CUORE. MA LE LACRIME MIE POTENTI NON SONO COME QUELLE DEL CIELO, INCAPACI DI SCACCIARE DOLORE. PIOGGIA PORTAMI CON TE. FAMMI LA TUA GOCCIA PER CADERE SUL VOLTO DEL CIELO. ERRICO A

IL SIGNORE

IL SIGNORE è COLUI CHE HA INVENTATO LA NATURA, LE COSE, GLI UOMINI. IL SIGNORE STA SEMPRE CON NOI, CI SEGUE IN TUTTO. LUI è IL NOSTRO “CORASON”. LOCORRIERE GI.

ADDIO

ADDIO PROFESSORE, ADDIO CANTI MIMATI, ADDIO STORIE SPIRITOSE. ORA TE NE VAI, MA CON ME RIMARRÀ IL TUO CUORE E LA TUA SIMPATIA. ADDIO PROFESSORE, CHE CI HAI FATTI FELICI E CHE CI HAI AMATI TANTO. S D

RICORDO

LA PIOGGIA CADE E POI IL VENTO SPAZZA VIA LE NUVOLE E TORNA IL SOLE L’ANGOSCIA DIVENTA FELICITÀ E LE LACRIME DIVENTANO UN SORRISO MENTRE NEL PIÙ PROFONDO DEL MIO CUORE RIMANGONO LE TUE PAROLE. A ERRICO

AVERE UN’AMICA è TUTTO:

è COLEI CHE TI PARLA, TI SORRIDE E TI CAPISCE, UN’AMICA TI VUOLE BENE, IO SO COSA VUOL DIRE HO MOLTE AMICHE. CL

I TUOI OCCHI

DUE FINESTRE SU UN CIELO DI STELLE DUE SPECCHI DOVE LA TUA ANIMA SI RIFLETTE DUE SOLI CHE RISCHIARANO LA MIA VITA. OPPURE: DUE OCCHI CHE NON DARANNO MAI UN GIORNO. GUARDARMI SENZA VEDERMI? DUE OCCHI CHE NON RIUSCIRANNO MAI A SOGNARE SENZA DI ME. DUE OCCHI CHE NON DEVONO PIANGERE NE ORA NE MAI. I TUOI OCCHI! AE

LA VITA

La vita è come il sole che sorge da dietro le colline. La vita è come Dio, che segue il suo cammino per entrare in tutte le cose, e per dare la gioia. A. Orofino

IL MONDO

IL GIROTONDO è COME IL MONDO BASTA CHE SI SPEZZA UNA CATENA E CADE UNA NAZIONE INTERA. M

SALVIAMO LA NATURA

FUORI DALLA FINESTRA SCORGO LA VERDE CAMPAGNA, GLI ALBERI FIORITI, GLI UCCELLI CANTICCHIANO FELICI, MA è SOLO UN SOGNO. SE APRO GLI OCCHI TUTTO SCOMPARE E VEDO SOLO UNA GRIGIA VIA, AFFIANCATA DA ALTI PALAZZI. ERRICO A

A DIO:

COLUI CHE CONSOLA E RENDE FELICI TUTTI I BAMBINI DEL MONDO. Sto solo, solo e triste nella mia stanza, ma all’improvviso vedo una luce abbagliante, è Dio che mi abbraccia. A. Orofino

PAESE NATIO

PAESE CHE HO SEMPRE SOGNATO, MA CHE NON POSSO GODERE, PAESE LONTANO PIENO DI RICORDI, RICORDI BELLI E RICORDI BRUTTI. PAESE CHE NON POSSO MAI DIMENTICARE. ERRICO A

PRIMAVERA

IL CINGUETTIO DEGLI UCCELLI IL SORGERE DEL SOLE IL FRESCO VENTICELLO E DICO: QUESTA è LA PRIMAVERA CHE SORGE ASSIEME A NOI. Martines Caterina

PRIMAVERA

COM’è BELLA PRIMAVERA, SI PUÒ PASSEGGIARE TUTTO IL GIORNO, CINGUETTARE CON GLI UCCELLINI, GIOCARE CON I BAMBINI, COM’è BELLA LA PRIMAVERA.         CM

Caro prof. Scarola Lorenzo

CARO PROFESSORE, TU SEI UN AMORE, TU SEI LA VITA PER ME, MI DONI LA GIOIA E L’ALLEGRIA E QUALCHE PECCATO LO PORTI VIA. SE PENSO A TE MI SENTO IN COMPAGNIA E OGNI TRISTEZZA FUGGE VIA. RIMANI SEMPRE COSÌ E CONSERVERAI SEMPRE PIÙ LA SIMPATIA.                                                                                                                Manzari Luigi

LA VITA

LA VITA è BELLA E BISOGNA GODERLA. LA VITA è BELLA SENZA INGIUSTIZIE E SAPENDO CHE TUTTI CI VOGLIAMO BENE. LA VITA PER ME è COME UNA MACCHINA SENZA PILOTA, CHE DA UN MOMENTO ALL’ALTRO SI PUÒ SCHIANTARE. IO VORREI CHE IL MONDO FOSSE MIGLIORE. M G     

LA ROSA è ROSSA,

IL CIELO è BLU, MA NEL MIO CUORE CI SEI SOLTANTO TU. Da G A per il prof. Scarola

UN GRANELLO DI SABBIA

IO COME UN GRANELLO DI SABBIA ABITO QUESTO IMMENSO UNIVERSO AMATO DA DIO. A. OROFINO

SONO UNA FOGLIA

SONO UN AMORE SONO LA GIOIA DEL TUO CUORE. ROSA VENTURA PER IL prof. DI RELIGIONE LORENZO SCAROLA

CARO PROFESSORE,

IO NON VI SCORDERÒ MAI, VOI MI AVETE DATO L’ALLEGRIA. NON FA NIENTE CHE MI LASCERETE IO SARÒ SEMPRE CON VOI. E NON MI SCORDERÒ MAI. OROFINO                                                                                                                                       

SOGNO

HO SOGNATO DI VOLARE DOLCEMENTE TRA GLI ALBERI VERDI CANTANDO E GRIDANDO: “ SONO LIBERA “ POI MI RISVEGLIO E MI TROVO TRA LE MURA DELLA MIA STANZA, E PENSO CON TRISTEZZA, ERA SOLO UN SOGNO. CL

CHI SONO?

MI GUARDO NELLO SPECCHIO E MI DOMANDO: CHI SONO? PENSO: SONO UNA RAGAZZA COME LE ALTRE, CHE SUL MONDO NON HANNO NESSUN VALORE. MA POI MI CORREGGO E DICO: NO, MI SBAGLIO! SONO LA COSA PIÙ IMPORTANTE DEL MONDO E PREZIOSA PER TUTTI! Martines Caterina

CARO PROFESSORE

IO TI ADORO COME LA SALSA DEL POMODORO. PROFESSORE NON ANDARTENE, SAI, CON TE ABBIAMO POTUTO SORRIDERE, GIOCARE. CI HAI FATTO DEI DONI FONDAMENTALI PER LA VITA, PROFESSORE NON ANDARE VIA. PROFESSORE NON LASCIARCI, NON LASCIARCI ANCHE SE SPIRITUALMENTE SARAI CON NOI.                       S D

W SCAROLA

SCAROLA è FORTE E SUONA IL PIANOFORTE. SATANA è DEBOLE E MUNGE LA PECORE. W SCAROLA DA M G

CARO PROFESSORE VE NE ANDATE VIA DA QUESTA SCUOLA?

1)ABITATE LONTANO? 2)ANDRETE A UN’ALTRA SCUOLA? 3)VI VOGLIONO CACCIARE? PROFESSORE NON RIESCO A DIMENTICARVI, CON TUTTO IL MIO CUORE.          AM

CARO PROFESSORE,

VI VOGLIO MOLTO BENE E VI AMMIRO PER LA VOSTRA BRAVURA AD INSEGNARE COSE BELLE E DIVERTENTI. CIAO. AG

CARO FROF. VI RINGRAZIO DI TUTTE LE COSE CHE CI STATE INSEGNANDO,

SOPRATTUTTO AD AMARE DIO. CARO PROFESSORE VI VOGLIO MOLTO BENE COME SE VOI FOSTE MIO PADRE. VI VOGLIO BENE COME UN FRATELLO MORE. A ME DISPIACE CHE VE NE ANDIATE.                                       CIAO DA M G AL PROF. SCAROLA

VI AMO

E VI ADORO COME LA SALSA DEL POMODORO. AM A.

CARO PROFESSORE

VI VOGLIO MOLTO BENE CONFRONTO AGLI ALTRI PROFESSORI. CIAO A. G

SIGNORE NON C’è TEMPO

SONO USCITO, O SIGNORE, FUORI LA GENTE USCIVA. ANDAVO, VENIVANO CAMMVANO CORREVANO CORREVANO LE BICI CORREVANO LE MACCHINE, CORREVANO I CAMION, CORREVA LA STRADA, CORREVA LA CITTÀ CORREVANO TUTTI. CORREVANO PER NON PERDERE TEMPO, CORREVANO DIETRO IL TEMPO, PER RIPRENDERE IL TEMPO PER GUADAGNAR TEMPO. ARRIVEDERCI SIGNORE, SCUSI NON HO IL TEMPO. RIPASSERÒ, NON POSSO ATTENDERE, NON HO IL TEMPO. P F.

PREGHIERA:

SIGNORE AIUTAMI A PREGARE, A PREGARE PER TE SIGNORE. HO VISTO LA MORTE DELL’AVVOCATO FALCONE. SIGNORE, NEL MONDO C’è MOLTA INGIUSTIZIA, C’è MOLTA TRISTEZZA. SIGNORE, AIUTA LE PERSONE CHE IN QUESTO MOMENTO STANNO PIANGENDO PER LA MORTE DI FALCONE. MA ANCHE QUELLE PERSONE CHE HANNO COMMESSO IL REATO, PERDONALI.                                                                       PP

SIGNORE SEI TU LA MIA SPERANZA

CHIAMATA: IL SIGNORE MI CHIAMERÀ IO SONO PRONTO AD ANDARE CON LUI NEL REGNO DEI CIELI SIGNORE SIGNORE VERRÒ DA TE AL PIÙ PRESTO POSSIBILE PER ANDARE NEL REGNO DEI CIELI.

DROGA:

SIGNORE, AIUTAMI A NON DROGARMI. AIUTAMI STO SOFFRENDO STO SOFFRENDO.STO PER MORIRE AIUTAMI. P

MISTERO

GESÙ CI INSEGNA CHE IL BAMBINO RECA LA SALVEZZA E L’AMORE DEFINITIVO PER COLORO CHE L’ATTENDONO ANCHE DELLE PERSONE CHE GLI STANNO VICINO SIA PRIMA CHE NASCA CHE QUANDO SIA NATO.                                                                        T.L.

CON SIMPATIA AL PROFESSORE

CHE OGNI GIORNO CI PENSA AIUTANDOCI NEI NOSTRI PROBLEMI. CERCANDO DI FAR ESSERCI DEI BUONI CRISTIANI. E CHE CI PENSA SEMPRE, ANCHE QUANDO DORME. IO SONO FELICE DI AVERE QUESTO PROFESSORE FUORI DELLA NORMA PER LA SUA SEMPLICITÀ CON SIMPATIA.  

VOLARE

COME SAREBBE BELLO VOLARE CON TE SIGNORE VOLARE CON TE IN UN UNIVERSO DI PACE. STASERA, STASERA SIGNORE, PREGHERÒ, POI PREGHERÒ.  SEI GRANDE SIGNORE. PP

COME UNA GOCCIA,

SONO LA GOCCIA CHE FINISCE GIÙ NEL MIO LETTO. IL LETTO NON C’è PIÙ, MA L’ANIMA MIA C’è L’ASSù .VR

CARO PROFESSORE

MI DISPIACE MOLTO CHE VOI VE NE ANDIATE. PERÒ POTETE LASCIARE NEI CUORI DEI VOSTRI ALUNNI UNA FIAMMA ACCESA. NOI CI SIAMO MOLTO AFFEZIONATI E NON VOGLIAMO LASCIARVI ANDARE. PENSO E VEDO GIÀ QUANDO VOI VE NE ANDRETE, I NOSTRI VOLTI TRISTI. MA VI CHIEDO PER L’ULTIMA VOLTA DI CANTARE I NOSTRI INNI.             CM

IO HO UN CANTO NEL CUORE

E NESSUNO ME LO POTRÀ MAI TOGLIERE: PROF. SCAROLA, PROFESSORE NON ANDATE IN UN’ALTRA REGIONE, NON LASCIATE SOLO VOI E IL VOSTRO CUORE SENZA NOI. COME GESÙ PROFESSORE, VOI SIETE GESÙ E NOI PICCOLI RAGAZZI, SIAMO DEGLI ANGELI SU IN CIELO CON TE. IO CREDO IN CIÒ CHE VOI DITE.ama

SONO UNA FOGLIA

SONO UNA FOGLIA CHE VOLA VIA, SONO UNA GIOIA DELL’ANIMA MIA,SONO LA FARFALLA CHE VA VIA. ACITO M. A.

LA LUCE DI DIO

IN UN IMMENSO OSCURO BUIO, FUORI, DIETRO LA FINESTRA, SPLENDE UNA LUCE CHIARA E FORTE: LA LUCE DI DIO! LO INV APRENDO LA FINESTRA, è UNA LUCE CHE MI RENDE FELICE, E CHE RENDERÀ TUTTI FELICI.                                                   CG

UN NOME NELLA NOTTE

PRONUNCIO IL TUO NOME IN UNA NOTTE BUIA, QUANDO ORMAI TUTTO TACE E LA LUNA RIFLETTE I SUOI RAGGI NEL MIO MONDO. PRONUNCIO IL TUO NOME IN QUESTA NOTTE STRANA E DOLCE. E IL TUO NOME SUONA LONTANO PIÙ LONTANO DELLE STELLE E DELLA LUNA. AE                                                      

MAMMA

LA MIA MAMMA è COME UN ANGELO CHE MI SEGUE PASSOPASSO E IO SONO LA BIMBA CHE ALLA SERA NEL SUO VENTRE MI VADO A RIFUGIARE M

A SCAROLA LORENZO

PROFESSORE TU SEI LA VITA PER ME. PROFESSORE TUTTO IL MIO CUORE è PER TE. SCAROLA NON LASCIARMI, SE MI LASCI SONO PERDUTO. NEI TUOI OCCHI C’è AMORE, NEL TUO CUORE C’è GIOIA, NEL TUO CORPO C’è LA GRAZIA DI DIO CHE VERSATE VERSO DI NOI, PROFESSORE NON LASCIARMI! FC

FILASTROCCA DI PRIMAVERA

PIÙ lungo è il giorno più dolce è la sera. Domani, forse tra l’erbetta, spunterà la prima violetta. O prima viola fresca e nuova beato chi ti trova,il suo profumo gli dirà, la primavera è giunta qua.

NON DIRE

Non dire all’albero di restare verde, non può c’è l’autunno, non dire all’uomo di vivere in eterno, non può c’è la morte. Non dire al sole di splendere, non può c’è la notte. Non dirmi di dimenticare una persona a me molto cara, quando il nostro cuore non sarà più in grado di amare, ed allora, allora lo potrò dimenticare.   CL  

Spero che non si sia offeso

per quelle assenze che feci i due sabati. in verità io avevo paura di Lei, ancora mi rimproverava. Ma quando ritornai a scuola il sabato successivo, vidi che mi perdonò e mi riaccolse nel suo gruppo. Io sono un ragazzo molto sensibile e l’ha scoperto quando ricevetti la pacca. Io mi sentii molto male quando ritornai a casa, e non ebbi neanche il coraggio più di rivolgerle la parola. La prego di scusarmi se troverete errori di ortografia. Vi voglio bene con tutto il cuore.                NB

LIBERTÀ

NON MI FATE VEDERE CANI AL GUINZAGLIO UCCELLI IN GABBIA PESCI IN ACQUARI ANIMALI DA CIRCO AMMAESTRATI FIERE DOMATE. LASCIATE LIBERI QUESTI ANIMALI COSÌ COME SONO NATI, AI LORO CIELI, MARI, ALLE LORO SELVE, SAVANE. ANCHE LE BESTIE COME L’UOMO AMANO LA LIBERTÀ E SPECIALMENTE QUANDO L’HANNO PERDUTA.       VM

LA VITA

LA VITA VALE PIÙ DI OGNI ALTRA COSA; LA VITA è IL DONO PIÙ GRANDE DI TUTTI, UNA VITA è INSOSTITUIBILE. QUANDO MUORE UNA VITA NEL CUORE DI GESÙ, RIMANE IL VUOTOLA TUA VITA VALE PIÙ DI OGNI COSA. S D.

Caro professor Scarola io sono dispiaciuto che voi ve ne andiate, voi a me avete regalato tanta felicità, mi avete aiutato a capire come si soffre, a sorridere anche quando uno soffre. Mi avete fatto capire che non si dicono le cose di altri. E quando raccontavi le storielle io raccontavo tutto ai miei genitori, i canti inventati, le disgrazie accadute, come quel dolore che avete sentito quando siete caduto per le scale e quando vi hanno rubato le ruote della macchina. Professore voi ve ne andrete, ma la vostra bontà rimarrà sempre nel mio cuore. C G.

Quando finisce un amore,

non riesci a vivere e a sorridere, ad amare qualcun’altro. Non riesci ad odiare e ad amare. Solo pianto e rimpianto..solo lei ricordi solo illusioni, che tutto possa ricominciare. E se un giorno questo fiore sboccerà di nuovo. Le rondini in cielo, le onde sul mare, il vento che ti accarezza sulla spiaggia al tramonto del sole; sarà per noi un mondo tutto rosa. Ti amo come il fiore ama la rugiada come il filo sottile che al solo tuo sguardo si spezza AMORE TI AMO. LOSITO ALESSANDRO PER ADA QUESTA

POESIA è STATA COMPOSTA DALLA SORELLA DI BARILE N DI 2^L

GRANDE AMICO

TU SEI UN GRANDE AMICO. PROFESSORE SEI UN GRANDE SUCCESSORE. TU E LA TUA BARBA, SEMBRI COME S.G CHE INSEGNAVA A GESÙ. COSÌ TU INSEGNI A NOI. ANCHE TU SEI UN GIOCHERELLONE. MA QUANDO SI DEVE LAVORARE, DA GIOCHERELLONE DIVENTI UN SERIONE. TI SALUTO PROFESSORE LORENZO SCAROLA E TI LASCIO IN COMPAGNIA DI UN MIO CIAO.        GP

CARO PROF. SCAROLA LE SEMBRERÀ STRANO SE LE SCRIVO,

MA QUESTA LETTERA è SEGNO DI AFFETTO E AMORE CHE PROVO PER LEI. IL MIO CANTO A DIO CANTAIDI SEGUITOA DIO PARLAI A DIO SUONAI DI SEGUITO PER DIO DANZAI, DIO ONORAVO E ANCHE A DIO PENSAVO.                                                                 P A

UN’AMICA

UN’AMICA è TUTTO, COLEI CHE TI PARLA, CHE TI VUOL BENE, CHE TI SORRIDE, CHE TI CONSOLA. LA RAGAZZA CON LA QUALE TI CONFIDI, DI CHI HAI FIDUCIA, COLEI CHE è TRISTE QUANDO LO SEI TU, MA è ANCHE COLEI CHE TI TRADISCE E TI FA MOLTO MALE. LR

IL GATTO

QUANDO TI HO INCONTRATO HO PENSATO A UN AMICO IDEALE A CUI VOLER BENE. ERI PICCOLO E TENERO, COME UN BATUFFOLO. AVREI VOLUTO TENERTI SEMPRE CON ME, MA ME LO HANNO IMPEDITO. ORA SEI GRANDE E NON MI GUARDI PIÙ. ERI PIÙ DI UN ANIMALE PER ME.                                                                            

E’ NATO

E’ NATO IL BAMBINO GESÙ CON L’AUREOLA ALL’INSÙ. HA FATTO MIRACOLIDA TUTTE LE PARTI, SALVÒ PERSONE LA CUI ANIMA ERA IMPULITA. UOMO PENTITO ANDÒ IN PARADISO. GESÙ MORÌ PER SALVARCI. MA QUANDO RISUSCITÒ IN UN CIELO BIANCO SI PROSPERÒ. LOSITO ALESSANDRO

ELABORATO DELLA PROFEZIA: “ CHI VORRÀ SALVARE LA PROPRIA VITA, LA PERDERÀ; MA CHI PERDERÀ LA PROPRIA VITA PER CAUSA MIA E DEL VANGELO, LA SALVERÀ.”

All’inizio, quando ho aperto il Vangelo

ed ho puntato con il dito su un punto qualsiasi, e poi ho aperto gli occhi e ho letto questa frase, non ho capito a cosa potesse riferirsi, ma poi, ho cominciato a pensare, a cercare di capire ed ho riletto quel pensiero più volte, e sono riuscita a capire a cosa si riferisse. Il vero commento, l’ho fatto in seguito, la stessa sera in camera mia, quando c’era molto silenzio. Infatti nel corso della settimana ero stata un pò egoista, me l’ero presa con un’amica. Ho difeso più me che lei. Tutto questo è successo aveva raccontato una bugia, io avevo cercato di sapere la verità. Era stato un atto molto triste nei suoi confronti, ma io non le avevo fatto niente di male. Aveva detto cose che non corrispondevano alla verità, che coinvolgevano oltre che me anche altre quattro persone. Io non avrei mai immaginato che avrebbe avuto il coraggio di farmi tutto questo. Mi fece molto male questa storia, soprattutto non corrispondeva alla verità. E quando due miei amici mi hanno detto dell’accaduto, io le ho parlato e lei ha detto che le cose erano un pò diverse da come le aveva raccontate lei. Penso di averle fatto male non le ho rivolto la parola per uno o due giorni, ma poi, ho visto i suoi occhi tristi ed amareggiati, lo sguardo basso che aveva quando mi vedeva, e i suoi discorsi, verso di me molto seri. Ho anche capito che doveva essersi umiliata da sola, anche lei sapeva che non era quella la verità. Ma anch’io ho sentito che avevo sbagliato e ho sentito di averle fatto male ed ho capito che proprio ero sicura di avere troppa ragione, non ne avevo troppa, e poiché pensavo di non avere sbagliato, avevo invece sbagliato, e ho pensato di non poterla mai perdonare, che l’ho perdonata. E adesso penso che è stata l’unica cosa giusta che io abbia fatto, tornare sua amica e più di prima. E’ stato grazie a questo mio problema che ho capito che chi è troppo sicuro di se stesso è colui che deve temere di più. Ed io ringrazio quella profezia per avermi parlato, senza di lei, io non avrei mai capito quanto gli altri sono importanti per me ed io per loro.                Casamassima 11492 S ROSA

M MADDALENA

IN SOGNO OGNI NOTTE TI VEDO, SEI TU, MI SALUTI RIDENTE. MI GETTO AI TUOI TENERI PIEDI, PIANGO DISPERATAMENTE, TU MI GUARDI CON ARIAMESTA SCUOTENDO LA TESTA BIONDETTA. DAI TUOI OCCHI, LE UMIDE PERLE DEL PIANTO SI SCIOLGONO IN ONDE. BELLOMO M

PER IL PAPÀ

PAPÀ, DAMMI LA MANO. GRANDE E FORTE MI SENTO CON TE! IO TI GUARDO E IO TI DICO PIANO: “SONO FELICE SE TU STAI CON ME!” SE MI TIENI STRETTO AL CUORE IL MIO AMICO PIÙ CARO SEI TU.             LPM

FORZA PAPA’

POVERO PAPÀ STANCO E AFFATICATO, TUTTE LE SERE TORNA DAL LAVORO MA PER CANTARE LA NANNA AL SUO TESORO. HA SEMPRE UN Pò DI FORZA E UN Pò DI FIATO. CASCA DAL SONNO EPPURE FA UN BALLETTO COL BIMBO CHE GLI SIEDE SUL BRACCETTO NON NE PUÒ PIÙ, MA CANTA CON IL BIMBO ADDORMENTATO.  21-3-92 LPM

Professor Scarola Ti vedo solo per un’ora.

Quest’ora è così importante che tu non sprechi neanche un istante. Noi studiamo e sorridiamo e con te sempre ci divertiamo. Tu ci riempi di tanta simpatia e fai esplodere allegria.      W prof. Lorenzo Scarola TIZIANA CIAO

Per il bene

Non avrò nemici, avrò amici, non avrò timore, ma crederò sempre nell’amore. Non farò del male ma dovrò amare. Solo così Gesù, potrò raggiungerti lassù.  TIZIANA

PASQUA,

E’ PASQUA, è RISORTO GESÙ! IN QUESTO GIORNO LE VOCI DEI BIMBI SALGONO FINO AL CIELO COME IL CANTO DELLE CAMPANE COME IL PROFUMO DEI FIORI.

GESÙ GUARDA

GESÙ GUARDA IL MIO CUORE - GUIDA I MIEI PASSI - DONA FELICITÀ ALLA MIA MAMMA E PAPÀ.

MAMMA:

UNA DOLCE PAROLA CHE VUOL DIRE: TANTO AMORE-BELLEZZA-DOLCEZZA. TUTTE RACCHIUSE IN TE MAMMA CARA CHE MI VUOI TANTO BENE.                                                             LPM

LA TRISTEZZA è COME LA PIGRIZIA:

PIÙ LA SCACCI E PIÙ TI VIENE DIETRO. L’ALLEGRIA è COME LA FELICITÀ: PIÙ LA CERCHI E PIÙ LA TROVI. LA TRISTEZZA E L’ALLEGRIA SONO COME DUE FRATELLI: PIÙ SONO DIFFERENTI, PIÙ SONO UNITI. S ROSA 2-5-92                  

IL GIORNO FELICE

OGGI LASCIATE CHE IO SOLO SIA FELICE CON TUTTI E SENZA TUTTI FELICE CON L’ERBA E LA SABBIA FELICE CON L’ARIA E LA TERRA FELICE.

LA BOLLA

SPUNTA A POCO A POCO DALLA CANNUCCIA SI ARROTONDA, CRESCE SI COLORA. POI RIFLETTE LA FINESTRA I VASI DI FIORI IL CIELO.

NONNA IO SO CHE TU NON CI SEI PIÙ, PERÒ QUANDO TI VEDO SEMBRI UN GATTINO CHE SALTI SUL LETTINO AD UN TRATTO BALZI SUL TAVOLINO E IO TI DO UN BACINO.   CP

GESÙ BAMBINO

TU SEI PICCOLO E CARINO, CHE NELLA TUA STALLA MI SEMBRI UN VISPO AGNELLINO. QUANDORISORGIALLORA SI CHE INIZIANO I BEI SOGNI E LA FELICITÀ CHE A TE PIACE FAR. APPENA NATO ERI ANCORA UN BEBÈ, MA Già AVEVI UNA STELLA NEL TUO CUORE PER ME.

TI VOGLIO BENE MI SCACCI TUTTE LE PENE.

LA MADONNA TU SEI LA PROTETTRICE DI GESÙ, IL QUALE MORÌ LA Sù, PER L’UMANITÀ CHE A LUI PIACEVA TANTO. ED è PER QUESTO CHE MORÌ SENZA RIMPIANTO. MA DOPO LA SUA RISURREZIONE, EGLI PARVE COME UN.... PG

LA GIOIA

IO HO UNA VERA GIOIA NEL CUORE CHE FA DI ME UNA META INFALLIBILE. COME è GRANDE , COME è BELLO IL MIO CUORICIONE CHE MI TRASFORMA IN UN GRAN TESTONE. IL MIO BEL CUORICIONE ASSOMIGLIA MOLTO A UN VERO PALLONE MA ARRIVATO AD UNA CERTA ETÀ IL MIO CUORE UN GIORNO ALL’IMPROVVISO SI FERMERÀ.

LA PROFEZIA DI GESÙ

ANCHE GESÙ HA FATTO UNA PROFEZIA CHE PIÙ STA E PIÙ AUMENTA DI GRANDEZZA. E’ MORTO SULLA CROCE PER NOI E NOI IN CAMBIO NON FACCIAMO NIENTE CHE LO PUÒ SODDISFARE. COSÌ UN GIORNO CI SARÀ UN’INONDAZIONE, UN GRAN VENTO E “ZAG” IL MONDO SCOMPARIRÀ PER OPERA DEL SALVATORE.                                   NAPOLETANO V                                                      

RISORTO GESÙ,

LA SETTIMANA SCORSA SEI MORTO PER NOI CROCIFISSO E DOPO DUE GIORNI SEI RISORTO, SEI ANDATO IN CIELO ACCANTO AL TUO GRANDE PADRE VOI VEGLIATE SU DI NOI, CI AIUTATE A SUPERARE TUTTE LE DIFFICOLTÀ DELLA VITA CON CORAGGIO E AMORE VERSO IL PROSSIMO. ED IO PERSONALMENTE TI RINGRAZIO PER AVERMI DATO LA VITA. P A.

FELICITà

FELICITÀ è IL MARE, IL CIELO AZZURRO, LE STELLE. LA BONTÀ, L’AMORE E LA SINCERITÀ. FELICITÀ è GIOIA, GAIEZZA E LETIZIA. E’ TUTTO CIÒ CHE CI RENDE CONTENTEZZA è SIMBOLO DELLA BELLEZZA DEL CUORE.

MIA MADRE

IO DEVO A MIA MADRE CHE M’HA GENERATO, QUEL DOLCE CARATTERE CHE M’HA REGALATO. E’ DOLCE E BUONA, SINCERA E CARA E QUANDO è TRISTE SEMPRE UN SORRISO MI REGALA CON LEI MI CONFIDO E LE VOGLIO BENE è LA MIA MAMMA SICURA E SERENA.

L’AMICIZIA è UNA COSA MERAVIGLIOSA

E’ FEDELTÀ, SINCERITÀ, AMORE MA SOPRATTUTTO VERITÀ. ESSERE AMICI SIGNIFICA VOLERSI BENE, NON TRADIRSI, CREDERE NEGLI IDEALI ALTRUI. LR

IL MIO DOLCE AMORE

SEI UNA FANCIULLA SIMPATICA E MOLTO CARINA, E FORSE UN PO TROPPO TIMIDINA. IN TE, TE NE STAI, E NON TI VEDO QUASI MAI; TUTTA LA MIA SIMPATIA TI DO E SPERO CHE UN TUO SORRISO RICEVERÒ. DA QUEL GIORNO UN AMORE NACQUE IN ME E FU QUELLO CHE PROVAVO PER TE, E CHISSÀ, SE UN PO PIÙ IN LA QUALCOSA DI CONCRETO NASCERÀ. NM

IL MIO AMORE TU SEI NEL MIO CUORE,

E SEI SEMPRE IL MIO AMORE. IO NON TI HO DIMENTICATO, TU NON MI HAI DIMENTICATO. SOLO PER IL MOTIVO CHE MI HAI AMATO, TU SEI LA SPERANZA. SEI COME UNA FARFALLA PTASI SU UN FIORE, CHE SA DARE IL PROPRIO AMORE. TU SEI BELLA COME UNA ROSA CHE SBOCCIA A PRIMAVERA.                                         PASTORE G.

DUE AMICI

LUI, è L’UNICO AMICO DI CUI MI FIDO, CHE NON MI HA TRADITO. LUI RISPECCHIA LA FIGURA DI MIO PADRE, QUANDO MI VIENE INCONTRO PER ACCAREZZARMI. LUI, ANCHE SE NON PARLA ABBAIA E RISPECCHIA I SUOI SENTIMENTI LUI, è DIVERSO DA TUTTI GLI ALTRI LUI è IL MIGLIOR AMICO CHE ABBIA AVUTO: LUI è FIDO, IL MIO CANE. OGNI GIORNO CHE PASSA AVVERTO SEMPRE DI PIÙ UN SENSO DI DOLCEZZA DENTRO IL MIO CUORE. LPM

A MIO BISNONNO

QUANDO ERO PICCOLA TU MIO BISNONNO MI ACCAREZZAVI SEMPRE PER STARMI PIÙ VICINO MI CONSIGLIAVI LA VITA MA OGGI TU NON CI SEI PIÙ IO TI RICORDERÒ SEMPRE E AVRAI UN POSTO SPECIALE NEL MIO CUORE.                           LPM

L’AMORE

OGGI HO CAPITO TANTE COSE SULL’AFFETTO. NON DOBBIAMO PREOCCUPARCI E DISPERARCI, UN AMORE PURO, UMANO, SEMPLICE E SINCERO NON FINIRÀ MAI. LPM

LA MIA MAMMA E IL MIO PAPÀ

AMO LA MAMMA SINCERA COME LA BELLA PRIMAVERA;I SUOI CAPELLI BIONDI E RICCI MI FANNO PENSARE AI MIEI CAPRICCI. A ME è CARO ANCHE PAPÀ PER LA SUA INFINITA BONTÀ; EGLI PERDONA LE MIE BIZZE SORVOLANDO LE SUE STIZZE. A MAMMA E PAPÀ SONO MOLTO RICONOSCENTE, PER CIÒ CHE PER ME HANNO IN MENTE. IL MIO FUTURO è NELLE LORO MANI, SONO CERTO DI TROVARMI BENE UN DOMANI.         MARCO VACCHIANO

L’AMORE

E’ FREQUENTI SONO I DISCORSI DI AMORE E DI PACE TESSUTI DI ORNATE PAROLE CHE OGNUNO TACE. L’AMORE è RISPETTO, SACRIFICIO, RINUNZIA E CONSIGLIO. AIUTO, PROGRESSO E PACE. PER TE FRATELLO. PER TUTTI I FRATELLI DEL MONDO. MARCO VACCHIANO

COME SEGUIRE GESÙ

Poi, a tutti diceva: “Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso. Prenda la croce ogni giorno e mi segua. Chi vorrà salvare la propria vita per Se, la perderà Che giova all’uomo guadagnare il mondo intero, se poi si perde o rovina se stesso? Chi si vergogna di me e delle mie parole, di lui si vergognerà il Figlio dell’Uomo, quando verrà nella gloria sua e del Padre e degli angeli santi. In verità vi dico: vi sono alcuni qui presenti, che non morranno prima di aver visto il regno di Dio”. CP

LO AMO

IL CENTRO DEI MIEI PENSIERI, GIACE IN UN RAGAZZO CHE DA TEMPO, TANTA FELICITÀ MI DA’. MA IL MIO AMORE è UNICO E MIGLIORE. EGLI OCCUPERÀ UN POSTO NEL MIO CUORE, ANCHE ALLA FINE DEL NOSTRO AMORE. Il primo amore di Titty              Tiziana Triggiani

IO ADORO TUTTO DI TE CARO PAPÀ

SEI LA COSA PIÙ PREZIOSA CHE IL SIGNORE MI ABBIA D. NON SAPREI COME FARE SE TU NON FOSSI AL MIO FIANCO PER GUIDARE I MIEI PASSI PER QUESTO RINGRAZIO DIO CHE TI CONSERVI SEMPRE COSÌ COME TI VEDO IO.                                        Tiziana Triggiani

I CANARINI

IO HO DEI CANARINI SONO VIVACI E BIRICHINI. SVEGLIANO TUTTO IL MONDO CON IL LORO CANTAR DI SONNO SONO MOLTO GROSSI SONO GOLOSI MA ANCHE SE SON BELLI E BRUTTI SON SEMPRE CANARINI CARUCCI. LOSITO ALESSANDRO

TI VOGLIO BENE ASSAI CARA MAMMA

SEI NATA BUONA E CARA ED HAI UN CUORE GRANDE, GRANDE. TU SEI COME UNA DEA CHE CI DA DEI CONSIGLI TI VOGLIO MOLTO BENE COME UN FIORE PROFUMATO OH! OH! OH! CHE BELLA MAMMA OH! OH! OH! CHE GRANDE CUORE OH! MAMMA TE VOGLIO BENE ASSAI. LOSITO A.

IL MIO MICETTO

CARO MICETTO MIO, TU SEI SIMPATICO E BIRICHINO. CARO MICETTO MIO, TU SEI AMMIREVOLE PER IL TUO CORAGGIO E LA TUA BONTÀ. CARO MICETTO MIO, IO TI VOGLIO BENE TU SEI IL MIO...             P A                                                           

IL MIO NOME SUI MIEI QUADERNI DI SCUOLA,

SUI MIEI BANCHI DI SCUOLA, E SULLA NEVE SCRIVO IL MIO NOME. SU TUTTE LE PAGINE CHE HO LETTO, E SU QUELLE BIANCHE, SCRIVO IL MIO NOME. SULLE PIAZZE DEI PAESI, SCRIVO IL MIO NOME. SUI GRADINI DELLE PORTE DELLE CASE, SCRIVO IL MIO NOME. SULLE MANI STESE DEI MIEI AMICI, SCRIVO IL MIO NOME. E PER QUESTA VIRTÙ SONO NATO: PER CHIAMARMI A!                           G G A

IL MIO CANE

ECCO ARRIVAR IL MIO CAGNONE TUTTO GRANDE, FORTE E STIRACCHIONE CON QUELLE SUE ZAMPE GRANDI RIESCE AD IMPAURIR TUTTI QUANTI. LA SUA FACCIA è PENZOLANTE E CAMM BRONTOLANTE IL MIO MASTINO è GRANDE E FORTE E QUANDO ENTRA IN CASA TREMANO LE PORTE QUANDO TI INCONTRO MI SALTI ADDOSSO COME SE FOSSI UN GRANDE OSSO PER ME SEI UN GRANDISSIMO AMICO MA CON GLI ALTRI TI DIMOSTRI NEMICO TU CON ME SEI MOLTO APERTO COME UN TORNADO NEL DESERTO SEI UN CAGNONE MOLTO GRANDE, COME UN LEONE RINTRONANTE. Barile N

I GENITORI

TU SEI, COME UN DIO CHE MI SCRUTI SEMPRE. SEI COME UNA RADIO SENZA PILE E SENZA ANTENNE SE QUALCHE VOLTA GRIDI E TI FACCIO INQUIETARE, DOPO UN PO SORRIDI E TI FAI PERDONARE. IO DEDICO ALLA MAMMA, AL MIO PAPÀ TUTTO L’AFFETTO CHE LORO MI HAN DATO; COME UN DOLCISSIMO E BUON BABA, COME UN FRESCO E GUSTOSO GELATO. BARILE N

CARO NONNO SE TU CI FOSSI ANCORA,

CI BASTEREBBE UN SORRISO PER UN ABBRACCIO DI UN’ORA. IL MONDO CAMBIA, HA SCELTO LA BANDIERA, L’UNICA COSA CHE RESTA è UN’INGIUSTIZIA PIÙ VERA. QUI TUTTI GRIDANO, QUI TUTTI NOI SIAMO DIVERSI. MA SE LI SENTI PARLARE SONO DA SEMPRE GLI STESSI. QUANTE BUGIE, QUANTI SEGRETI IN FONDO AL MARE. PENSI DAVVERO CHE UN GIORNO POSSA DAVVERO FIORIRE. OH, NO! NON DIRMI CHE QUEL GIORNO CI SARÀ. CHIUDO GLI OCCHI E PENSO A TE, DOLCE NONNO. NEL MIO AMORE ACCANTO A ME TU SEI VIVO. CHIUDO GLI OCCHI E TU CI SEI DOLCE NONNO TU SORRIDI ACCANTO A ME. BARILE N

IO E DIO

IO AMO DIO. IO SONO UNA SUA AMICA. DIO MI PERDONA è INFINITAMENTE BUONO E ONNIPOTENTE. TI VOGLIO VEDERE, TI VOGLIO TOCCARE, TI VOGLIO CONOSCERE, GRANDE è LA MIA FEDE IN TE. P A

CHI è GESÙ?

E’ IL FIGLIO DI DIO, CHE CI VUOL BENE, CHE CI PROTEGGE ANCHE NEL SONNO E CI CONTROLLA TUTTO IL GIORNO. CHI è GESÙ? E’ L’AMICO PIÙ SINCERO, CHE DI AMICIZIA E DI AMORE IL CUORE HA PIENO. IL CROCIFISSO CI GUARDA DA LASSÙ E CI RICORDA LA MORTE DI GESÙ. GESÙ è NEL NOSTRO CUORE E RIVELA AD OGNI AMICO IL NOSTRO AMORE. NN

SENZA TE O MIO SIGNORE IL MONDO è NULLA,

SENZA TE O MIO SIGNORE. IL GIORNO è COME LA NOTTE, SENZA TE O MIO SIGNORE. L’AMORE è COME LA SABBIA DEL DESERTO, SENZA TE O MIO SIGNORE. L’AMICIZIA è COME UN SASSO ARIDO, SENZA TE O MIO SIGNORE. L’UNIVERSO, IL CIELO, IL SOLE, LA MIA STESSA VITA, SENZA LA PRESENZA TUA è NULLITÀ O MIO SIGNORE.                                     NN

IL GATTO E LA GATTA

CARO GATTO, LA PRIMA VOLTA CHE TI VIDI ERI PAUROSO, MA MAN MANO CHE PASSAVANO I GIORNI, TU TI AFFEZIONAVI SEMPRE PIÙ. UN GIORNO PERÒ MI DESTI UN DISPIACERE; INCONTRASTI LA GATTA DELLA TUA VITA E NON RITORNASTI PIÙ. TI DAVO DA MANGIARE TANTE BUONE COSE E TU TE NE ANDASTI, ED IN UN BATTI BALENO NON TI VIDI PIÙ. GP

ACCANTO AL CAMINO c’è UN OROLOGIO A CUCU

SEMPRE ACCANTO AL QUADROBLU RISPECCHIA IL VECCHIO OROLOGIO A CUCU. COM’è GRANDE, COM’è BELLO COM’è IMPORTANTE E COM’è SPLENDENTE QUELL’ANTICO OROLOGIO ACUCU CHE HA CENT’ANNI E PIÙ.                           N V

CARO LORENZO SCAROLA TI SCRIVO PER DIRTI,

QUANDO MI DISPIACE CHE L’ANNO PROSSIMO NON VERRAI. OLTRE ALLE CURVE E ALLA STRADA PERICOLOSA ANCHE I RAGAZZI DELLA 3^E TI VORREBBERO CACCIARE SOLO FAI IL “BUFFONE”. IO PRESTO HO CAPITO CHE VOLEVI DIMOSTRARE IL TUO AFFETTO PER NOI. CP

PRIMAVERA

LA PRIMAVERA è UNA BAMBINA, SORRIDE MA è ANCHE BIRICHINA. IL SOLE PALLIDO, MA PREMUROSO, IL VENTO DEBOLE, MA DISPETTOSO. LA PRIMAVERA MI PIACE COSÌ, UN GIORNO NO, UN GIORNO SI.                                                      CAMPAGNA

AL PROFESSORE

ERO IN CLASSE COL PROF. SCAROLA CHE SCANDIVA BENE OGNI SUA PAROLA LEGGEVA, PARLAVA, GIOCAVA, MA COMPITI A CASA PUR NE DAVA. IL PROF. CON ME VA D’ACCORDO LASCIANDOMI SEMPRE UN BEL RICORDO QUANDO CI LASCIA E SE NE VA VIA MI SENTO SOLO E SENZA COMPAGNIA. CI INSEGNA NUOVI CANTI SEMPRE DOBBIAMO ESSERE PRONTI CANTI SIMPATICI E DIVERTENTI CHE NELLA MENTE RICORDANO BEI MOMENTI. IO NON SARÒ CONTENTO QUANDO SE NE ANDRÀ MA CREDO CHE MI TERRÀ PRESENTE FINCHÉ VIVRÒ IO DI LUI NON MI SCORDERÒ MAI MA LUI MI FARÀ UNA DOMANDA: MI AMERAI? IO A QUESTA DOMANDA SO RISPONDERE DICENDO: NON TI PREOCCUPARE SCAROLA LORENZO. S V                                                                                              

A DIO

NOI NON TI VEDIAMO, NOI NON TI SENTIAMO PARLARE, NOI NON TI SENTIAMO CAMMRE, MA SAPPIAMO CHE CI SEI. SEI VICINO NEL MOMENTO DEL BISOGNO, SEI COLUI CHE CI DA LA FORZA: PER PERDONARE, PROSEGUIRE, AMARE, SPERARE.E QUANDO TI CHIAMIAMO, TU VIENI, E QUANDO TI PENSIAMO, TU CI PENSI, E QUANDO TE LA CHIEDIAMO TU CI DAI QUESTA FORZA. QUESTA FORZA, CHE SE NON CI FOSSE, NON POTREBBE FARCI VIVERE. S ROSA

Oh, mio caro micino,

bello, lino, pastoso, lepido, grazioso, fuochino, neccherino. Beato sonnecchi pien di scienza infusa e mi guardi sott’occhi e mi fai le fusa. Tu vieni quattoquatto a farmi compagnia e mi schizzi d’un tratto sopra la scrivania. Io ti voglio bene, micino mio e spero di non dirti mai addio!            P A                                                                                             

ESSERE AMICI è MOLTO IMPORTANTE

SI CONDIVIDONO ESPERIENZE, SI è FELICI E TRISTI INSIEME, SI PUÒ PARLARE TRANQUILLAMENTE E SI PUÒ SOPRATTUTTO AMARE. PROPRIO PER QUESTO DOVE C’è L’AMICIZIA C’è ANCHE L’AMORE. S Rosa                                              

SIGNORE

Oh, Signore, tu sei tutto per me, sei la luna che splende nella notte. Sei il sole che splende di giorno. Sei il mare che accarezza le onde. Sei fiore che sboccia ogni giorno. Oh, Signore, tu sei per me, l’unico mio amico, l’unico mio grande amore che mi ama tanto, che mi sorride ogni giorno.                          LPM

SINCERITÀ

E’ bello essere sinceri, non essere mai crudeli. Aver fede nel cuore e credere nell’amore. SINCERITÀ, una parola di gioia che non riempie il cuore di noia; SINCERITÀ è bella averla nel cuore. LR    

PROFESSORE SCAROLA

PROFESSORE, TI VOGLIO BENE CON IL CUORE. MI PIACE IL TUO SORRISO, COME IL SORRISO DI UN UCCELLINO. SEI MOLTO GIOCHERELLONE, COME UN PICCOLO BAMBINO ANCHE SE TI FACCIO ARRABBIARE TU SEI ALLEGRO E VISPO. TU SEI CARINOCARINO E BIRICHINOBIRICHINO. LOSITO

IL PUNGIGLIONE NEL MIO CUORICIONE

C’è UN GRAN PUNGIGLIONE CHE VA E VIENE DAL MIO GRAN POLMONE SPERO CHE UN GIORNO QUESTO PUNGIGLIONE SE VA DAL MIO CORPICIONE.                                     N V

NERINO

HO UN CANE PICCOLINO CHE SI CHIAMA NERINO HA UN CUORE PICCOLINO E IL MANTO DI ARLECCHINO.

HO UN TOPOLINO DI NOME GIGETTO E VA SEMPRE GIRANDO SUL MIO TETTO GIGINOGIGETTO.                   CP                                                                                                              

LA VITA

LA VITA è COME UN PALCOSCENICO. CI SONO MOLTE FACCE MASCHERATE. LA VITA è COME L’AMORE, DEVI ESSERE OSTILE PER OTTENERE QUALCOSA. LA VITA è LA COSA PIÙ MERAVIGLIOSA CHE VI SIA CON MOMENTI BELLI E BRUTTI CHE CI PORTANO ALLA FOLLIA. S ROSA                                                                                                                     

IL MONDO

ESSO è GRANDE IO L’HO VISTO SI DISTINGUE NELL’UNIVERSO è PIENO DI CREATURE. N V.

LE VACANZE

LE VACANZE SON ARRIVATE TUTTI AL MAR NOI ANDIAM CI DIVERTIAMO, MOLTOMOLTO FACENDO IL GIROTONDO MI MANCHERANNO I PROFESSORI, MA ANCHE LORO SI DIVERTIRANNO.                      NN

LA MATERNITÀ

DIO A TANTE DONNE NEGHI LA GIOIA DELLA MATERNITÀ QUANDO GIÀ DA BAMBINE NELLA FANCIULLEZZA, FANNO LE MAMME ALLE LORO BAMBOLECON TANTA TENEREZZA. VM

IL MARE

IL MARE INFRANGE LE SUE ONDE SUGLI SCOGLI DELLA SPIAGGIA LUCICCHIA AL SOLE, SI MUOVE AL VENTO, RITORNA SULLA SPIAGGIA MENTRE UNA BARCA SOLITARIA ONDEGGIA TRA L’AZZURRO DEL MARE. IL MARE, DOLCE PAROLA, RAPPRESENTA IL CAMMINO DI OGNI UOMO.L.REGINELLA

IL MIO FRATELLINO

IL MIO FRATELLINO è BELLO E PICCINO MA QUANDO SCENDE DAL SUO SEGGIOLINO DIVENTA UN BIRICHINO.                              PG

LA FAME

LA FAME è COSA BRUTTA DA DIRSI E DA VEDERSI VUOL DIRE POVERTÀ, SOFFERENZA , AMAREZZA. LPM

LO SCHIZZETTO

LO SCHIZZETTO DI CAFFÈ SULLA MAGLIETTA LO SCHIZZETTO DI ARANCIATA SULLA TOVAGLIA LO SCHIZZO D’ACQUA LO SCHIZZO DI COCA COLA LO SCHIZZO DI VINO OH! MADONNA CHE SCHIFO! SANTO CIELO BASTA CON QUESTI SCHIZZI OH! NN

PROFESSORE SCAROLA

CON TE NON DICIAMO NEANCHE UNA PAROLA. UN GIORNO TE NE ANDRAI VIA E NOI PIANGEREMO CON TANTA MALINCONIA. GLI ALTRI PROFESSORI CI CONSOLERANNO MA NOI TUTTI SEMPRE TI PENSEREMO. A P                                    

LA SCELTA

UN GIORNO ARRIVERÀ IL MOMENTO DEL GIUDIZIO, E NOI TUTTI SAREMO DISTINTI PER QUELLO CHE SIAMO STATI. GLI ULTIMI SULLA TERRA, DIVENTERANNO I PRIMI IN PARADISO. CHI VORRÀ ANDARE LASSÙ SOLO PER SAPERE, PER GIUDICARE GLI ALTRI NON VI ENTRERÀ. CHI SARÀ STATO ALTRUISTA AVRÀ I FRUTTI MIGLIORI, CHI SARÀ STATO EGOISTA QUELLI PEGGIORI. CHI VORRÀ ENTRARVI PER DIVENTARE IL PIÙ FORTE E IL PIÙ PREPOTENTE, VIVRÀ SEMPRE NEL MONDO DELLE TENEBRE. CHI SI PENTE SARÀ PERD E SARÀ PREDILETTO E IL PIÙ AMATO DAGLI ALTRI E CHI VI ENTRERÀ PER AMARE ED ESSERE AMATO, SARÀ TUTTO QUELLO CHE NON HA MAI SAPUTO.

FAME

POVERA GENTE CHE DEL CIBO ATTENDE POVERA GENTE E DEL LORO CUORE CHE NE RISENTE POVERA GENTE CHE VIVE ALL’OMBRA DEGLI EGOISTI. POVERI EGOISTI CHE HANNO E CHE NON DANNO MAI POVERA GENTE E POVERI EGOISTI!!!!!!!!!!!!!!!!!! UN GIORNO SI CAMBIERANNO I POSTI E COSI CHI HA DATO AVRÀ, MA CHI NON HA DATO NIENTE NON RICEVERÀ NIENTE.                                          S ROSA

VANGELO

UN GIORNO GESÙ DISSE AI SUOI DISCEPOLI: “CHI DI VOI è IL PIÙ PICCOLO SI FACCIA COME UN GRANDE, PERCHE IO NON SONO VENUTO PER ESSERE SERV, MA PER SERVIRE.”

VANGELO

UN GIORNO GESÙ DISSE A P: “MI AMI?” P DISSE: “SI CHE TI AMO”GESÙ DISSE:”P MI AMI?PASCI LE MIE PECORELLE.”                                     BP  

IL MARE

IL MARE è UNA COSA BELLA CI SI VA IN ESTATE E CI SI FA UNA PICCOLA NUOTATELLA. AL MARE CI SI DIVERTE NON SOTTO LE COPERTE MA SOTTO LE OMBRELLETTE. IL MARE, NIENT’ALTRO DA DESIDERARE!

IL MIO PROFESSORE

IL MIO PROFESSORE è LA PERSONA PIÙ MEGA SIMPATICA DELLA SCUOLA. IL PROFESSORE SI CHIAMA LORENZO SCAROLA CHE AMA MOLTO LA PAROLA “SHALOM” CHE RESTERÀ PER SEMPRE NEL MIO CUORE. PROFESSORE, NON ANDAR VIA NON MI LASCIARE CON LA MALINCONIA IO LE VOGLIO BENE COME UNA SUA FIGLIOLINA!!                     MERY M BELLOMO

Preghiera

Per gli uomini, i bambini, le donne che ogni giorno muoiono di fame, vivano tranquilli con un pò di pane, nella pace, nell’amore di un mondo felice, io prego Dio.                                                                 LR

IL PROFESSOR SCAROLA

è UN UOMO BUONO E CARO CHE GIOCA CON TUTTI I RAGAZZI. IL PROFESSOR SCAROLA è RIFLESSIVOIN UN’ORA SOLA NELLA SETTIMANA GIOCA E CI FA STUDIARE. A ME DISPIACE CHE SE NE VA CI DIVERTE E CI HA FATTO CAPIRE COS’è LA SCUOLA. VM                                                            

RESTA NELLA FORESTA

R RESTO NELLA FORESTA

I IO E TE IN FESTA

S SENZA FARE TANTI PROCLAMI

P LA NATURA L’AMI

E NON DIRLO TANTO IN GIRO

T TROPPE PAROLE DICONO IL MALE

T TROPPI DISCORSI FANNO PAURA

O OSTACOLANO LA VITA DELLA NATURA VM

 

LA FAME

LA FAME è UNA COSA BRUTTA IN CONFRONTO AI POVERI DENUTRITI SIAMO DEI RICCHI SFONDATI. OGNI GIORNO NEL MONDO MUOIONO MIGLIAIA DI POVERE PERSONE CHE SOFFRONO, PIANGONO URLANO LA PAROLA “FAME”.

L’AMORE è UNA COSA MERAVIGLIOSA

CHE SBOCCIA COME UNA ROSA è COME UN MARE SPUMEGGIANTE SEMPRE MOLTO RILASSANTE E PER CHI LO PROVA è UNA COSA AFFASCINANTE L’AMICIZIA ESSERE AMICI VUOL DIRE ESSERE FELICI SIA NEL CUORE CHE NELL’UMORE E NEL DOLORE!!            BELLOMO M

LA FINE DEL MONDO

ARRIVERÀ IL GRAN GIORNO IL GIORNO FINALE LA GENTE CHE NON PUÒ MANGIARE SARÀ FELICE DIO CI PUNIRÀ PER QUELLO CHE ABBIAMO FATTO PER LE INGIUSTIZIE CI PUNIRÀ COSÌ CON LA MORTE.                       N V       

IL POVERO:

FRATELLO, TU COME GLI ALTRI SEI CONDANNATO A MORIRE DI FAME, SEI CONDANNATO A CERCARE IL CIBO, SEI CONDANNATO A SOFFRIRE. TI RITIRI STANCO DOPO UNA GIORNATA DI RICERCA. PIANGI NESSUNO PUÒ VEDERTI, PERÒ NON SAI CHE C’è UN FRATELLO CHE TI AMA. P B                                                                            

CARO PROFESSORE,

MERCOLEDÌ SCORSO QUANDO VE NE SIETE ANDATO E MI AVETE STRETTO LA MANO IO MI SONO MESSA A PIANGERE PURTROPPO L’ANNO PROSSIMO NON SARETE PIÙ CON NOI VORREI CHE NON VI DIMENTICATE MAI DEI VOSTRI ALUNNI DELLA 2^I VI VOGLIO MOLTO BENE QUEI CANTI PIENI DI ALLEGRIA E QUEL MODO STRANO DI STUDIARE MI DAVA VOGLIA DI STUDIARE. L’ANNO SCORSO CON L’ALTRO PROFESSORE NON FACEVAMO NIENTE. ORA CHE AVEVAMO UN PROFESSORE COME VOLEVAMO, SE NE VA .LE VOSTRE BIZZARRE FAVOLE VORREI ESSERE CORRISPOSTA DA VOI. SPERO DI AVERE AL Più PRESTO VOSTRE NOTIZIE. AT

IL VERO AMORE

L’AMORE è UN FIORE PROFUMATO CHE NASCE NEL CUORE DI CHI VIENE AMATO L’AMORE è UN SENTIMENTO NEL CUORE CHE NASCE SOLO DAL VERO AMORE. M N      

IL FONDO DEL MIO CUORE

è COLMO DI AMORE C’E ANCHE DOLORE IL FONDO DEL MIO CUORE è DEL COLORE DELL’AMORE NEL MIO CUORE C’è ANCHE VENDETTA, MA IO LA SUPERERÒ E LA SPUNTERÒ COME UNA VETTA.

LA MIA SPERANZA

LA MIA SPERANZA è QUELLA CHE UN GIORNO QUALCUNO SI INNAMORI DI ME. PER QUESTO; SOGNO OGNI NOTTE, UN UOMO DIVERSO MA CON IL VOLTO COPERTO. PER QUESTO NON MI PENTO!!!

LA TRISTEZZA

LA TRISTEZZA CHE C’è IN ME RACCHIUDE I MIEI ORIZZONTI E NON POSSO ANDARE AVANTI PERÒ IO SO CHE UN GIORNO RIUSCIRÒ E DI NIENTE MI SPAVENTERÒ.     T. G

LA SOFFERENZA

LA SOFFERENZA CI FA DISPIACERE LA SOFFERENZA CI FA SOFFRIRECON LA SOFFERENZA SI RIESCE A CAPIRE QUELLO CHE NON ABBIAMO MAI CREDUTO QUELLO CHE NON ABBIAMO MAI PROVATO NEI CONFRONTI DI UNA PERSONA DI UN ANIMALE INSOMMA CON LA SOFFERENZA SI IMPARA. BM                                                                                                             

OH SIGNORE PERDONA I NOSTRI PECCATI

PULISCI IL NOSTRO CUOR PROTEGGI DAL PECCATO COL TUO CUORE PULITO E BUONO E COSÌ GRANDE DA VOLER BENE A TUTTI NOI. GIANLUCA LOCORRIERE

NON IMPORTA

NON IMPORTA SE UNA PERSONA SIA BRUTTA O BELLA LEBBROSA O CIECA SORDO O MUTO ANTIPATICO O INVALIDO. BASTA CHE IL CUORE SIA PURO E SINCERO COME VUOL IL NOSTRO SIGNORE.

LA FANTASIA

LA FANTASIA è UNA COSA BELLA, CHE ABBIAMO TUTTI NEL CUORE CI RIVELA L’AMORE SENZA FARE RUMORE QUESTA PUÒ ESSERE POCAE PUÒ ESSERE UN’OCAO QUALSIASI ALTRA COSA. BELLOMO M

SALTA

SALTA SALTA, SALTA DI Là. SALTA, SALTA DI QUA E POI VA. IL SALTO MIO è PIÙ DI QUELLO SUO. INFATTI IO SALTO PER LA GIOIA, LUI PER LA TRISTEZZAIL SALTO SI PARAGONA ALLA GIOIA DI DIO CHE HA PER NOIE NOI LO RICAMBIAMO CON UN’ALTRO SALTO. N V

IL MALE

GUARDA QUANTO MALE SI PUÒ FARE A DIO CON LE GUERRE, CON GLI OMICIDI DIO CI HA FATTO NON PER AMMAZZARCI, MA PER AMARCI COLPIAMO DIO ALLE SPALLE E SENZA RAGIONARE PERÒ NON PENSIAMO CHE CHI HA IL POTERE DI FARCI NASCERE PUÒ DISTRUGGERCI. CON UN SOLO SCHIOCCAR DI DITA.                  N V

MI RIFIUTANO?

NON MI VOGLIONO? SONONEGRO? SOTTO QUELLA PIANTAGIONE DI COTONE MI HANNO SFRUTTATO. IN QUELLA CASA MI HANNO FATTO SCHIAVO. MA SONO NEGRO? FORSE DIO HA VOLUTO CHE IO FOSSI COSÌ, PER IMPARARE A SOFFRIRE. MA IO ACCETTO SONO SICURO CHE DIO MI PREMIERÀ. RG

L’AMORE è UNA COSA ETERNA

L’ANDATA E IL RITORNO L’AMORE è UNA COPPIA AL PRIMO INCONTRO NEL PIÙ BELLO ZACT FINISCE LA STORIA SI RICOMINCIA CON UN’ALTRA COME UNA FAVOLA POI PER FORTUNA FINISCE SEMPRE TUTTO BENE, MA SI FA PER DIRE. P RAFFAELLA

MAMMA CARA MAMMA

IO SONO QUI NEL TUO GREMBO,IO SONO AL CALDUCCIO IO MI NUTRO DI QUELLO CHE TI NUTRI TU è SOLO UNA PICCOLA ATTESA è SOLO UN PICCOLO ISTANTE. ORA SONO QUI VICINO A TE, MAMMA NON TI RINGRAZIO DI AVERMI CREATO,  è MOLTO BELLO VEDERTI SORRIDERE, PER AVER AVUTO UN PICCINO CHE PIACE MOLTO A TE.            P RAFFAELLA

PAPÀ CARO PAPÀ,

MOLTE VOLTE MANCHI PER GIORNI QUANDO TI VEDO SEMBRI UN FARFALLONECHE DI GIOIA RIEMPI IL MIO CUORICIONE.

MAMM TU SEI UNA GATTINA,

BIANCA E PICCINA. QUANDO TI ARRABBI SEMBRI UN LEONE E MI GUARDI CON ATTENZIONE.

LA MIA LAMPADA

è NERA E BLUE MI SEMBRI UN OROLOGIO A CUCÙHAI TRE GAMBE E UNA STECCHETTA E SEMBRI UNA DONNETTA. CP

LA FAME è QUALCOSA DI BRUTTO,

UNA COSA CHE è PEGGIO DI QUALSIASI COSA AL MONDO. NOI CHE POSSIAMO MANGIARE, RIFIUTIAMO QUELLO CHE NON VOGLIAMO E PREFERIAMO QUEL CHE CI PIACE. LE ALTRE POPOLAZIONI MALFAMATE NON GODONO DEI NOSTRI DIRITTI E PERCIÒ MANGIANO I RIFIUTI DI DENTRO LE BITUMIERE. MA CREDO CHE SIA GIUSTO COSÌ è QUALCHE PUNIZIONE DEL SIGNORE NEI LORO CONFRONTI. N V

IL MIO NOME SUI MIEI QUADERNI,

SUI MIEI BANCHI DI SCUOLA. SULLA NEVE SCRIVO IL MIO NOME. SU TUTTE LE PAGINE CHE HO LETTO E SU QUELLE BIANCHE SCRIVO IL MIO NOME. SULLE PIAZZE SCRIVO IL MIO NOME SULLE MANI STESE DEI MIEI AMICI SCRIVO IL MIO NOME SUI GRADINI DI VICINO CASA,SCRIVO IL MIO NOME, E’ PER QUESTO MOTIVO CHE TUTTI MI CHIAMANO A

QUANDO FINISCE UN AMORE

NON SI RIESCE A VIVERE E A SORRIDERE QUANDO FINISCE UN AMORE NON SERVE SORRIDERE MA PIANGERE SOLO PIANTORIMPIANTO SOLO BEI RICORDICHE TUTTO POSSA RICOMINCIARE. E SE UN GIORNO QUESTO SOGNO SI AVVERERÀ, SBOCCERANNO FIORI E TUTTI RIDERANNO DI GIOIA E TUTTI DIRANNO: “TI AMO” COME IL FIORE AMA LA RUGIADA COME UN FILO SOTTILE CHE SOLO AL TUO SGUARDO SI SPEZZAE RICOMINCIA UN NUOVO AMORE. C A                  

LA BAMBINA NASCE CRESCE E SI RIPRODUCE.

ALLA FINE MUORE ED è MEGLIO COSÌ NON PECCHERÀ, NON SOFFRIRÀ, E NEL CIELO FELICE VIVRÀ.

NON SAI

NON SAI COME MI PIACCIONO I TUOI OCCHI NON SAI COME MI PIACCIONO I TUOI CAPELLI NON SAI COME MI PIACE IL TUO SORRISO. NON SAI QUANDO SONO FELICE QUANDO MI SALUTI MA ALMENO LO SAI QUANDO TI VOGLIO BENE? SPERIAMO!!!

LE AMICHE SONO QUELLE CHE IN OGNI MOMENTO TI AIUTANO

A DARE UNA PAROLA DI CONFORTO. SONO QUELLE CHE CERCANO DI TIRARTI SU IL MORALE PER QUESTO CREDO DI AVERNE BISOGNO MA PER ALCUNE AVERE UN AMICO VERO E PROPRIO è SOLO UN SOGNO.MA ESSE NON SI SCORAGGIANO MAI. SU CORAGGIO!T. G                                                                       

Il mio professore

è la persona più mega simpatica della scuola. Il professore si chiama LORENZO SCAROLA, ed ama molto la parola” SHALOM “che resterà sempre nel mio cuore. Professore non andar via non mi lasciare con la MALINCONIA,io le voglio bene come una sua figliolina!!. M BELLOMO.

IL MARE.

Il mare è una cosa bella, vi ci si va in estate e ci si fa una piccola nuotatella. Al mare ci si diverte non sotto le coperte ma sotto le ombrellette. Il mare nient’altro da desiderare! M. BELLOMO.

L’AMORE.

Il mio amore sboccia a poco a poco e va lontano. Scavalca le montagne più aspre, s’immerge nei celi immensi, si perde nell’erba fresca di un prato, si ritrova nelle acque di un laghetto, e poi si sposta ancora, per raggiungere quell’immenso che c’è. ROSA S

DEDICA.

Caro professore Scarola, non andar via, non lasciarci con tanta malinconia. Tu per noi sei come il SOLE, che sorge ma che non tramonta mai. ROSA S

ARRIVEDERCI

Oh, caro professore, sei un caro ragazzone, ci spieghi nuove cose sempre più emozionanti, oh caro professore, o bel professore, non te ne andare, non ti allontanare,ma ci hai promesso che con il tuo spirito rimarrai nei nostri cuori. Addio, professore anzi ARRIVEDERCI. LOSITO ALESSANDRO

L’ AMORE. L’ESTATE.

Chi ama se stesso L’estate è una cosa bella, ama le persone che dove la gente preferisce, lo circondano. andar al mare e non a lavorare. Se uno si sP Al mare ci si diverte a volontà con una ragazza anche se è un divertimento la deve amare continuo quello dell’estate, non abbandonare e tradirla con un’altra. NAPOLETANO V

LA VITA.

Mi sveglio e mi accorgo che vivo, mangio e mi accorgo che vivo, sorrido e mi accorgo che vivo, piango e mi accorgo che vivo, tutto questo la vita è un dono di Dio.     LR

L’AMORE significa dolcezza,

felicità, amarezza si racchiude nel tuo cuore quando trovi un’anima gemella innamorata di te che ti vuole bene. L M

CARITÀ

CARITÀ NON è SOLTANTO DARE UN SOLDO, UN PANE A CHI NON L’HA COME NOI; è ANCHE SAPER DARE CIÒ CHE DI BUONO ABBIAMO A CHI NON è COME NOI. VM

LA SUPERSTIZIONE INCOMBE SU DI NOI,

è COME UNA SUPERSTIZIONE. AD UN TRATTO SPUNTÒ UNA LUCE COLORATA E VARIOPINTA A DIO PENSAI E IL PENSIERO DELLA SUPERSTIZIONE ABBANDONAI. A P

IL MARE,

UNA DOLCE PAROLA CHE COMPRENDE NUMEROSE CONCHIGLIE FRAGILI. SABBIA CALDA E PULITA,SOLE CHE SORGE E TRAMONTA MERAVIGLIOSAMENTE, VENTO SULLA RIVA CHE TI ACCAREZZA DOLCEMENTE I CAPELLI DURANTE UNA CALMISSIMA TRAMONTANA, CHE FA SMUOVERE I PESCI DAL PROFONDO DEL MARE E LI FA DANZARE COME PER MAGIA SU QUELLE ACQUE CHIARE.                                          S ROSA

VITA

NEGARLO? SIAMO UN PO TUTTI INNAMORATI DELLA VITA è QUELLA CHE CI Dà L’AMORE CHE è FRAGILE COME UN FIORE, è QUELLA CHE CI Dà LA GELOSIA CHE è SCONFITTA CON LA COMPRENSIONE, è QUELLA CHE CI Dà L’AMICIZIA E LA FELICITÀ CHE PUÒ ESSERCI SOLO SE CERCATA. MA SOPRATTUTTO CI DA LA RIUSCITA IN QUALCOSA CHE CI RENDE UNICI. S ROSA

SOLA

QUANDO SENTO LA MANCANZA DI QUALCUNO, SONO SOLA. QUANDO SONO TRISTE, PIANGO E MI SENTO SOLA. PENSO AGLI AMICI E MI SENTO ANCOR PIÙ SOLA. PENSO A TUTTA LA FELICITÀ DEL MONDO E FINALMENTE SONO ANCH’IO FELICE.        LR

TI PENSO PAPÀ,

COME SE CI FOSSE DENTRO IL SILENZIO LA TUA VOCE CALDA. TI PENSO PAPÀ COME SE DAL VENTO MI CADESSI ADDOSSO SENZA FAR RUMORE E COME SE NEL VENTO DOPO AVER SMALTITO UN PO DI TENEREZZA NOI DUE COMINCIASSIMO A VOLARE. IO TI PENSO PAPÀ QUANDO VIENE LA SERA LA PENOMBRA MI FA IMMAGINARE, MI DISTENDO, GUARDO VERSO IL CIELO, PER CERCARE IL TETTO DELLE TUE SPALLE COME SE QUEL CIELO MI POTESSE DARE IL MOTIVO GIUSTO PER NON STAR MALE.         M F

LA PELLE

FINCHE IL COLORE DELLA PELLE SARÀ PIÙ IMPORTANTE DEL COLORE DEGLI OCCHI CI SARÀ LA GUERRA. UNA COLOMBA SI POSÒ SULLA MIA MANO. MI PERSI NEI SUOI OCCHI, UN ATTIMO DI LIBERTÀ, INFINITO RICORDO DELLA VITA.

SOLITUDINE

SOLITUDINE è QUALCOSA CHE RODE DENTRO, NON LA VEDONO DAL DI FUORI è UN PUGNALE CONFICCATO NEL CUORE SOLITUDINE è IL CANTO DELL’ANIMO. CP

LA VITA

NON DEVI DIRE PIÙ CHE VUOI MORIRE ANCHE TU, RICORDA IN QUEI MOMENTI CHE CON TE C’è GESÙ NON DEVI DIRE MAI CHE LA TUA VITA è FINITA SE VUOI è APPENA FIORITANON DEVI DIRE CHE SENZA VALORE SEI TU CHE DEVI DARE CALORE. CP

DIO è UNA PERSONA CHE ESISTE,

E PER QUESTO IN FEDE INSISTE SE IO NON CREDO IN UN AVVENIMENTO, SPESSO RIMARRÒ POCO CONTENTO. DIO è UNA PERSONA CHE MI AIUTA E PER QUESTO NON MI IMPUTA QUANDO QUESTO NON AVVIENE SUCCEDE NON SONO FEDELE. SE DIO MI VUOLE BENE, IL RICAMBIO è IL MIO DOVERE. SE MALIGNA è LA MIA FACCIA, LUI NON FA CHE IO MI DISPIACCIA, SE LO CHIAMO, NON RISPONDE, MA NEL CUOR NON è CARONTE.IO LO AMO COME UN PADRE E LUI MI RISPONDE COME UNA MADRE.                                              S V

TU SEI UNA GATTINA VIVACE E BIRICHINA,

DAL MURETTO TE NE VAI COSÌ IO PENSAI. “SE NE ANDATA, CHISSÀ “ TI CURAVO, MI RINCUORAVI, TI SFAMAVO, TI ACCAREZZAVO, SE NE ANDATA CHISSÀ .                      NM

IL PADRONE

IO SONO NATO, DIO MI HA CREATO. DIO è IL PADRONE, CHE HA CREATO TUTTE LE COSE. DIO TI GUARDA TI AMA. A DIO VOGLIO BENE SOLLEVA LE MIE PENE. PG                                                                                            

GESÙ è PURO,

COME LUI NON C’è NESSUNO. LUI è IL PADRE UNICO, CHE CI DA TUTTO. GESÙ è IL RE SUPREMO, CHE TI DA TUTTO E NON TI TOGLIE COSE IN MENO. IO A GESÙ VOGLIO BENE, CHE MI DA TANTO BENE.             PG

LA PREGHIERA

QUAND’ERO PICCINO ALLE NOVE DI SERA ERO GIÀ A LETTO, MA NON MI ADDORMENTAVO SE PRIMA NON DICEVO DELL’ANGELO CUSTODE LA PREGHIERA. OGGI I BAMBINI QUELLA PREGHIERA NON LA DICONO PIÙ; A QUELL’ORA LA SERA SONO I PRIMI A SEDERSI D’AVANTI ALLA TV.       VM

SE INCONTRI UN VECCHIO,

SOLO IN UNA VIA SOLITARIA O IN UN MARE DI GENTE VERSO DI LUI INDIFFERENTE: SE NON LO CONOSCI SALUTALO UGUALMENTE; CERTO SI SORPRENDERÀ, MA TI RISPONDERÀ; PER UN ATTIMO SOLO L’AVRAI LEVATO DALLA SUA SOLITUDINE, PER QUELL’ATTIMO SOLO AVRAI COMPIUTO UN ATTO DI UMANITÀ.                                                                          VM                                                                          

MAMMA CARA,

A TE SONO DEVOTA DELLA MIA NASCITA. QUANDO ERO PICCOLINA MI ACCAREZZAVI SEMPRE PER STARMI PIÙ VICINA, ED IO FELICE DI QUELLE CAREZZE NON VEDEVO L’ORA DI ABBRACCIARTI E DI DIRTI CHE TI VOGLIO BENE LA TUA IMMAGINE BELLA E VIRTUOSA VIVE DENTRO DI ME.21392 LPM

IL MONDO è STRANO

C’è GENTE CHE VA E GENTE CHE TORNA, E OGGI,PER ME TU SEI TANTO LONTANO. LPM

L’AMORE

SE AMI TANTO QUALCUNO. LASCIALO ANDARE: SE TORNA SARÀ TUO PER SEMPRE. SE NON TORNA, NON LO è STATO MAI.   LPM

FOGLIA

FOGLIA C’ANDERRA STAI ARROVIGLIATA COM’A NA CARTA IL VENTO TE SFOGLIAMA TU SEMPRE FOGLIA SEI E RIMARRAI. N V

CARO PROFESSORE

SONO STATO MOLTO CONTENTO CHE QUEST’ANNO SIETE VENUTO AD INSEGNARE NELLA NOSTRA CLASSE, MENTRE STO SCRIVENDO QUESTA LETTERA SONO COLMO DI GIOIA. CON I VOSTRI INSEGNAMENTI HO AUMENTATO LA MIA FEDE E HO IMPARATO A PENTIRMI DEI MIEI PECCATI. SONO TRISTE ALL’IDEA DI NON RIVEDERVI PER UN LUNGO PERIODO. VOGLIO CHE CIÒ CHE STO PER DIRVI RIMANGA UN SEGRETO TRA DI NOI, VE NE PREGO: LORENZO PER ME SEI UN FRATELLO E TI VOGLIO BENE. TI PREGO QUANDO NON CI RIVEDREMO PIÙ, SCRIVETEMI ANCHE VOI. SCRIVETEMI LE VOSTRE PAROLE SARANNO DI CONFORTO E MI AIUTERANNO A PASSARE I MOMENTI PIÙ DIFFICILI. PROFESSORE VI AUGURO UN BUON CAMMINO DI FEDE ARRIVEDERCI.            SALUTI DA C L

PENSAVO A TE COME A UN AMICO,

MA STANOTTE HO PIANTO PER TE, NON AVREI MAI PENSATO DI POTERTI AMARE MA è COSÌ NON SAPEVO NON SAPEVO CHE LA PAROLA “FINE” FOSSE TANTO TRISTE NON SAPEVO CHE LA PAROLA “SEMPRE” FOSSE COSÌ BREVE NON SAPEVO CHE LA PAROLA “MAI” FOSSE TANTO LUNGA. OGGI CHE HO PERSO TE, HO IMPARATO TUTTO L’AMORE PIÙ GRANDE SE TU SENTISSI COME BATTE IL MIO CUORE,SE SOLTANTO RIUSCISSI AD ENTRARE NELLA MIA MENTE E A CAPIRE I MIEI PENSIERI, ALLORA AVRESTI PAURA SCOPRIRESTI CHE IL MIO AMORE PER TE è PIÙ PROFONDO DEGLI OCEANI!LASCIA CHE SIA LASCIA CHE LA PIOGGIA SCENDA, LASCIA CHE LA NEVE SI SCIOLGA, LASCIA CHE IL SOLE SPLENDA, MA NON LASCIARE CHE IO SMETTA DI AMARTI COSÌ TANTO.

IL TUO RICORDO L’AMORE è UN SENTIMENTO MERAVIGLIOSO, MA A VOLTE PUÒ FERIRE DENTRO. QUANDO UN’AMORE NON è CAPITO QUANTI INUTILI PIANTI. QUANTE PAROLE BUTTATE AL VENTO QUANTI CUORICINI SPEZZATI DISEGNATI SU UN FOGLIO. E’ DIFFICILE DIMENTICARE UN AMORE PERSO E MAI ESISTITO.                      C M A

RAGAZZI D’OGGI IL VENTO SOFFIA LENTAMENTE SU DI NOI,

RAGAZZI FRAGILI E SPENSIERATI. PRONTI A TUTTO PUR DI CONQUISTARE IL MASSIMO. OGNI DELUSIONE CI TRAFIGGE IL CUORE. MA DOPO UN Pò DI DIVERTIMENTO PASSA. SI! IL DIVERTIMENTO!UN AGGETTIVO CHE PIACE A TUTTI DI OGNI ETÀ MA IN PARTICOLAR MODO A NOI RAGAZZI D’OGGI.

C’è UNA PERSONA NELLA VITA CHE CI CAPISCE, TI AMA E TI CONSOLA. NON SI PUÒ CAMBIARE CON NESSUNA AMICA è UNICA; IL SUO NOME è PICCOLISSIMO, MA IL SUO AMORE è GRANDISSIMO. SA AIUTARTI IN OGNI MODO. E’ LA MAMMA,SI è LEI LA NOSTRA ANIMA. C M A

GLI OCCHI

ALZO GLI OCCHI E VEDO IL CIELO CHE SEMBRA UN CUORE IMMENSO PIENO DI GIOIA PIENO D’AMORE ABBASSO GLI OCCHI E VEDO ODIO ODIO, ODIO DA VERGOGNARSI DI ESSERE NATI. L’ODIOODIO, ODIO EGOISMO, L’EGOISMO CHE NOI PROVIAMO, CHE NOI SENTIAMO CHE SENTIAMO AFFIORARE NEI SENTIMENTI DI QUALCUNO.                          MC

LA GENTE QUANDO UNA PERSONA STA’ BENE,

TUTTA LA GENTE GLI è SEMPRE ATTORNOPER RIDERE SCHERZARE E ANCHE SFRUTTARE MA QUANDO LA STESSA PERSONA STA MALEGLI SARÀ LO STESSO VICINO TUTTA LA GENTE? PS

DEDICATA NON TI DIMENTICHERÒ

MAI SEI ENTRATO NELLA MIA VITA COME UN SOGNO E COME ESSO SEI SVANITO MI HAI LASCIATO UN SOGNO CHE NESSUNO, CHE NESSUNO POTRÀ MAI CANCELLARE UNA FERITA NEL MIO PICCOLO GRANDE CUORE COLMO D’AMORE PER TE. I LOVE YOU TI AMIAMO E SOLO NOI SAPPIAMO QUANTO, TUTTO IL GIORNO TI PENSIAMO. MA TU CHISSÀ DOVE SEI FORSE CON LEI UNA FRASE CI TIENE UNITE A TE: TI AMIAMO

TI AMO

NON MI AMI MA MI GUARDI, MI ODI MA MI PARLI, MI EVITI MA MI CERCHI. CI GUARDIAMO CI PARLIAMO CI CERCHIAMO MA NON MI DICI MAI TI AMO. GM

DIMENTICARTI

VORREI DIMENTICARTI, MA NON CI RIESCO OGNI VOLTA CHE CI PROVO CI SEI SEMPRE NEI MIEI PENSIERI. VORREI DIMENTICARTI SO CHE NON TI AVRÒ MAI. VORREI DIMENTICARTI MA NON POSSO TI AMO. AM

QUANDO PROVI UN SENTIMENTO

PER UN UOMO NON PUOI MAI SCORDARTELO COME IO LO PROVO. PER UN BOYS DAL NOME ANONIMO

CI INCONTRAMMO

E MI CHIAMASTI CON IL CUORE MI COLPISTI MA PENSANDOCI NON MI LASCIASTI MAI PIÙ.

VOLEVO CHIEDERTI...

DI INCONTRARCI VOLEVO CHIEDERTI DI PENSARMI VOLEVO CHIEDERTI DI NON ODIARMI VOLEVO CHIEDERTI SE AVEVI UN CUORE PER AMARMI.

PAROLE SPRECATE

QUANTE PAROLE TI HO DETTO QUANTE PAROLE SPRECATE AL VENTO QUANTE PAROLE VOLEVO DIRTI MA NON TI HO DETTO QUANTE PAROLE SENZA SENSO MA LA PAROLA PIÙ BELLA CHE NON TI HO DETTO QUEL GIORNO L’HO DIMENTICATAE ORA TE LA DICO: “TI AMO” SS                                                                       

L’AMICIZIA

L’AMICIZIA è STARE CON GLI AMICI, VIVERE CON LE PERSONE CHE TI VOGLIONO BENE. L’AMICIZIA è UNA COSA BELLA, CHE NASCE DAL PROFONDO DEL CUORE. L’AMICIZIA è UN DOVER MAI DIRE: “TI O TRADITO”. AM                   

Non si arrabbi professore

se nella lettera le ho dato del tu, lei è il mio prof. Preferito w l’allegria, Caro professore sono una vostra alunna, cioè S. Possiamo darci del tu mi è più facile. Se poi le dispiace mi abbassi il voto in religione!! Va bene, veniamo al dunque, lei, tu mi sei molto simpatico e sei il mio amico preferito, sei la mia consolazione, grazie a te ho imparato a vivere. Io odio la vita, per me è la cosa più brutta che c’è, forse non la vivo come dovrei, cioè non la vivo come gli altri che pensano a divertirsi. Anche se voglio non posso divertirmi i miei non me lo permettono. Non scherzo. Il giorno della settimana, oppure l’ora da me preferita è quella di religione, grazie a te, professore, la vita mi è più facile, grazie soprattutto ai buoni tuoi consigli. Basta adesso, non voglio più assillarti e credo che già ti sarai stufato a sentire i miei brutti lamenti. Vorrei chiedervi una cosa: voi siete sempre allegro? Oppure è l’apparenza ma nel cuore siete triste? Nella mia mente c’è tanta confusione e già si vede, non sono mai allegra. Ora ti devo lasciare. CIAO, A PRESTO. CIAO. TI SALUTA UN CONIGLIETTO IN SEGNO DELLA NOSTRA AMICIZIA. NON GETTARE QUESTA LETTERA, ALTRIMENTI, ALTRIMENTI TI SPACCO LA FACCIA scherzo di Carnevale, bisogna accettarlo. 28 – 1 - 92 SS 

SEMPRE DI PIÙ

SEMPRE PIÙ VIVO è L’AMORE PER TE SEMPRE PIÙ LUNGA L’ANSIA DI VEDERTISEMPRE PIÙ DOLCE IL PENSIERO DI TE SEMPRE PIÙ FORTE LA SPERANZA CHE UN GIORNO SARÒ SOLO TUA. CL                                                                                       

è UN INCANTESIMO

CHE NESSUNO PUÒ SCIOGLIERE è UN SENSO STRANO CHE TI PRENDE E NON TI LASCIA PIÙ è QUALCOSA CHE TUTTI VORREBBER PROVARE è UN SENTIMENTO MERAVIGLIOSO: L’AMORE! CL

IL NOSTRO AMORE

IL NOSTRO AMORE è COME IL MONDO IL NOSTRO AMORE è L’INFINITO MONDO IL NOSTRO AMORE è BELLO COME IL MONDO MA IL NOSTRO AMORE RIESCE A SUPERARE LE MERAVIGLIE DEL MONDO. SS

HO VOGLIA DI AMARTI, HO VOGLIA DI PENSARTI

HO VOGLIA DI NON DIMENTICARTI HO VOGLIA DI NON ODIARTI MA SOPRATTUTTO HO VOGLIA DI STARE SEMPRE INSIEME A TE. SANAPO S.

CARO PROFESSORE, VI RINGRAZIO PER LA VOSTRA AMICIZIA,

PER IL VOSTRO CARATTERE SCHERZOSO E SERIO MI STATE FACENDO CAPIRE L’IMPORTANZA DELLA SCUOLA, NEL SENSO SERIO E IN QUELLO SCHERZOSO. SPERO CHE PASSIATE LE VACANZE FELICEMENTE E SENZA PROBLEMI. VORREI CHE QUESTA RIVOLTA CONTRO IL VOSTRO COMPORTAMENTO SPARISCA. BUON NATALE E BUON ANNO.                                               D I

LA VITA SI COMPORTA BENE CON ALCUNI

CHE LA SANNO SFRUTTARE MA CON ALTRI NON C’è NIENTE DA FARE: UCCIDERSI O SCAPPARE SE TI CHIAMA LA STRADA, SEI CONTENTA AD ANDARE. SE TI CHIAMA IL BUIO, SEI COSTRETTA A MORIRE. FORSE è L’UNICA COSA DA FARE PER NON RESTARE SULLA TERRA CHE DA PIÙ DOLORI, ED ETERNI MALORI. LA VITA, LA VITA, LA VITA. E’ UNA COSA AMBIGUA, LA CUI VIA è PIENA DI BUIO E DI STRADE SENZA USCITA. SS

IL SOLE

TU CHE SORGI SUI MONTI E CHE TRAMONTI SUI PRATI, SULLE VALLI E AFFONDI NEL MARE, TU CHE RIEMPI LE GIORNATE DI FELICITÀ E DI INFELICITÀ. NELLA FANTASIA SEI COLUI CHE SORRIDI ALLA TERRA E CON I TUOI RAGGI ILLUMINI TUTTI. UNA BAMBINA CHE SALTA SUI PRATI, SALUTA IL SOLE DICENDOGLI. “GRAZIE!”                       M M. L

IN UN MONDO DI PACE,

SI VIVE MEGLIO SI RESPIRA IL SENSO DELLA VOGLIA. DOVE CI SONO LE GUERRE, C’è L’ORRORE, E DOVE C’è IL RAZZISMO C’è L’EGOISMO. MA LA PACE VUOL DIRE: VITA, DOLCEZZA E AMORE. MA NON RIUSCIREMO A CAPIRE QUESTO MESSAGGIO SE NON LEVIAMO LA BAMBAGIA CHE C’è NELLE NOSTRE ORECCHIE E NEL NOSTRO CUORE. QUANDO CI SAREMO RIUSCITI, RESPIREREMO UN’ARIA NUOVA CHE CI FARÀ CAPIRE.          M                                

SOLO LUI, SEMPRE LUI

QUANDO PENSO A TE, MI VENGONO IN MENTE I TUOI OCCHI COLOR MARE E IL TUO SORRISO INDIMENTICABILE E IL TUO CARATTERE D’ORO.

ERI SOLO UN AMICO TI VEDEVO PASSARE PER STRADA: CI SALUTAVAMO CON UN CIAO QUANDO CI INCONTRAVAMO. ORA SEI DIVENTATO PIÙ DI UN AMICO. HO IMPARATO A SOGNARTI, A PENSARTI, AD AMARTI.      CL                                                                                       

LA VITA!

UN DONO, UN REGALO, UN OMO DEL QUALE NON ABBIAMO POTUTO FARE A MENO! CI è STATA DONATA DALLA POTENZA DI DIO CHE è DIO! E’ LA VITA CHE ANIMA IL MONDO, LA NATURA, L’UMANITÀ MOLTI LA SCIUPANO E LA ROVINANO?  NON HANNO ANCORA SCOPERTO, CAPITO LA GIOIA DI AVERE RICEVUTO UN DONO, “IMMENSO” E CHE NON SONO STATI MAI, NELLA LORO VITA, ILLUMTI, O APPENA SFIORATI DA QUEL RAGGIO DI LUCE CHE è DIO! B A

QUANDO SORRIDI,

PECCATO SEI SOLO UN BELLISSIMO SOGNO!!                  AM

TI VOGLIO BENE

Qui DAVANTI A UN FOGLIO BIANCO NON SO COSA PENSARE, COSA SCRIVERE SO SOLO CHE SAREBBE STUPIDO SCRIVERE PROPRIO A TE,

DOLCE AMORE MIO.

NON C’è BISOGNO DI SCRIVERE CHE TI VOGLIO BENE MA FORSE SAREBBE MEGLIO GRIDARE AL MONDO INTERO CHE TI AMO!!!!            MARSICO A

IN CIELO HO VISTO LE STELLE

ED HO PENSATO AI TUOI OCCHI, IN CIELO HO VISTO L’ARCOBALENO ED HO PENSATO AL TUO SORRISO MA DAL CIELO HO VISTO SCENDERE LA PIOGGIA E HO PENSATO ALLE LACRIME CHE HO VERSATO PER TE. P G

TI HO CONOSCIUTO ED ERA GIORNO,

CI SIAMO INCONTRATI E C’ERA LUCE CI SALUTAMMO E RISPLENDEVA IL SOLE TI HO AMATO ED ERA SPLENDIDO, MI HAI DETTO: “TI VOGLIO BENE” ED ERA BUIO ERA SOLO UN SOGNO.                    PN    

QUANDO PENSO AI MIEI AMORI PASSATI,

RICORDO SONO STATI BELLI!  QUANDO PENSO A TE MIO ATTUALE AMORE, MI DICO: “QUANTO TI AMO” MA QUANDO PENSO A NOI DUE PRONUNCIO IO TI AMO E TU? PS        

LA VITA

CHE COS’É LA VITA? LA VITA É LA COSA PIÙ BELLA PERÒ NOI LA MALTRATTIAMO CON VIOLENZA E CRIMLITÀ. C P

L’AMORE

L’AMORE CHE COS’è? E’ UNA COSA STUPENDA CI SI PUÒ AMARE DIVERSE VOLTE E IN VARI MODI MA SOLO SE HAI UN CUORE A FORMA DI FOGLIOLINA PIENA DI AMORE E ORGOGLIO CHE VOLA NEL CIELO PUOI AMARE TUTTI E PUOI ESSERE AMATO.

LA PIOGGIA

MENTRE LA PIOGGIA CADEVA LE MIE LACRIME SEMBRAVANO SFIORARSI CON IL VETRO PIENO D’ACQUA PENSAVO A TE CHE ERI COSÌ LONTANO DA ME CON TE

CON TE HO VISTO IL SOLE,

CON TE HO VISTO LA NEVE,CON TE HO VISTO LA PIOGGIA, CON TE HO VISTO LE STELLE, E CON TE HO VISTO LA LUNA, ED HO SOGNATO AL PENSIERO DI STARE ACCANTO A TE. P G

LA VITA è COME UN OROLOGIO

HA L’AMORE, LA GIOIA, LA FELICITÀ MA DIVENTO PENSOSO DI CHE? DELLA MORTE! SI BUTTA UN OROLOGIO SI BUTTA UNA VITA. PN

LA SOLITUDINE

QUANDO TI ACCORGI CHE SEI SOLA PENSI CHE NESSUNO TI VOGLIA BENE, CHE TUTTI TI ODIANO MA QUESTO NON è VERO PROPRIO QUANDO LO PENSI MOLTE PERSONE VOGLIONO E CERCANO LA TUA COMPAGNIA.   C M A

E’ BELLO VEDER AMARE OPPURE ESSERE AMATI

CI SI SENTE CIRCONDATI DI AFFETTO E’ QUESTO L’AMORE L’AMORE CHE HO DATO E CHE HO RICEVUTO SS

LA MARIONETTA

GLI OCCHI SON PIENI DI PIANTOLA TESTA MI SCOPPIAEPPURE SORRIDO NESSUNO SAPPIA CHE COSA SONO DIVENTATAUNA MARIONETTA SCRIVO DUE VERSI IN FRETTA IN FRETTA E RIDIVENTO UNA MARIONETTACHISSÀ SE QUALCUNO TAGLIERÀ I MIEI FILI.

UNA PROFONDA FERITA

BASTA UNA PICCOLA PUNTURA A PROVOCARE UNA PROFONDA FERITA LE TUE OMBRE, LE TUE PAURE E I TUOI SENTIMENTI SONO STATI BUTTATI COME QUELLA SIRINGA SUL CIGLIO DELLA STRADA ED è PROPRIO Là NELLA PIAZZETTA, SOTTO L’ALBERO, SEDUTA SULLA PANCHINA CHE UN AGO BUCÒ LA TUA ANIMA. E COME QUELLA GOCCIA DI SANGUE RIMANE SULLA SIRINGA TU RIMANI APPESA AL FILO DELLA VITA CON QUALCHE LACRIMA CHE PRESTO SI ASCIUGHERÀ.             AS                                                                                                         

CHI VEDE LE NOSTRE LACRIME?

TANTE VOLTE, QUANDO RIMANIAMO SOLI E SCONSOLATI, SCOPPIAMO IN LACRIME E VOGLIAMO CHE AL NOSTRO FIANCO CI SIA QUALCUNO A RINCUORARCI, MA NON C’è NESSUNO E ANCORA CI DOMANDIAMO: “SE DIO ESISTE, NON CI VIENE A CONFORTARE?” NOI CREDIAMO CHE QUEL PENSIERO RIMANGA CHIUSO DENTRO DI NOI, ED INVECE NO, VOLA IN CIELO E VA A DIO, L’ASCOLTA E MANDA IL SUO SANTO SPIRITO AD ASCIUGARELA NUOVA LACRIMA CHE CI STA’ RIGANDO IL VISO. AS

AMICO MIO PRIMA DI INCONTRARTI,

VAGAVO NEL VUOTO E NULLA ERA MIO, TUTTO SEMBRAVA MORTO E MUTO MA IL TUO AMORE IL SILENZIO HA BATTUTO.      C L

CARA AMICA COME MAI NON HAI RISPOSTO ALLA MIA LETTERA?

LA TUA RISPOSTA NON SARÀ UNA STRADA A SENSO UNICO E NEANCHE UN MARCIAPIEDE O UN CROCEVIA O UN PASSAGGIO PEDONALE. MA QUALCOSA CHE VIENE DAL CUORE. M M. L

NOI PENSIAMO CHE SU QUESTA TERRA CI SIAMO SOLO “NOI”

E NESSUN’ALTRO. MA NON è VERO, SONO SOLO ILLUSIONI, DELLE FESSERIE O ANCOR MEGLIO “EGOISMO”, NOI RAGAZZI CHE VIVIAMO IN QUESTO SECOLO, NOI SIAMO I RAGAZZI DEL FUTURO!!!! M M. L

LA VITA

CHE NE SAI DELLA VITA? NON L’HO VISTA MAI! NON HO PROVATO AD APPREZZARLA. IO CREDO CHE SARÀ QUALCOSA DI BELLO, QUALCHE COSA CHE FINISCE CON LA PAROLA “LOVE”SE CI FERMIAMO UN MOMENTO, SAPREMO APPREZZARLA E UN GIORNO POTREMO DIRE “GRAZIE” A COLUI CHE L’HA DONATA. M L

CHE COS’è LA DROGA?

PER ME è UN’ARMA LETALE CHE TI AMMAZZA O TI DISTRUGGE E’ UN SENSO DI COLPA VERSO CHI TI HA SEMPRE ODIATO E NON TI HA MAI CAPITO ANCHE TU TI SEI FATTO TRASCINARE, ANCHE TU SEI STATO UN BERSAGLIO FACILE DA SCONFIGGERE, ANCHE QUESTA VOLTA HA TRIONFATO QUEL LIQUIDO MORTALE DI CUI ANCHE TU SEI DIVENTATO SCHIAVO. SS

LA VITA

CHE COS’è LA VITA? UNA SCALA INFINITA? UNA CANDELA CHE SI SPEGNE, OPPURE è LA SCOPERTA DI OGNI UOMO SULLA TERRA? PENSO CHE SOLO DIO SA DARE LA RISPOSTA GIUSTA, MA QUELLA MIA è: LA VITA è BRUTTA ORMAI L’UOMO HA ROVINATO LA TERRA IO VORREI IMPARARE AD AMARLA, MA MI è TROPPO DIFFICILE, NON SO IL SUO VERO SIGNIFICATO. MA SOPRATTUTTO NON HO AVUTO ANCORA IL PERMESSO O L’OCCASIONE DI CONOSCERLA A FONDO. SS

TI AMO NELLE FREDDE NOTTI D’INVERNO,

NELLE TIEPIDE SERE D’ESTATE, NEI POMERIGGI NEVOSI DI GENNAIO, NELLE FRESCHE GIORNATE D’APRILE IO TI AMO. SEI L’INVERNO, L’ESTATE, LA PIOGGIA E IL VENTO CON I QUALI IO VIVO OGNI GIORNO.

TI VOGLIO BENE

CON UN CIAO CI SIAMO CONOSCIUTE E POI DA ALLORA SEMPRE INSIEME ORA PIANGO PENSANDO A TE E MI ACCORGO DI QUANTO SEI IMPORTANTE PER ME. TI VOGLIO BENE MA HO TANTA PAURA DI PERDERTI.

AMICIZIA è CONVIVERE CON GLI ALTRI

VIVERE CON LA PERSONA CHE SI AMA AMICIZIA è UNA PAROLA VERA CHE NASCE DAL PROFONDO DEL CUORE. AMICIZIA è NON DOVER MAI DIRE:” TI HO TRADITO” GM

L’AMICIZIA

L’AMICIZIA è UNA COSA UNICA CHE NON SI PUÒ COMPRARE ESSA NASCE SEMPRE DAL PROFONDO DEL CUORE AMICIZIA è RACCONTARSI TUTTO TUTTI I SEGRETI GRANDI E PICCOLI L’AMICIZIA TI FA SENTIRE FELICE E SOPRATTUTTO NON TI FA MAI SENTIRE SOLA. TI PORGE LA SUA SPALLA PER POTER PIANGERE.

STANOTTE

STANOTTE HO VISTO IL CIELO, ERA BUIO, PIENO DI NUVOLE NERE NON C’ERA LA LUNA HO SCAVATO IN QUEL CIELO E ALLA FINE HO TROVATO UNA PICCOLA STELLA ERA SOLA IN QUEL BUIO CIELO COME IO STANOTTE ERO SOLA A PENSARE A TE. AS

LA MAMMA

ANCHE POVERA COME L’UCCELLO CHE FUORI DEL NIDO NIENTE POSSIEDE SEMPRE LA MAMMA HA UN CUORE DA DARE CHE SUO FIGLIO NON ABBIA PENA LA MAMMA è IL FIORE ADTO CHE TUTTO INTORNO RIEMPIE DI SE ANCHE SE STA LONTANA DA TE COL SUO PENSIERO TI VIVE ACCANTO IL SUO CUORE SPLENDE COME UNA STELLA.

VIBRA NEL VENTO CON TUTTE LE SUE FOGLIE

IL PIOPPO SEMPLICE, BRUCIA L’ANIMA IN TUTTI I SUOI DOLORI DAL DESIDERIO INTENSO DELLA VERITÀ. M V

LA MAMMA

HO DI TE UN’IMMAGINE CHE VIVE SOLO NEL MIO CUORE Là TU MI PARLI SENZA MUOVERE LE LABBRA, MI GUARDI SENZA APRIRE LE PALPEBRE E QUANDO QUALCHE SVENTURA MI ASPETTA SULLA STRADA, IO LO CAPISCO DAL TUO CUORE CHE BATTE CONTRO IL MIO. RG

PRIMAVERA D’AMORE

è UN FIORE DI PRIMAVERA CHE SBOCCIA UN SOLE CHE NASCE NEL CUORE DI CHI è SOLO.                               MC

IL LITIGIO

I GENITORI SI SPNO, SI AMANO E LITIGANO. I GENITORI SI ODIANO E SI SEPARANO E I FIGLI SOFFRONO! B A

L’ORIZZONTE

OLTRE L’ARCO DELL’ORIZZONTE C’è IL MISTERO E Lì SI FERMANO GLI SGUARDI UMANI. MA IL TUO PENSIERO ESCE DAI LIMITI DAI CONFINI DOVE C’è IL VUOTO.

L’EGOISMO

NESSUNO CI HA OFFERTO UN Pò DI AMORE E DI CIBO CON LE MANI AI FIANCHI E IL VISO BASSO ASPETTIAMO FUORI E NON ABBIAMO UN TETTO TREMIAMO CON UN CUORE SPENTO CHE POTRÀ ESSERE ACCESO SOLTANTO DALL’AMORE E DALLA SPERANZA.        C L

LA VITTORIA DELLA GIOIA

IL BENE VINCE IL MALE, LA PACE VINCE LA GUERRA, LA FELICITÀ VINCE LA TRISTEZZA, L’AMORE VINCE L’ODIO. E NOI COSA VINCIAMO SENZA UNA GIOIA NEL CUORE? NIENTE DI NIENTE. MA CON IL VOSTRO SANTO SPIRITO RIUSCIREMO A SFONDARE ANCHE UN MURO IMMENSO COSTRUITO DAL MALE.                 RG

IL RAMO D’ULIVO

SEGNO DELLA PACE DI CRISTO DONI SERENITÀ E GIOIA AI NOSTRI CUORI MC 14-3-92

APPENA FRA QUALCHE ANNO (discorso di una anima che sta per essere inviata nel mondo)

(dialogo prima del presente) TRA QUALCHE ANNO VIVREMO SOPRA UNO SCOGLIO COME DEI LIBERI GABBIANI SENZA ODIO, SENZA EGOISMO E NE CATTIVERIA (il presente). UN’ALTRO ANNO FORSE SAREMO ANGELI IN PARADISO (il futuro) E FINALMENTE VEDREMO IL PROFONDO DEL CUORE DI GESÙ, OPPURE SAREMO DEI DIAVOLI NELL’INFERNO PIENI DI PECCATO E DI RIMORSO QUELLA FORSE SARÀ LA NOSTRA PENA PER AVER FATTO MOLTO, MOLTO MALE. P GIOVANNA

I MIEI GENITORI SONO FATTI PER AMARE,

SORRIDERE , PIANGERE. QUANDO DA PICCINA CALAVA LA NOTTE AVEVO PAURA, MA I MIEI GENITORI MI TENEVANO PER MANO E MI ASSICURAVANO DI NON AVER PAURA. SE NON CI FOSSERO I MIEI GENITORI IO MI PERDEREI NEL NULLA.              AM

IO SON PICCINA UN PICCOLO DONO,

GESÙ BAMBINO IO SON PICCINA E UN DONO GRANDE NON HO PER TE TI OFFRO IL MIO CUORE CON UN GRANDE AMORE E UN BEL BACETTO TI MANDO ANCORA. C R

ECCO LA PIOGGIA SOTTILE

SOTTILE, COSÌ DIVERSA DA QUELLA CHE SI RIVERSA BRILLANDO, CANTANDO IN APRILE. QUESTA NON FA RUMORE, MA CADE DI NOTTE E DI GIORNO GRIGIA E OGNI COSA INTORNO TINGE CON IL SUO COLORE. M V

SEMPRE UN NUOVO AMORE

LA PIOGGIA SCENDE E NOI NEL VEDERLA CI RATTRISTIAMO. SPUNTA IL SOLE, ED ESCE UN NUOVO AMORE SBOCCIA UN FIORE SBOCCIA UN AMORE L’AMORE CHE NOI AMEREMO. MC

QUESTO BEL DONO CHE ABBIAMO RICEVUTO

SENZA DOVERLO CHIEDERE EPPURE C’è STATO DATO NESSUNO SA COSA VUOL DIRE LA PAROLA VITA NESSUNO L’HA MAI PROVATA VERAMENTE. NON SIAMO CAPACI DI SAPERCELA CUSTODIRE SIAMO TROPPO PRESI DA UNA FORZA ESTERNA: IL MALE.                      GM

LA MORTE

CON UNO SCHIOCCO DI DITA IL MONDO FINISCE LI. FINISCONO LE PREOCCUPAZIONI, GLI AMORI. MA SOPRATTUTTO FINISCE LA SPERANZA.                                                     GM

CHISSÀ, L’AL DI Là,

QUELLA VITA CHE CHI LO SA SE ESISTE VERAMENTE UN PENSIERO ASTRATTO UNA COSA IMMAGINABILE. L’AL DI Là.        GM

SE N’è ANDATO

E SE N’è ANDATO SOTTO LA PIOGGIA SENZA PARLARE SENZA GUADARMI E IO MI SON PRESA LA TESTA FRA LE MANI E HO PIANTO. G D

BASTA UNA STELLA

BASTA IN CIELO UNA STELLA A FAR LA SERA PIÙ BELLA BASTA UN CANTO DA NULLA A DONDOLARE UNA CULLA. G D

DESIDERIO

UN SOGNO AD OCCHI APERTI, UNO STELLA CADENTE IL BUIO ILLUMTO DALLA LUCE DEL TUO VISO. DIMENTICARTI? CHISSÀ? UN GIORNO EPPURE SEI SEMPRE NEL MIO CUORE. C M A                                                                           

QUELLA SERA

QUELLA SERA GIÙ IN PALESTRA, PARLAVI, RIDEVI. MA NON TI ACCORGEVI CHE ERO LA A FISSARTI, ASCOLTANDO IL MIO PICCOLO CUORICINO CHE BATTEVA SEMPRE PIÙ FORTE. FORSE SEI IL FUTURO, MA SENZA DI TE RIMARRÒ AL PRESENTE. C M A

PERCHè SOFFRIRE PER UN AMORE CHE NEMMENO ESISTE,

PERDERE DEL TEMPO A SOGNARE, QUANDO IL SOGNO NON SI REALIZZERÀ MAI? IL BISOGNA CHIEDERLO ALL’AMORE. C M A

AMICA TI VOGLIO BENE,

TI VOGLIO BENE, AMICA MIA, TI AVEVO PERSA, MA ORA SIAMO ANCORA INSIEME. TU SEI PIÙ IMPORTANTE DI QUALSIASI ALTRA COSA. IO NON VOGLIO PIÙ PERDERTI, IO TI VOGLIO BENE. C M A

L’INVERNO COME UN FANCIULLO

CHE DA UN LUNGO VIAGGIO STANCO RITORNA AL PAESE NATIO E DORME E SI RIP, COSÌ TRANQUILLO, PLACIDO E SERENO è L’INVERNO CHE TORNA. G D

DEDICATA A...

IL TUO SGUARDO ASSOMIGLIA ALLA LUNA CHE SI SPECCHIA NEL CALMO MARE DEL MIO CUORE. LA TUA VOCE, ASSOMIGLIA A UN CANTO DOLCE CHE RISUONA NELLE MONTAGNE DEL MIO CUORE IL SOLO GUARDARTI, IL SOLO SENTIRTI, MAREMOTI O TEMPESTE DI NEVE, MA? SE SOLO SAPESSI FAREI DI TUTTO PER METTERE IN SILENZIO QUESTO DOLORE. MA, ORA HO CAPITO, CERTO SOFFRIRE è BRUTTO, MA PER AMORE BISOGNA SOPPORTARE DI TUTTO. AS

ALLELUIA LA MORTE DI GESÙ,

PORTA RANCORE E ABBASTANZA DOLORE. MA NON DURERÀ PER MOLTO, NOI SAPPIAMO CHE GESÙ POTRÀ ESSERE GIÀ RISORTO ABBIATE SPERANZA, LUI RISORGERÀ E GUIDERÀ COLUI CHE HA UN FEDELE E PURO ANIMO. ALLEGRIA è RISORTO IL NOSTRO SIGNORE! C L

IL PARADISO

IL NOSTRO PAESE SI STA’ DISTRUGGENDO, MA NON NEL SENSO CATASTROFICO. L’UOMO HA PERSO LA FEDE IN DIO ABBIATE FEDE IN DIO CHE VI SALVERETE. CREDETE IN DIO, SIATE CON L’ANIMO DI UN BAMBINO ABBIATE UN SORRISO E SIATE SICURI CHE ENTRERETE IN PARADISO.          C L

IL SOLE

TU CHE SPLENDI O SOLE, NEL LIMPIDO CIELO AZZURRO, TU CHE APPARI AL MATTINO E RIESCI A SVEGLIARE UN INTERO MONDO, TU CHE SEI UNA CASA ALLEGRA. FAI RALLEGRARE TUTTI I CUORI CON UN SOLO RAGGIO SPLENDENTE. SS

CHE COS’è LA DROGA?

PER ME è UN’ARMA LETALE CHE TI AMMAZZA O TI DISTRUGGE. E’ UN SENSO DI COLPA VERSO CHI TI HA SEMPRE ODIATO E NON TI HA MAI CAPITO ANCHE TU TI SEI FATTO TRASCINARE, ANCHE TU SEI STATO UN BERSAGLIO FACILE DA SCONFIGGERE  ANCHE QUESTA VOLTA HA TRIONFATO QUEL LIQUIDO MORTALE DI CUI ANCHE TU SEI DIVENTATO SCHIAVO. SS

AVERE DELLE AMICHE è TUTTO SONO COLORO CHE TI PARLANO,

TI SORRIDONO E TI CAPISCONO, LE AMICHE TI VOGLIONO BENE. IO SO COSA VUOL DIRE HO VOI TRE: G. A. S.      AM

GIOIA

GIOCO, RIDO, STUDIO MA NON SONO GIOIOSO ? SONO EGOISTA DI ME STESSO. LA NOTTE SOGNO COSE BELLISSIME, CREDEVO DI STARE IN PARADISO DOVE TUTTO è GIOIA E TRANQUILLITÀ. MA LA MATTINA MI RITROVO IN UN MONDO DI EGOISTI. OH!!! SE POTESSI AVERE UN MONDO COME QUELLO CHE HO SOGNATO?                RG

IL CUORE

Il cuore ha gli occhi e le orecchie, quando ti vede si sente battere forte. In mezzo nel profondo c’è una cosa che punge e da fastidio! E’ una spina! Essa cadrà quando ti vedrà libero di amarci.RG

SIGNORE

Tu ami molto i piccoli, guarisci i malati, doni la vita ai morti, porti ai poveri il lieto annuncio della salvezza. Ci hai tanto amati ed hai dato pure la tua vita per noi sulla croce.                                                                                  RC

IO. ME STESSA E ME

Ho dato un ricevimento oggi alle tre, con tre invitati;io, me stessa e me. Io ho aperto i salatini, a me stessa ho offerto i pasticcini, passando il dolce a me. G D

LUI

CamMvo per la spiaggia e il tuo volto ho intravisto, subito me ne sono innamorata. Nel mio cuore si è accesa una fiammella che ha dato luce per i tuoi occhi. Ma tu, sfortunatamente, non te ne sei accorto. Non fa niente. per me, per il mio cuore, rimarrai come un guerriero solitario ,rimarrai e non ti scorderò tu sei lui, quel lui infinito. M M. L

LE STELLE

Ci stanno puri angoli segreti in cui l’eterna illusione duri. Notti pulite per i tuoi sentieri. Molte stelle si possono afferrare per così poterle guardare. C L

DIGLIELO

DIGLI CHE LO ODIO DIGLI CHE AMO UN’ALTRO DIGLI CHE NON MI INTERESSA PIÙ DIGLI CHE NON VOGLIO PIÙ VEDERLO. DIGLI TUTTO MA NON DIRGLI CHE L’HO DETTO PIANGENDO. B A                                                                         

HO SCRITTO IL TUO NOME NON SO QUANTE VOLTE

PER ALTRETTANTE L’HO CANCELLATO. PER ALTRETTANTE L’HO SOGNATO SENZA POTERLO DIMENTICARE.   B A

LA GENTE FA DEL MALE, POI CAPISCE LA FUTILITÀ.

FA IL MALE, QUESTO DISONESTO, NELLO STESSO TEMPO IN CUI PREGA DIO PER CHIEDERE PERDONO. LA LORO ANIMA SI INNALZA VERO IL CIELO. CL

MI SONO ACCORTA DI AMARTI

I miei occhi ti hanno visto e il mio cuore ha palpitato più forte. Il mio pensiero non ha smesso mai di pensarti e lo sai che mi sono accorta di amati? SS

DIFENDIMI,

Dio Difendi CIÒ che amo e tutto CIÒ che sono. Insegnami ad amare e ad essere sempre più uomo. Proteggimi dai pericoli e da tutto CIÒ che di brutto c’è nel mondo. Così un giorno SARÒ con te.           PN

UN VERO AMICO RIDE,

SCHERZA E CANTA CON TE TI VUOLE BENE E SE è UN VERO AMICO è SEMPRE CON TE.       Nn

L’INVERNO

Gli alberi appassiscono e gli uccelli spariscono. Sboccia un fiore e con lui un nuovo amore. Passa un’estate e un inverno senza amarci per un momento. MC

AMAMI PER QUELLO CHE SONO

PER I MIEI MOMENTI DI FOLLIA PER I MIEI DISCORSI POCO SERI PER LE MIE LACRIME NASCOSTE. AMAMI E ACCETTA TUTTO DI ME. MA SOPRATTUTTO, AMAMI IO AMO TE!!!!!!!! GM

RICORDI QUANDO INSIEME PER MANO

TI DISSI TI AMO, ORA CHE SONO RIMASTA SOLA NON DIRMI DI NO. ASCOLTAMI ANCORA. GM

IL MIO CUORE

Ho aperto il mio cuore a molte persone. Ho cercato di capire, ho tentato e ritentato ma invano. Ho perD troppe volte, troppe persone. Ho aperto il mio cuore e me lo hanno rubato. GM

ECCO COSA VUOL DIRE NEL MIO CUORE UNA DOMANDA,

COSA VUOL DIRE AMORE? QUANDO TU PER ME ERI UN SEMPLICE AMORE, PENSAVO SIGNIFICASSE SCAMBIARSI SOLO BACI E CAREZZE, ORA CHE TU SEI TUTTA LA MIA VITA, SO CHE AMORE VUOL DIRE: “ PERDONARE.” AM

Caro professore,

lei è la persona più strana che io abbia mai conosciuto. PERÒ ho capito che lei vuole molto bene ai suoi alunni e li pensa molto. Se devo essere sincera lei mi era all’inizio antipatico, ma poi tutto è cambiato, ho incominciato a capirla e ad apprezzarla. All’inizio ero chiusa, ma da quando è arrivato lei con i suoi consigli, con i suoi canti, con le sue idee, io sono cambiata e pian piano comincio ad aprirmi verso i compagni e verso i professori. Ho conosciuto l’amicizia ed ho capito il suo valore, un sentimento puro, unico Le lettere d’amore sono state per me delle cose bellissime che hanno rafforzato la mia amicizia verso i compagni. Purtroppo, questo momento magico, riflessivo, bellissimo è stato interrotto mia madre mi ha chiamata. Non credo che riuscirò ad avere un’altro momento come questo il desiderio di scriverle questa lettera mi è venuto spontaneo o meglio dal cuore. Concludo con il dire che lei è un buon professore ed io non la DIMENTICHERÒ mai. Spero che conservi questa lettera in mio ricordo. La sua affezionata alunna. M 2^IQUESTA ROSA è IN SEGNO DELL’AFFETTO CHE PROVO PER LEI FM 4-2-92

LA MANO DI GESÙ

OGNI GIORNO C’è QUALCOSA CHE IO NON VOGLIO FARE PER VERGOGNA, PER PAURA, MA ALL’IMPROVVISO SENTO LA SPINTA DI UNA MANO INCONFONDIBILE. E’ QUELLA DI GESÙ!

PECCATO ERA SOLO UN SOGNO

DORMO E ALL’IMPROVVISO VEDO UN BEL SORRISO E’ IL SORRISO DELLA RAGAZZA SI DELLA RAGAZZA CHE IO DESIDERO DAL PRIMO GIORNO CHE L’HO VISTA MI è RITORNATA SUBITO LA VISTA PERÒ UNA COSA VI DIRÒ CHE QUELLA RAGAZZA LA CONQUISTERÒ. PG

QUESTO NON MI PIACE

NON SI DEVE DIRE IL MANGIARE SERVE E PER TUTTI

TUTTI DICIAMO QUESTO NON MI PIACE OPPURE è TROPPO

 

ATTRAVERSO LE FINESTRE

SPESSO SI SENTE DIRE “NON NE VOGLIO” ALLORA PENSIAMO A COLORO CHE NON HANNO DA MANGIARE E COSÌ NON SAREMO PIÙ CAPACI DI DIRE “QUESTO NON MI PIACE”. AT

AVVOLTE GLI UOMINI DISTRUGGONO I CIBI

CHE NON VANNO LORO A GENIO E LI BUTTANO E LI BRUCIANO MENTRE DA UN’ALTRA PARTE C’è GENTE CHE MANGIA POCHISSIMO O NIENTE E PER UN TOZZO DI PANE AMMUFFITO SI AMMAZZANO. ALLORA TU MANGIA TUTTO CIÒ CHE NON TI PIACE E QUANDO MANGERAI PENSERAI A QUELLA GENTE. MM

IL MENDICANTE VA GIRANDO DI QUA E DI Là,

CON NIENTE IN MANO, E CON IL SUDORE DELLA POVERTÀ SULLA FRONTE. NESSUNO LO CONOSCENESSUNO LO GUARDANESSUNO LO AMASI ACCAMPA IN MEZZO ALLE STRADE CON I SEGNI DELLA POVERTÀ SUL SUO CORPO QUANTA GENTE PASSA DI LI, MA LUI DICE:”NON HO AVUTO MAI NIENTE”E CON UN SOSPIRO SI ADDORMENTA UN’ALTRA VOLTA.            BP

CIAO, CIAO CIAO,

CIAO PRIMAVERA L’ESTATE è VICINA E TU TE NE VAI. MI LASCI E COSÌ SENZA DIR NIENTE TE NE VAI E LASCI IL TUO FRESCO PROFUMO NELL’ARIA MATTUTINA. CIAO, CIAO PRIMAVERA. MM

Carissimo Professore,

mi rincresce moltissimo il doverci lasciare da parte vostra.Cerco di non bagnare questo foglio con le mie lacrime. So ci lasciate. Solo che voi ci lascerete fisicamente, ma il vostro viso, i vostri canti, le vostre risa rimarranno sempre nel mio cuore. Vi prometto che vi scriverò, ma non credo che vi telefonerò, sicuramente mi metterò a piangere. Io, i vostri insegnamenti li metterò in pratica con la forza che mi darà il vostro ricordo. ADDIO Non arrivan mai le parole nel momento di un addio. Ci si può scrivere, telefonare, però a volte ci si può anche ritrovare. TM

AMICI: Professore, anche se lontani noi ci penseremo.

Abbattuti ci sentiremo, vediamo in giro, non c’è nessuno. Che disdetta. Quando ci si conosce meglio, lei parte. Ci voltiamo e gridiamo in coro:”Non parte, non parte” Saltiamo, gridiamo. Ci svegliamo. Era solo un sogno, ma nel cuore non resta che un bisogno, riabbracciare gli unici nostri amici! TM

LA FAME NEL MONDO E’ PER TUTTI UNA STRAGE

ANCHE PER I PIÙ RICCHI MA SOPRATTUTTO PER I PIÙ POVERI CHE NON SANNO COSA FARE ESSI CERCANO DI LAVORARE MA PURTROPPO PER LORO NON C’è NIENTE DA FARE. L T

VITA

La vita è una lunga strada che ad un certo punto si ferma

La nascita e la morte sono uguali La nascita è l’entrata nella vita terrena. La morte è l’entrata nella vita eterna. BN

FIDARSI

LA VITA PUÒ ESSERE BELLA, BRUTTA, PIACEVOLE, SENTIMENTALE, ROMANTICA. MA PUÒ ESSERE ANCHE ODIATA. CHE RAZZA DI VITA è MAI QUESTA, SE NON CI SI PUÒ NEANCHE FIDARSI DEL PROSSIMO SENZA TROVARSI NEI GUAI?                                               BDT

MAMMA

Io la conosco da tempo conosco i suoi atteggiamenti,i suoi pensieri. Io le voglio bene ed anche lei a me. A volte seguo i suoi passi e mi chiedo, dove mi porta? allora capisco. Sulla via dell’amore!     BP

“PRIMA ERO POI ERO ORA SONO.”

Prima, da bambina ero una mocciosetta che si divertiva a giocare con le bambole, alla mamma e alla maestra. Due, tre anni dopo, divenni un maschiaccio che si divertiva a giocare a calcio, con soldatini e macchinine. Ora son cresciuta, le bambole non mi interessano, le macchine nemmeno. Ora m’interessano con alcune mie amiche: “i ragazzi”.                    BDT

LA CARITÀ

SE ANCHE PARLASSI LE LINGUE DEGLI UOMINI  MA NON AVESSI LA CARITÀ, SONO COME UN BRONZO CHE RISUONA. LA CARITÀ è PAZIENTE, è BENIGNA LA CARITÀ, NON è INVIDIOSA LA CARITÀ, NON SI VANTA, NON SI GONFIA, NON MANCA DI RISPETTO, NON CERCA IL SUO INTERESSE, NON SI ADIRA, NON TIENE CONTO DEL MALE RICEVUTO, NON GODE DELL’INGIUSTIZIA, MA SI COMPIACE DELLA VERITÀ. TUTTO COPRE! TUTTO CREDE! TUTTO SPERA! TUTTO SOPPORTA! LA CARITÀ NON AVRÀ MAI FINE. QUESTE DUNQUE LE TRE COSE CHE RIMANGONO: LA FEDE, LA SPERANZA, LA CARITÀ. MA DI TUTTE LA PIÙ GRANDE è LA CARITÀ. PASTORE N ha letto l’inno alla CARITÀ di S.P e dopo diverso tempo lo ha scritto ritenendolo sua composizione.

RAGAZZO TRANQUILLO,

CON QUEGLI OCCHIONI NERI E CAPELLI CASTANI A TE PIERO, L’UNICO RAGAZZO A CUI HO VOLUTO BENE, FORSE ANCHE DI PIÙ. I TUOI OCCHI SEMBRANO DUE FINESTRE SU UN CIELO DI STELLE.

da una ragazza di nome M al ragazzo più simpatico, divertente e anche bono di nome Piero

NATALE

GESÙ BAMBINO VIENE A TROVARCI E NOI BAMBINI PENSIAMO AI REGALINI NATALE! OH! NATALE! OGNI GIORNO VORREI AVERTI QUI CON ME PER POTERTI VEDERE E RESTARE TRANQUILLA. AT

IL VENTO DELLO SPIRITO

IL VENTO SIBILA, PIANGE, CHIEDE AIUTO A NOI. IL VENTO SIBILA, PIANGE E NOI, SIAMO LI A GUARDARE. IL VENTO SBATTE CONTRO MILLE CASE, SI FA MALE, MA CONTINUA SEMPRE IL SUO VIAGGIO INFINITO. NOI PERSONE INUTILI, NON AIUTIAMO CHI CI CHIEDE AIUTO. AIUTIAMO IL VENTO CHE SIBILA, CHE PIANGE E CHIEDE AIUTO. SE SEI UMANO NON AIUTARE SOLTANTO CHI TI è FEDELE, MA ANCHE I DISONESTI,  UN GIORNO CAMBIERANNO. AT

LA BIBBIA FORMA VERI FRATELLI

COME FECE IL BUON GESÙ IL NOSTRO FRATELLO CHE AMAVA ANCHE I PECCATORI. MF

L’AMICIZIA è UNA COSA STUPENDA

SE LA SI SA USARE COME SI DEVE è UN SENTIMENTO SEMPLICE E PURO SENZA MALIZIA E GELOSIA. MOLTI CREDONO CHE SIA UNA COSA COMUNE,MA NON LO E’.       MF

LA MORTE

AL SOLO PENSARCI MI FA PAURA PER AFFRONTARLA DEVO ESSERE CORAGGIOSO PERÒ QUANDO MORIRÒ, ME LA SENTIRÒ ADDOSSO. GVO 

LA MORTE

CHI è LA MORTE, DA DOVE VIENE, DOVE CI PORTA? CHI LO SA, QUESTE SON DOMANDE ALLE QUALI NESSUN RISPONDER POTRÀ, FINCHÉ IN FACCIA NON LA VEDRÀ, E LA SUA VITA FINIRÀ. MA CON UN PO DI FANTASIA, RISPONDER COSÌ SI POTRÀ: LA MORTE è UNA BRUTTA SIGNORA DAL VOLTO CUPO E MALIGNO, CHE CI TRAVOLGE COL SUO MANTELLO NERO E PORTA LA NOSTRA VITA NELLE VISCERE DELLA TERRA. MA UNA COSA BUONA LA FA, CHIEDE A DIO DOVE PORTAR CI DOVRÀ SE IN PARADISO O IN UN POSTO CHE LEI BEN SA. QUESTA è LA MORTE, CHISSÀ, MA TANTO PRIMA O POI OGNUN DI NOI LO SCOPRIRÀ. B B

I SOPRANNOMI? BOH?!

C’è CHI LI USA PER SCHERZARE PER RIDERE UN Pò C’è CHI LI USA PER OFFENDERE PESANTEMENTE C’è CHI COME NOI, SOPPORTA UN PO LO SCHERZO MA POI BASTA! MM

PASQUA COS’è?

UN NOME, UNA FESTA? CHISSÀ?! SECONDO TE CHE COS’è? SECONDO ME è UNA RINASCITA DI GESÙ! E TU COME LA PENSI?.. MM

MI MANCANO

MI MANCANO LE TUE CAREZZE, I TUOI BACI, I TUOI SGUARDI, I TUOI SORRISI, MI MANCA LA TUA VOCE E IL TUO “TI AMO” MA MI MANCANO SOPRATTUTTO I TUOI BACI. LG

LA VITA è COME UNA PERSONA CHE SI INCONTRA OGNI GIORNO.

NESSUNO LA TOCCA, LA SFIORA, MA LE RIVOLGE PAROLE D’ODIO E AMORE. QUANDO DIO LA CHIUDE CI SI TROVA SPERDUTI SU UNA VIA SENZA NOME E CHE NON SI SA DOVE CONTINUARE A CAMMRE E MAGARI CI SI CHIEDE: DOVE MI TROVO? DOVE VADO ADESSO? MA PRESTO SENTIRÀ UNA VOCE, CHE LO INDIRIZZERÀ SULLA VIA DELL’AMORE. BP

LA NOTTE è UNA SIGNORA VESTITA DI SCURO

CON LA FIGLIOLETTA DI UNA LUNA, INTORNO ALLE SUE CUGINETTE STELLE BRILLA D’ESTATE E CUPA D’INVERNO FA PAURA AI PICCINI ED è INNOCUA AI SIGNORINI Dà PACE E SERENITÀ E A CHI L’ASPETTERÀ LA BUONA NOTTE DARÀ. DE T B

NELLE SERE INSODDISFACENTI

PROVO AD IMMAGINARTI MA NON RIESCO A VEDERTI COME NEI MIEI PROGETTI L’IMMAGINE è CONFUSA UNA VOLTA BRUNO, UNA VOLTA BIONDO, COME SARAI? CHE CARATTERE AVRAI? PER SAPERLO BASTA ASPETTARE!               BDT

L’AMICO MIGLIORE

E’ BELLISSIMO AVERE L’AMICO MIGLIORE CON LUI, TI PUOI CONFIDARE, TI PUOI FIDARE E RIESCI A VOLERGLI TANTO, TANTO BENE E SE UN LITIGIO ACCADRÀ AMICO PIÙ DI PRIMA POI SARÀ

DIO PER ME COSA?

UN MISTERO, FORSE MENO DIO PER ME, è UN VAGO PENSIERO. UN GRANDE MISTERO, FORSE MENO. NON SO ANCORA COSA MI SPINGE A NON CREDERE IN LUI. VORREI CAPIRLO, MA NON RIESCO. DIO PER ME, NIENTE PRATICAMENTE NIENTE. UNA PERSONA COME TUTTE LE ALTRE, O FORSE UNA PERSONA MAI ESISTITA, FRUTTO DI SOLA IMMAGINAZIONE O CREDENZA. IL NON LO SO, MA SO CHE NON è COLPA MIA. PERÒ CONTINUERÒ AD AMARE COME VUOLE LUI, ED A QUESTO C’è UN  LA MIA UNICA FORZA, LA COSA SU CUI FACCIO SEMPRE AFFIDAMENTO è L’AMORE.            TK 2^I

VECCHI RICORDI

QUELLA BAMBOLINA DI PEZZA, ORMAI VECCHIA E SCIUPATA QUELLA SEDIOLINA ROSA, ORMAI FATTA SPARIRE LA COPERTINA PICCOLA, PICCOLA. L’ORSACCHIOTTO SENZA UN OCCHIO TUTTO CIÒ ORA NON HA ALCUN VALORE. MA SE MI FERMO A GUARDARE, SE MI FERMO PER RIFLETTERCI SU, HANNO UN GRAN VALORE. MA FRA QUALCHE ANNO, I MIEI ATTUALI OGGETTI ASSUMERANNO IL VALORE DELLA MIA ADOLESCENZA TK

CHE COS’è LA VITA?

LA VITA è UNA COSA COSÌ ASTRATTA, CONCRETAIO LA MIA NON L’HO ANCORA CAPITAAVEVO L’AMORE E L’HO PERSOHO UNA FAMIGLIA MA NON RIESCE A CAPIRE CIÒ DI CUI IO HO BISOGNONON HO NESSUNOTUTTI MI VOLTANO LE SPALLEAMICI NON NE HOLORO DICONO DI ESSERLOMA ORA CHE NE HO BISOGNO DOVE SONO? LG

LA SOFFERENZA CI FA DISPIACERE,

CI FA SOFFRIRE MA CON ESSA SI RIESCE A CAPIRE QUELLO CHE NOI NON ABBIAMO MAI CREDUTO. QUELLO CHE NON ABBIAMO MAI PROVATO NEI CONFRONTI DI UNA PERSONA, DI UN ANIMALE INSOMMA CON LA SOFFERENZA SI IMPARA. BMC

TEMA: 25-2-92

RACCONTA UN EPISODIO CHE TI è ACCADUTO IN QUESTA SETTIMANA E DESCRIVILO: In questa settimana non ho avuto nessun episodio bello da raccontare in quanto sinceramente, sto in punizione da circa tre settimane, CIÒ a causa della scuola. Infatti, dato il mio scadente rendimento scolastico, dai miei genitori sono stata proibita di ogni divertimento: niente più passeggiate la sera, niente più amici, e neanche per sogno di andare a ballare il sabato sera. Ora, senza CIÒ, per me la vita non ha alcun senso(senza esagerare). Ogni giorno in più che passa, mi viene la depressione, cosa campo a fare, se da tre settimane non faccio altro che studiare (per migliorare a scuola e farmi togliere la punizione). Mangiare, dormire, alzarmi la mattina per andare a scuola ? A scuola i professori ce l’hanno con me: “katia fai questo, katia fai quell’altro, smettila, studia, stai ferma!” e via di seguito. A casa cado dalla padella nella brace: “mangia tutta la pasta, fai i compiti, lavati le mani, metti a posto i libri, non esci fin quando a scuola non vai bene, non esci a ballare fin quando a scuola non migliori!” e via dicendo. A letto la notte forse è il miglior posto, almeno per adesso che faccio questa vita. Almeno il corso; gli amici; la sala per ballare; i divertimenti li posso sognare! Ma io a volte mi chiedo, come fanno gli altri compagni di scuola, che usciti da scuola, non si vedono con gli amici e ne escono? A volte vorrei stare in quelle teste e vedere ancora non si ribellano. Ma purtroppo, la cosa più grave è che io sono io, e loro sono loro, perciò, io muoio con questa punizione e loro no. Ma c’è un cosa che mi fa venire i nervi, ma che nervi, questa cosa è la scuola, a me piace ma se non fosse stata tanto importante sarebbe stato certamente meglio. Per noi ragazzi, giovani, pieni di vita, di vera gioventù è un problema, ma che problema! Di più ! E’ un problemone! E’ un vero e proprio dramma! Sempre per il fatto che è così importante da doverci andare per forza bene, altrimenti ti bocciano e a questo punto devo dire che mi sto veramente scocciando. Mi viene il desiderio di sPrmi, o per lo meno di disintegrarmi o esagerando non essere mai esistita. bisogna soffrire così tanto, pur essendo così giovani? Il mondo si dice che è dei giovani e se ora questa società ci fa soffrire, andrà a finire che il mondo non sarà più nostro, cioè dei giovani. Inoltre, ho notato anche un’altra cosa. CHISSÀ sono sempre e solo gli amici a venirti incontro e a darti tutto il loro affetto, sono sempre e solo loro, gli amici che ti fanno dimenticare le cose che ti fanno affliggere e deprimere. Si gli amici, ti rincuorano con un semplice sorriso sulle labbra, e ritorni ad essere felice (Questo più che un tema è un mio discorso, da tempo volevo sfogarmi con qualcuno e dire tutto quello che ho scritto con questo inchiostro su questi fogli. Da tempo volevo esprimere le mie idee, i miei pensieri, le mie opinioni, finalmente l’ho fatto). TK

IL GIORNO

Comincia a spuntare il sole tutti si alzano e si preparano, durante il giorno sono tutti indaffarati. Il giorno inizia e la vita si sveglia, il giorno arriva e arrivano i problemi, il giorno arriva e arrivano le gioie. Il giorno arriva e arrivano i dolori. Il giorno se ne va e tutta la gente spoglia le strade per popolare le case. E’ sera, tutto è fermo, la città è illuMta dalle luci delle case. E’ notte, le luci si spengono e assieme ad esse anche la città, tutto è fermo in attesa del nuovo giorno. B B

LA DAMA

LA VITA è COME UNA PARTITA A DAMA, LE PEDINE VANNO AVANTI, QUANDO SI GIUNGE A FAR DAMA, SI PUÒ TORNARE INDIETRO,MA NELLA VITA NO, SOLO COL PENSIERO. LG

LA VITA è COME UNA FIAMMA ACCESA

MAN MANO CHE PASSA IL TEMPO SI CONSUMA LA VITA è UNA CANDELA ACCESA CHE SI CONSUMA QUANDO FINISCE C’é LA MORTE. MA QUESTA NON è DOLOROSA DIO C’è L’HA DATA E DIO C’è L’HA TOLTA. MM

LA MORTE,

ECCO LA PAROLA CHE TI FA PAURA, UNA PAROLA CHE PER QUASI TUTTI è BRUTTA. C’è CHI LA ODIA, CHI NON NE VUOL SENTIR PARLARE, CHI LA OFFENDE E C’è CHI PIANGE PER ESSA. A VOLTE PORTA VIA PERSONE ONESTE E BRAVE E CI LASCIA PERSONE DISONESTE CHE CI FANNO DEL MALE. C’è CHI SI DOMANDA: Perché ESISTE? Perché è INGIUSTA?PERÒ A STE DOMANDE NON ESISTE UNA RISPOSTA, SAPPIAMO SOLO CHE PRIMA O POI CI COLPIRÀ. PERÒ ABBIAMO TROVATO UNA PAROLACHE FA PAURA A CHI NON NE HA MAI. BDT

LA DROGA TI DISTRUGGE

Tu non te ne accorgi e lei con il tempo ti spegne. Ti uccide vuol anche avere vittoria. Il silenzio non ci aiuta. Smettere di prenderla è ancora peggio non ci riesci. ti droghi? Non sai e non puoi rispondere neanche tu. Io non ti capisco, ti droghi credi di vincere. Ti droghi credi di vedere il paradiso e di sentirti bene. Invece; al contrario, chi si droga si spegne e quindi ti uccidi con le tue stesse mani. Ogni giorno muoiono milioni e milioni di tossico dipendenti. tutti quanti dobbiamo aiutare a prevenire questo. Con l’aiuto di tutti formiamo un muro grandissimo col quale potremo fermare e demolire questo male. Ma se non provvediamo il mondo si infetterà tutto e non ci sarà più niente da fare. Adesso il muro dei siero positivi e dei tossico dipendenti è più piccolo.Aiutiamoci l’uno con l’altro e il mondo migliorerà! Nn

LA MORTE FA PAURA A CRISTIANI E A NON CREDENTI

MA C’è CHI TEME L’INFERNO, CHI CREDE SI MUORE PER SEMPRE. QUESTO è UN MISTERO TUTTO DA SCOPRIRE. MA UNA COSA è CERTA: QUANDO SI MUORE, SI LASCIA UGUALMENTE TUTTO E TUTTI. ED è ALLORA CHE NASCE LA VOGLIA DI SCOPRIRE CHE FINE HA FATTO VERAMENTE DOPO LA MORTE. TK

LA MORTE PER TUTTI è UNA PAURA,

DELLA VITA è LA CHIUSURA. QUANDO IDDIO MI CHIAMERÀ, ANDRÒ E FORSE IN PARADISO ARRIVERÒ. L’AMORE CHE LUI MI HA DATO NELLA VITA, ME LO CONTINUERÀ A DARE ANCHE QUANDO SARÒ ACCANTO A LUI. QUINDI NON HO PAURA, MA FORSE HO UN PO’ DI PREMURA.            BP

BUON GIORNO FEC’IO AI MIEI COMPAGNI

E’ PASQUA IL NOSTRO CUORE LO SENTE IL PENSIER MIO è VOLATO FUORI DAL TRISTE SITO: HO VISTO UN VERDE PRATO PIENO DI VIOLE IN FIORE MI SONO INGINOCCHIATO AL PIO DEL LETTO MIO E IN QUEL MOMENTO HO VISTO TUTTA AL FAMIGLIA MIA COMPAGNI, FEC’IO CON FERVORE MANDIAMO A LORO IL NOSTRO CUORE E QUESTA POESIA DI BUONA PASQUA L T

LA MORTE CONTRO LA VITA

LA VITA INCOMINCIA COME UNA CERIMONIA CHE SEMBRA SENZA FINE MA QUANDO SI INCOMINCIA AD INVECCHIARE E MAN MANO SI DIVENTA VECCHI AVVIENE UN’ALTRA CERIMONIA. QUEST’ULTIMA CERIMONIA è UNA CERIMONIA MOLTO IMPORTANTE. è COME LA FINE DI UN CANTO; IL RISULTATO VIENE ESAMTOE SI RIPARANO GLI ERRORI ELIMNDO I PECCATI. BN

NEL MARE

NOI TUTTI CI TROVIAMO NEL MARE, LA DELINQUENZA COME LE ONDE AGITATE DEL MARE CI STA FACENDO AFFOGARE IN PROFONDITÀ AIUTIAMOCI UNO CON L’ALTRO FORMANDO UNA ZATTERA. HO UN MESSAGGIO. FORMIAMO UNA catena!!!!

IL QUANDO

LA NOSTRA DOMANDA è IL QUANDO QUANDO POI NON DICO QUANDO VUOI DIRE CHE SONO STANCO STANCO MORTO QUANDO, QUANDO HO DETTO DI NUOVO QUANDO.. SON MATTO DI QUANDO, ESCO IL QUANDO CHE PROPONGO. PROPONGO IL QUANDO COME TONNO. IL TONNO SI MANGIA IL QUANDO MANGIA IL QUANDO. COME, QUANDO TUTTE LE ALTRE DOMANDE PORTANO AL STANCARSI ALLORA HO UN CONSIGLIO: FATTI I FATTI TUOI.         Nn

LA FIAMMA BRUCIA

L’AMORE è UN FUOCO ACCESO, UN FUOCO D’AMORE NON DI PAGLIA. UN’AMORE NON è UN SOL CUORE MA UNO PIÙ UNO UGUALE DUE CUORI LA FIAMMA BRUCIA L’AMORE è IRRESISTIBILE MA QUESTO AMORE EQUIVALE A UN GRANDE CUORE. MM

NATALE VUOL DIRE: “ AMORE E PACE IN OGNI CUORE “

NATALE VUOL DIRE: “ GESÙ CHE è NATO MOLTO GIÙ “

NATALE DI PACE, NATALE D’AMORE, T’INFILI DELICATAMENTE IN               OGNI CUORE.                                     Nn

LA VITA DI TUTTI NOI è BASATA SULLA VERGINITÀ.

Le rose sono basate sul seme, il seme dal frutto e così via. Ogni giorno però tanti uomini e tante donne, anche di piccola età, distruggono la VERGINITÀ, che come la rosa più bella viene calpestata. L’uomo e la donna perdendo la VERGINITÀ perdono tutto. Difatti; tutto ha un animo e una vita: e noi non dobbiamo distruggerlo. Non temere di perdere il partner, sempre ne troverai uno degno ti Te. Ma se perdi la VERGINITÀ? Ci possiamo rifare il partner ma non la VERGINITÀ. Quindi prima di perderla pensiamoci. GT

IO E LORO

SONO NATA, VEDO IN LONTANANZA DUE PERSONE, LORO MI PRENDONO, MI COCCOLANO, MI AMANO, IO CRESCO, LORO SONO SEMPRE CON ME E CONTINUANO AD AMARMI. IO MI AMMALO, LORO MI CURANO, IO CADO, LORO MI AIUTANO AD ALZARMI, IO HO DEI PROBLEMI LORO MI AIUTANO A RISOLVERLI. IO DIVENTO GRANDE, MA LORO NON CI SONO PIÙ. QUESTE PERSONE LE TERRÒ SEMPRE NEL MIO CUORE, SONO I MIEI GENITORI. VA

La VERGINITÀ è una cosa bella,

che tutti felice renderà, se chi la possiede ancora la possederà, fino a quando si sposerà e sull’altare la porterà. Chi invece prima la perderà, a 13 anni o un po’ più in là, inconsciamente e sicuramente da stupido la perderà, per sentirsi più grande, si questa è purtroppo la drammatica verità di questa generazione che man mano scomparirà.                        PG

LA LUCE SI ACCENDE MA ANCHE SI SPEGNE.

COME ELLA SI CONSUMA E NON DA PIÙ LUCE. COSÌ L’UOMO GUASTANDO E ROVINANDO LA NATURA, RICEVE FRUTTI CATTIVI. LA POVERA GENTE IN CASA SE NE STA’ CON LA PAURA CHE I LADRI VAN Là. SENTIAMO IL MONDO , AIUTIAMOLO. CON L’AMORE LA VITA RISPLENDERÀ! GT

Angelo caro,

Angelo bello Angelo amico della nostra vita, aiutami a vivere, aiutami a capire di cosa sono capace Angelo aiutami, Angelo amami, Angelo ci vedremo lassù quando Dio mi chiama. SV

Le ragazze e la VERGINITÀ? Due nemiche!

La ragazza la teme, la evita, la ripudia. La VERGINITÀ invece fa di tutto per entrare nella ragazza. La VERGINITÀ è sentita come impedimento al partner. E le ragazze non vedono l’ora di non esserlo più. Ma sanno che un giorno tutto cambierà. Sanno che prima o poi non lo saranno più. Sanno che allora vivranno più tranquillamente. Allora sarà il momento che essa rimarrà nelle ragazze come un vecchio ricordo, mentre ci sarà contemporaneamente qualche altra che ci starà dentro ancora: questo adesso i tempi sono cambiati, e le ragazze si scocciano di essere vergini e vogliono perciò non esserlo più. Ma non si accorgono che peccano dinanzi a Dio. TK

MI VIENE CHIESTO SEMPRE COS’è LA VERGINITÀ,

CHE COSA FA? SECONDO ME NON è UNA PECCATRICE, MA LA CREATURA PIÙ AMATA DA DIO. BP                                                                                                              

MIO PADRE

Ogni sera sento il suo passo stanco, esitante sul sentiero di ghiaia mio PADRE!!!!!!!! LE SUE MANI AFFERRANO LA MANIGLIA, LA PORTA CIGOLA, UN SEGRETO BENVENUTO. Entra, siede sulla sua seggiola con gli occhi puntati sul fuoco, dove il legno accende fiamme chiare. Dice con noi poche parole. Ci racconta la sua giornata: di un fiore che si è aperto, del suo lavoro che non finisce mai. La sua voce bassa ha un bel suono, sorride raramente, ma mi piace come quel suo sorriso gioca intorno alle sue rughe e nella barba grigia. MIO PADRE!!!!!! GVO

GESÙ un nome difficile per noi,

un nome che quasi nessuno capisce, tranne quei pochi. GESÙ, neanch’io so bene il significato di questa parola; cerco di spiegarmelo, forse GESÙ significa: purezza-amore-dignità-lealtà cose che al mondo d’oggi non esistono. GESÙ a quando dicono sulla terra, tu sei un uomo, ma non un uomo qualsiasi, ma un vero uomo, un SALVATORE, che pur di fare una morte orrenda ti sei sacrificato per noi. GESÙ mi dispiace; e parlando a nome di tutti ci dispiace per averti fatto soffrire inutilmente; ma so che tu ci perdonerai e so anche che lo farai sempre, il mondo non cambia, la gente non cambia. DL

LA LUCE PUÒ ESSERE SPIRITUALE OPPURE ARTIFICIALE

NITIDA è SE BUONO SEI, TORBIDA è SE TRISTO SEI. LA TROVI OVUNQUE VUOI, A CASA TUA SE VUOI, MA NON LA TROVERAI MAI NELLA TETRA SALA CHE TU HAI. SI LA SALA DEL PECCATO CHE IL DIAVOLO HA FISSATO. SOLO DIO PUÒ TOGLIERE IL PECCATO DAL TUO CUORE. E RICORDA: DIO è INFINITO. MF

UN SOGNO, ERA SOLO UN SOGNO.

UN SEMPLICE SOGNO. QUANDO LA VIDI ME NE INNAMORAI PERDUTAMENTE E DA ALLORA FU PROPRIO LEI A RIEMPIRE LE MIE GIORNATE DI FELICITÀ ANCHE NEI MOMENTI PIÙ TRISTI. MA TUTTO CIÒ ERA TROPPO BELLO PER DURARE A LUNGO E QUANDO MI SVEGLIAI CAPÌ CHE TUTTO CIÒ ERA SOLO UN SOGNO, UN SEMPLICE SOGNO. LG

LA VERGINITÀ è UN DONO DELLA NATURA

ANCHE MORE DELLA BELLEZZA. CHI HA LA VERGINITÀ HA UN DONO GRANDISSIMO STUPENDO. LA VERGINITÀ è UN DONO COSÌ IMPORTANTE CHE DIO CI TIENE TANTO E CHI LA VIOLA VIENE PUNITO COME UN PECCATO MORTALE.         BN

Carissimo prof. Scarola, Sono G,

una semplice vostra alunna di 3^H che probabilmente non ricordate nemmeno (circa 300 alunni incontrati singolarmente per una sola ora settimanale) Volevo innanzitutto ringraziarla per l’idea che ha avuto e cioè di scambiarci lettere fra amici di classe, è stata una cosa molto bella. Da quel giorno sono un pò cambiata, sono diventata diversa, tutti i miei amici hanno contribuito a farmi capire com’è il mio carattere, la mia personalità e soprattutto chi sono. E’ stato molto emozionante scoprire che tu occupi un posto nel loro cuore e ora devo dire che ho acquistato un pò più di sicurezza in me. Devo dire che mi sono molto pentita di quello che è successo all’inizio dell’anno, mi sono fatta compromettere un pò troppo dagli amici con la paura di essere disprezzata, ma questo mi ha portato a fare un torto a lei e vorrei tanto scusarmi; so che è difficile da perdonare questa cosa ma... A dire la verità le ho scritto questa lettera per raccontarle una mia storia e dividere con lei la mia FELICITÀ. Come lei AVRÀ capito sono innamorata, infatti sto con un ragazzo di nome V; lui è un anno più grande di me e l’anno scorso frequentava la 3^G e stava nella classe dove quest’anno stiamo noi. Ci siamo messi insieme il 17 febbraio (o meglio il 9) del 1991. Per cui tra qualche giorno festeggiamo il primo anno. E’ successo tutto per gioco, ci conoscevamo da qualche mese per via di Anna Vera, una ragazza della mia classe che provava un certo sentimento per lui e quindi voleva mettersi insieme. Come regalo di Natale io le promisi di parlare con lui e cercare di persuaderlo e di convincerlo, ma evidentemente le cose non andarono così. Ci trovammo un giorno e gli parlai di Anna Vera, mentre parlavo con lui il cuore mi batteva forte e mi sentivo male, non avevo mai provato quel sentimento prima d’ora: mi stavo innamorando. Per ora però non pensiamo a me e a CIÒ che provavo. Gli parlai di lei ma da CIÒ che capii non gli interessava stava aspettando la risposta da un’altra ragazza di nome Adriana. Non appena seppi così lasciai stare tutto e me ne stavo per andare, ma lui mi prese per la mano e mi diede un bacio. Tutto tornò come prima. La mattina dopo raccontai tutto ad Anna Vera, ma non dissi quello che era successo tra noi, non ne avevo il coraggio e nemmeno io e lui ci guardavamo in faccia, forse ci vergognavamo un pò. Ad ogni modo pochi giorni dopo V si mise con Adriana e sia io che Anna Vera lo lasciammo perdere. No. Sto dicendo una bugia. Nel mio cuore si era scatenata una tempesta: lo amavo. I giorni passavano piano ed io non potevo fare a meno di pensarlo anche eravamo vicini di classe e non potevo dimenticarlo. Fu così fino a quando all’inizio di febbraio non seppi che lui ed Adriana si erano lasciati e in Anna Vera e soprattutto in me si erano riaccese le speranze. Si vedeva chiaro che di Anna non ne voleva sapere, ma non sapevo cosa pensare di me. Il 9 febbraio qui a Casamassima ci fu la manifestazione della pace per la guerra nel Golfo ed io partecipai con i miei amici e lui (sempre circondato da ragazze) con le sue amiche. A un certo punto, non so come, ci trovammo vicino e cominciammo a parlare di noi, delle nostre famiglie, degli amici, del professori, ecc... Alla fine della manifestazione andammo a giocare insieme la schedina (era sabato) e dopo quella passeggiata ci siamo trovati insieme. Non sapevo che cosa avevo fatto, sapevo solamente che ero preoccupata per Anna Vera. Per una settimana siamo riusciti a mascherarci e a nasconderci, ma oramai era più che evidente e le persone incominciavano ad avere dei dubbi su questa forte “amicizia” con V e il sabato dopo dicemmo a tutti che stavamo insieme. Anna Vera, chiaramente, era furibonda e successe una lite tremenda fra me, lei e lui. Mi sentivo molto in colpa per averla tradita ma io amavo V. Passò tutto, io e V ci vedevamo e stavamo spesso insieme, come tutte le altre coppie della nostra età del resto. Dopo quasi due mesi che stavamo insieme ci lasciammo per due settimane tra lui e Adriana erano emersi certi ricordi e certi sentimenti e mi lasciò perdere. Ne soffrì molto, non stavamo insieme, è vero, però lo stavamo per diventare e io cominciai ad essere un’altra. Ero delusa. Avevo degli incubi, non mangiavo e vomitavo sempre, in classe piangevo sempre e tutti i professori che erano al corrente di noi (lo conoscevano e lo apprezzavano) cercavano di consolarmi. Dopo due settimane Mngela, una mia amica di classe, parlò con lui e fece un estremo tentativo, ebbene, grazie a lei e forse anche allo Spirito Santo lui CAPÌ che stava sbagliando, tornò da me, mi chiese scusa e ci rimettemmo insieme (era il 17 aprile) e da allora celebriamo sempre il 17. Era cambiato, era diverso, anche io ero cambiata, quel sentimento che provavo prima era molto superficiale e si cominciò ad intensificare, soprattutto alla fine di Mo quando al festival della scuola (io facevo un balletto) mi fratturai il ginocchio. Cominciai a passare guai con mio padre che mi vedeva con lui (non voleva che avessi amici). Ogni volta che mi vedeva la sera mi menava, questo era molto geloso di me (sono l’unica figlia femM), una volta mi fece l’occhio nero. Riuscii a mascherarlo per un periodo facendolo credere componente della mia nuova comitiva formato da ragazzi e ragazze che doveva accettare. Così fu fino alla metà di luglio. Per vederlo ero costretta ad inventare bugie a mia madre e a prendere in giro tutti e due fino a che un bel giorno gli raccontai tutto: V non era un mio amico; era il mio ragazzo. Non so feci questo, ma prima o poi lo dovevano sapere, e poi non mi andava più di prenderli in giro, era più forte di me. Per qualche giorno ci furono dei litigi, poi niente, il silenzio, tutto tranquillo. Mia madre ormai non diceva più niente e quando dovevo uscire con lui glielo dicevo chiaramente. Mi tolsi un peso molto pesante. Il giorno dopo di ferragosto la mia famiglia con quella dei miei zii andammo al ristorante (come tutti gli anni) e mia zia sapeva tutto di noi glielo andava a riferire sua figlia. Sua figlia è una ragazza della mia età che lei conosce benissimo è sua alunna in 3^ L , è G D e come a potuto vedere e ben diversa da me. Io sono molto estroversa, amo molto stare in compagnia, conoscere gente nuova e avere profonde amicizie, lei invece è timida, chiusa e anche egoista per questo fin da piccola ho sempre avuto dei disagi con lei e sua madre (molto gelosa di me e della mia famiglia), quel giorno trovò il modo di farmi passare i guai da mio padre e soprattutto di umiliarmi e farmi piangere d’avanti a tutti. Mio padre chiaramente si sentì male per essere stato ripreso da una sorella anche più piccola di lui, così cominciarono i litigi e per me i pianti; fu un periodo molto brutto, mi ruppe un disco che V mi aveva regalato e una volta, tanto stavo male e avevo bisogno di essere confortata da lui, scappai dalla finestra della mia camera, andai alla cabina, gli telefonai e con la sua bicicletta venne e mi riportò a casa e meno male che nessuno si era accorto di niente. Poi alla fine di agosto mia madre gli fece cambiare idea e io e V fummo lasciati in pace. Dopo questo periodo di lotte e tempeste io e lui ci ritrovammo ancora più uniti ed innamorati. I guai però non erano del tutto passati si sono ripresentati qualche mese fa quando volevo uscire con lui. Si riaccesero di nuovo litigi e addirittura venne a scuola dove stavamo noi e parlò con lui, ma tanto non ne potevamo più che gliene dicemmo talmente tante da sfogarci dopo quasi un anno. L’ultimo problema che ho dovuto affrontare è stata la preiscrizione alla scuola superiore, lui infatti non voleva assumersi questa responsabilità , secondo lui, non posso fare due cose insieme: avere il ragazzo e andare a scuola, ma quest’anno gli voglio dimostrare il contrario e le giuro che ce la sto mettendo tutta. Alla fine però si è convinto ed ha fatto firmare mia madre. Forse queste le sembrano sciocchezze ma per noi sono stati grandi problemi e grandi ostacoli. Ci vediamo molto poco, per ora solo a scuola, poi, più in là, anche la domenica pomeriggio, certo, non abbiamo il lusso di andare a ballare, di uscire sul corso come gli altri, ma siamo felici così, ci amiamo e questo è l’importante. Ora devo cercare di dare il meglio di me a scuola, così potrò frequentare il LICEO PEDAGOGICO, ma durante l’estate devo andare a lavorare per cercare di diminuire la spese della scuola ai miei genitori. Ora le dico cosa ho intenzione di fare da grande così può darmi una sua idea. Mi piacciono molto i bambini e il mio sogno sarebbe quello di insegnare ai bambini andicappati, oppure stare in un orfanotrofio, o in un centro di anziani e addirittura se mio padre e V me lo permettessero mi piacerebbe stare in un centro di tossico dipendenti, però ho GIÀ le idee chiare: dopo il liceo devo fare un corso per insegnare ai bambini andicappati e devo fare in modo di stare in un centro che ospita questi bambini, altrimenti insegnerò a scuola a qualche ragazzo che ne ha bisogno. Cosa ne dice? Devo dire che questa mia aspirazione non è stata molto accettata dai miei professori, soprattutto da quella di lettere e dal prof. di francese, infatti volevano che prendessi il liceo classico o il linguistico per le mie capacità, ma io sono stata irremovibile: è quello che voglio fare, io infatti non voglio solamente guadagnarmi lo stipendio a fine mese e basta, io mi voglio dare a quelli che ne hanno bisogno, sentirmi soddisfatta nel lavoro e contribuire a fare un passo nella società; ma questo i due professori non vogliono capirlo, per questo motivo ho paura ancora mi abbassano il voto che merito. In ogni modo mi mancherà molto alla fine dell’anno, in lei ho trovato una persona fedele e sicura, ma soprattutto un vero amico.  MG 7-2-92

CHI INSEGUE LA FELICITÀ

L’universo non è nemmeno la minima parte della bontà di Dio della quale nessuno può fare a meno. C’è l’avaro che insegue il denaro. C’è l’egoista che insegue il suo egoismo. C’è lo spacciatore che rovina i più deboli. C’è il cristiano che cerca Dio e da Cui mai più si staccherà.

BISOGNA AMARE

Quante cose brutte e malvagie in questo mondo! Quante guerre! Quanti morti! Quante persone malate che soffrono la fame! Inoltre, ora ci sono i drogati. Questo mondo non è più come prima.                                                                        MAV

Immaginiamo solo una grande sfera,

che gira e gira nel vuoto senza nessuno che lo occupi. Nessuno spera! Nessuno ama! Nessuno aiuta! non ci uniamo ed incominciamo ad amare? Insegniamo agli altri a saper amare!            IC

LA MADRE AL FIGLIO CARO FIGLIO VOGLIO DIRTI CHE LA MIA VITA NON è STATA FELICE, MA PIENA DI SPINE, DI DOLORI. PER QUESTO, FIGLIO, VOGLIO DIRTI: “CONTINUA A VIVERE, VA AVANTI NON FERMARTI A NESSUN OSTACOLO CHE TI PONE LA VITA, MA FATTI CORAGGIO LA VITA VIVE DENTRO DI TE”. CIÒ CHE è VISSUTO DENTRO DI ME è STATA UNA SCALA DI INFELICITÀ. RA

LETTERA SEGRETA:

Non so dove ho trovato la forza per scrivere questa lettera, ma sono felice di averlo fatto. GIÀ, per me è uno sfogo. CIÒ che scrivo è dedicato ad un mio amico di banco, e non solo della vita. E’ stato bocciato in seconda media. Dall’ano scorso egli faceva parte della mitica 3^I. All’inizio non ci guardavamo nemmeno, poi pian piano Io e A siamo amici per la pelle. La mia stima, il mio rispetto per lui sono una cosa di immenso. A ha un’animo sensibile, generoso, onesto, leale, sincero, buono, insomma è un piccolo “grande” uomo. Egli considera gli amici come qualcosa di veramente prezioso e si sacrifica in qualsiasi momento per l’oro. All’inizio, quando dovetti sedermi con lui, non ero molto entusiasta; col tempo però ho imparato a volergli bene, ed ora posso dirlo di conoscerlo da cima a fondo. E viceversa vale per lui. Quando il prof. di Religione dice che è difficile avere un rapporto amichevole sincero tra uomo e donna mi si intorbida il cervello. Io sono capace di avere per amico un uomo: io ho A. Sinceramente, senza nessuna malizia, ho notato però, GIÀ dall’anno precedente che A prova qualcosa di più importante nei miei confronti. Lo noto dai suoi occhi verdi come il mare, dai suoi gesti, da tutte le volte che mi accarezza i capelli o mi abbraccia velocemente. Io sono sicura che lui non vuole dichiarare il suo amore sa che io sono GIÀ innamorata e non vuole farmi soffrire. Per questo io lo ammiro sempre più. Lui sa che ad una proposta respinta, salterebbe la nostra amicizia. Tutti ormai in classe o la Mor parte l’hanno notato. Il bene o l’amore che provo per A è solo fraterno (come del resto lo è per gli altri compagni di classe). Il mio amore Lello, mi rinfaccia spesso di essere troppo “pagliaccia” in classe e di non essere seria... Lui non capisce che i sentimenti che ho dentro sono puri, senza malizia, verso i miei amici. Sono troppo simpatici. Come posso rimanere indifferente alle loro battute, agli scherzi? Sono tre anni che ci conosciamo, che formiamo la 3^I. Tutti insieme! A volte penso che se il mio ragazzo vedesse il comportamento di A nei miei riguardi, diventerebbe geloso. E proprio in quei momenti mi sorgono dei dubbi atroci. Forse dovrei allontanarmi dal mio caro amico o per lo meno ignorarlo No. No, so quello che faccio, so distinguere i sentimenti: l’amore dall’amicizia. Non so che succederebbe se un giorno A mi dicesse:”Ti vuoi mettere con me?” Io senz’altro rifiuterò ed allora Spero con tutto il cuore che non succeda mai, anche il prof. Scarola dice che non ci deve essere un rapporto simile in classe. Ed io sono pienamente d’accordo con lui. Anzi, professore, GIÀ che c’è, me lo da lei un consiglio? Così almeno saprò di fare la cosa giusta. Vorrei poterne parlare con Lello, ma non so se capirà. Mi ricordo le parole di A, ieri:” non fai i capelli ricci, staresti bene.” UNA semplice parola come questa detta da lui mi colpisce profondamente. Io comunque l’ho fatto quel cammino che diceva il professore. Ormai sono giunta al punto “coppia”. Amo troppo il mio ragazzo. Lo amo diversamente da A. GIÀ A è il mio fratello More. Sì, è così. Spero solo che lo sia tra due anni, tra dieci, tra venti. Al di fuori delle quattro mura della scuola media. Io comunque il bene che mi da, cerco e cercherò di contraccambiarlo sempre, ignorando i pensieri maligni di alcuni miei compagni, del prof. d’inglese Valenzano, che odio e di tutti coloro che non capiscono l’importanza dell’amicizia e dell’amore. Dato che la gente di Casamassima sta facendo di tutto per farmi lasciare Lello, ma non sa che la mia testa e la mia forza sono rispettivamente di Acciaio inox 1810. Concludo: A ti voglio bene!! Lello ti amo!!!! Prof. Scarola a risentirci alla prossima lettera! p.s. Grazie per l’ascolto: mi creda l’ho fatta con il cuore, è stato uno sfogo ed ora il mio spirito si è alleggerito Saluti.                                                      SS

LA SOLITUDINE

UN GIORNO, ESSENDO STATA TRADITA DALLA PERSONA CHE PIÙ AMAVO, CAPÌ CON QUELLA LACRIMA CHE MI RIGÒ IL VISO, SFUGGITA DA QUEGLI OCCHI CHE NON S’ERANO MAI SFOGATI DEL LORO DOLORE. ANCH’IO ERO VITTIMA DELLA SOLITUDINE. BE

UOMINI COME NOI FRATELLI IN CARNE ED OSSA COME NOI DIVERSI DA UN NON SO CHE VIVONO AL DI Là DEL MONDO MA NON SI NUTRONO COME NOI MANGIANO INSETTI E NON GETTANO NIENTE NOI INVECE GETTIAMO TUTTO SENZA RISPARMIARE. MD

LETTERA AD UNO SCONOSCIUTO

Lo scopo di questa lettera era di essere indirizzata ad un compagno di classe. Io ne ho 18. Diciotto facce, diciotto corpi, diciotto animi a cui voglio indistintamente bene. OGNUNO di loro ha una mentalità diversa, un carattere differente, pregi e difetti. Io sono convinta, dopo due anni di amicizia, di conoscerli a fondo. Ma, forse mi sbaglio. Sono sicura che loro conoscono me. E della mia persona i lati negativi. Nonostante CIÒ mi sento stimata e benvoluta. Certe volte però la vicinanza di 18 persone mi è indifferente, non esiste. Siamo fisicamente presenti, ma spiritualmente, abbiamo mete ben diverse. Chi pensa alla ragazza, chi a far del male all’altro. In quei tristissimi momenti mi sento sperduta nel vuoto, la mia mente desiderosa e il mio cuore volano altrove. Si smarriscono in un mondo di infinita bellezza, sconfinato splendore. In quel mondo tutti si amano. Poi ritorno a vivere la realtà e mi accorgo che è ben diversa. Forse il mio è spirito ribelle, la mia è delusione, amarezza, trasformandosi in sofferenza o peggio “in rabbia”. La mia vita è stata fino ad ora soddisfacente, dal punto di vista materiale, ma il mio cuore ha ancora bisogno d’affetto, di calore. Molte volte mi sono illusa di averlo trovato, invece non è così. Quello era solo interesse, erano secondi fini, non erano rapporti di sincera amicizia. Quando ti accorgi di questo ti senti mortificato, umiliato, e soffri nel modo peggiore. Ti senti emarginato, e il desiderio della solitudine si impossessa di te a tal punto che odi tutti, odi il mondo, odi te stesso. Questa lettera la dedico ad una persona che non c’è, ma vorrei trovarla al più presto. Mi piacerebbe avere un angelo per amico, so che loro sono leali. Io non cerco un rapporto basato sul “baratto”, ma sul sentimento, sulla comprensione reciproca. Tutt’ora ho una persona a cui voglio bene, ma quell’insicurezza di esser nuovamente ferita, mi impedisce a volte di dare completamente il mio amore. Al di fuori di CIÒ io cerco un amico. Non importa di che sesso. Andrebbe bene anche un ragazzo. Lo so ho, nella mia classe, dei “veri” amici o qualcosa di simile. P, A, N e Daniele. I loro animi sono generosi e il loro cuore brilla come un diamante. Le mie amiche: Anna M, E, Vale. Talvolta nessuno mi capisce completamente. Il mio cuore mi dice, mi avverte, riconosce qual’è la vera amicizia, ma fino ad ora non l’ha mai individuata. La colpa non la do alla gente. La colpa è mia, il mio egoismo, la mia irascibilità, la mia superbia, la gelosia, a volte l’ipocrisia. Si riconosco di assomigliare al diavolo, di cadere spesso in peccato, di sbagliare. Alle volte mi rendo conto di perdere il controllo delle azioni, nel mio comportamento. Poi rifletto e capisco di aver sbagliato. Il mio amico è nessuno. Non c’era in passato e non c’è nel presente, o se esiste sono io cieca fino al punto di non accorgermi della sua presenza. Non sono sicura, non ho quella certezza. Spero almeno che coloro che quotidianamente mi circondano mi ritengano un’amica, non dico speciale, ma perlomeno semplice. Io comunque voglio bene a tutti. Vorrei che questa lettera, “un giorno” venisse letta, per far si che la gente mi consideri diversamente, apprezzi i miei difetti e i miei pregi; dietro quella che sembra superficialità, può nascondersi un qualcosa di immenso: l’amore. A tutti i miei amici di classe e a nessuno, ad una persona che amo e ad uno sconosciuto amico.                      s

L’AMORE

è UN SENTIMENTO CHE VA E VIENE COME IL VENTO, MA CHE SI PRESENTA ALL’ULTIMO MOMENTO. L’AMORE è UNA COSA SERIA CHE SI DISCUTE IN UNA CERTA MANIERA, E SI PROVA PER UNA PERSONA BELLA E UN Pò SERIA L’AMORE è COME UN FIORE CHE SBOCCIA IN PRIMAVERA,E SI APPASSISCE QUANDO è SERA. I D

DIO CI HA CREATI

DIO CI HA DATO UN POSTO DOVE VIVERE NOI INVECE OGGI LO RINNEGHIAMO E IL PIÙ DELLE VOLTE NON LO PENSIAMO.

MENTRE TI GUARDO TI PENSO, TI SENTO, SEMBRI UNA LEPRE IN MEZZO AD UN PRATO IMMENSO CON L’ERBA VERDE, CON IL PROFUMO DELLA RUGIADA CHE CADE E SCIVOLA COME UNA LACRIMA SU DI UNA FOGLIA

AVERE UN’AMICA è MOLTO IMPORTANTE CI SI RIESCE A CONDIVIDERE TUTTO I TESORI, I PENSIERI, GLI AMORI QUINDI AVERE UN’AMICA è COME AVERE UN TESORO. GP

DOLORE

A TE IL MIO DOLORE A TE IL MIO PECCATO SUBITO E VISSUTO A TE LA MIA ANGOSCIA A ME LA TUA GIOIA E IL TUO AMORE, AFFINCHÉ IO ABBIA LA FORZA DI TRASCENDERMI.

A TE LA MIA GIOIA A TE TUTTO IL MIO AMORE, AFFINCHÉ TU ABBIA LA FORZA DI RIMANERE SULLA CROCE          LORENZO ‘92

Poesia a M

Quando come te, alla Parola doni carne e sangue: Tu, Icona dell’umano Signore che in verginità ancora e sempre concepisci e generi. Madre, anima del mondo, tu sei il grembo sempre fecondo della terra. Icona vivente di quanti in verginità concepiscono e generano sempre il tuo Verbo!

MIA PARABOLA

“ le saranno rimessi tutti i peccati “

E’ cosa superflua che parli a te, o Signore,

tu sei il mio occhio più fondo,

la luce della mia luce. Raschiato via ogni male dell’anima!

Oh, certo quando risanano i corpi

è la creazione che torna a fiorire

e tu vai per le strade salutando tutta la gente.

Ma quando è l’anima a guarire, nessuna allegoria può narrarne il prodigio:

forse l’evento più degno è il piccolo fiore spuntato dal grumo di macerie,

splendente più che corona sul capo di un re:

tu, fermati a guardare

in sorridente silenzio.

 

Madre, anima mundi

Quando come te alla Parola dona carne e sangue: Tu, Icona dell’umano, che in verginità ancora e sempre concepisci e generi...     Madre, < anima mundi >, tu sei il grembo sempre fecondo della terra, Icona vivente di quanti in verginità concepiscono e generano sempre il suo verbo!

MIA PARABOLA

“le saranno rimessi tutti i peccati”

E’ cosa superflua che parli a te o Signore

tu sei il mio occhio più fondo,

la luce della mia luce.

 

Raschiato via ogni male dell’anima!

Oh, certo quando risanano i corpi è la creazione che torna a fiorire e tu vai per le strade salutando tutta la gente; ma quando è l’anima a guarire nessuna allegoria può narrarne il prodigio: forse l’evento più degno è il piccolo fiore spuntato dal grumo di macerie, splendente più che corona sul capo di un re: e tu, fermati a guardare in sorridente silenzio.

ARCA DELL’ALLEANZA

UNA SOLA VOLTA TI HO VISTA BELLA NELLA TUA GRAZIA,

PER ME UNICA FRA LE DONNE.

 

LA TUA VOCE E’ MUSICA, IL TUO MOVIMENTO E’ DANZA,

IL TUO CUORE E’ MARE, I TUOI OCCHI SONO APERTI SULL’INFINITO.

CHE COSA SEI PER ME? TI HO VISTA UNA SOLA VOLTA E DI TE HO CAPITO TUTTO QUELLO CHE C’ERA DA CAPIRE

PER ME SEI LA VITA, LA SPERANZA. BISOGNO ED ESALTAZIONE.

Lorenzo

SUBLIMAZIONE E TRASCENDENZA.

SI, TI AMO! ME POVERINO, IMMUTABILE COME UNA ROCCIA NELLA SUA DIGNITA’.

UNA SOLA VOLTA TI HO VISTA...MA TU NON SAI CHE MAI COSì POTENTE HO VISTO IN TE

M VERGINE E MADRE GREMBO DELLA TERRA . LORENZO

ADA

Quando finisce un amore non riesci a vivere e a sorridere, ad amare qualcun’altro. Non riesci ad odiare e ad amare. Solo pianto e rimpianto.....solo lei ricordi... solo illusioni, che tutto possa ricominciare. E se un giorno questo fiore sboccerà di nuovo? Le rondini in cielo, le onde sul mare, il vento che ti accarezza sulla spiaggia al tramonto del sole; sarà per noi un mondo tutto rosa. Ti amo come il fiore ama la rugiada come il filo sottile che al solo tuo sguardo...si spezza AMORE TI AMO LOSITO ALESSANDRO PER ADA  2^L  3^G IN REALTà QUESTA POESIA è STATA COMPOSTA DALLA SORELLA .... DI 2^L

UN AMORE CONIUGALE

Raissa e Jacques Mtain di Piero Viotto Milano, 7391

Si sono santificati non malgrado il loro matrimonio ma attraverso il loro matrimonio, anche quando liberamente ad un certo momento della loro vita hanno fatto voto di castità. Jacques nel ‘63 ha scritto: “Amore ed Amicizia” pubblicata come capitolo di “Ricordi e appunti” nella quale distingue l’amore di cupidigia e l’amore di dilezione fino a trasfigurare nell’amore folle per Dio l’amore coniugale. In questa prospettiva religiosa i coniugi si amano ancora, ma non più per se stessi, bensì nell’amore di carità che tutto comprende, il desiderio come il possesso, la gioia come il dolore, l’amicizia come l’amore, gli sposi cristiani sono tutt’uno nel sacramento che li unisce a Dio. Non si tratta di negare l’amore romantico, l’amore umano, ma di evitare che decada nell’amore di cupidigia per elevarsi nell’amore di dilezione.  “ Insomma, la verità è questa, secondo me :anzitutto l’amore come desiderio o passione, e l’amore romantico o quanto meno un elemento di esso dovrebbero per quanto possibile, essere presenti nel matrimonio come un primo incentivo, come punto d’avvio. D’altronde, sarebbe troppo difficile per l’essere umano, se e quando un’occasione invitante all’amore romantico si presentasse più tardi fuori del matrimonio, resistere alla tentazione; già quel che rende più infelice l’uomo non è dato tanto dalla perdita di quanto posseduto, quando dal mancato possesso, dalla mancata reale CONOSCENZA. In secondo luogo, il matrimonio, lungi dall’avere come suo scopo precipuo quello di portare a compimento perfetto l’amore romantico, ha da compiere nei cuori ben altra opera: una infinitamente più profonda opera di alchimia: trasformare l’amore romantico in amore umano, reale ed indistruttibile, in amore veramente disinteressato, che non esclude il sesso, si capisce, ma che diviene sempre più indipendente dal sesso, e può persino essere, nelle sue forme più elevate, completamente libero dall’interferenza sessuale, in quanto di natura essenzialmente spirituale: una completa ed irrevocabile donazione dell’uno all’altro, per amore dell’altro.

Così il matrimonio può essere una autentica comunità d’amore tra uomo e donna: qualcosa di costruito non sulla sabbia, ma sulla roccia, poggia su un amore genuinamente umano, non animale, e genuinamente spirituale, genuinamente personale. Attraverso l’ardua disciplina dell’autosacrificio ed a forza di rinunce e purificazioni. Allora, in un libero ed incessante fluire e rifluire di emozioni, in un continuo interscambio di sentimenti e di pensieri, ciascuno partecipa realmente in virtù dell’amore, di quella vita personale, dell’altro che appunto costituisce per natura, l’incomunicabile possessione dell’altro: preparato e pronto come un angelo custode deve essere, a molto perdonare all’altro: infatti la legge evangelica del reciproco perdono bene esprime, mi pare, un’esigenza fondamentale, che è valida non soltanto nell’ordine soprannaturale, ma anche nell’ordine terreno e temporale. Ciascuno, in altre parole può allora rendersi realmente dedito al bene e alla salvezza dell’altro.” A questa pienezza di amore, umana e divina, nella quale l’amore di Dio non cancella l’amore per la creatura amata non si arriva ordinariamente che dopo una certa maturazione nell’esperienza della vita e nella sofferenza: è l’amore in cui uno dona realmente all’altro non soltanto ciò che ha ma ciò che è, la sua stessa persona. Raissa aveva ben compreso il significato di questo amore coniugale, tanto che in una poesia:

“LA LODE DELLA SP” del’35 dice:

“ il tuo viso è così dolce nelle mie mani,

è fresco, delicato e fragile

Caro viso sensibile si turba,

freme come l’erba dei prati”

Sia l’amore mistico della Chiesa per il suo Dio, come nel Cantico dei Cantici, considerando nella sua oggettività il tema della poesia:

“ Il Dio dei cuori

cancella degli anni la polvere e le tracce del tempo

E ti porta senza ruga e senza macchia,

dall’amore all’Amore senza tramonto.”

 

E Jacques così descrive la sua sP:

“ Bontà, Purezza. Raissa va sempre fino in fondo nelle sue azioni, con un’intenzione ben dritta e una volontà integra: il suo coraggio è senza calcolo e la sua pietà senza difesa. Dove non c’è bellezza ella si sente soffocare, non può vivere. Raissa è sempre vissuta per la verità, non ha mai resistito alla verità. Il suo spirito non ha mai fatto una grinza e il suo dolore non è stato mai mentito. Ella dona tutto, senza tenere nulla per se; per il suo cuore come per il suo intelletto è la realtà essenziale che conta: nessun elemento accessorio riuscirebbe a farla esitare. Il suo pensiero e la sua natura sono per inclinazione intuitivi; siccome è una creatura tutta interiore, è tutta libera la sua ragione si appaga con il reale, la sua anima con l’Assoluto.”

 

IL SAPERE DISCORSIVO DI MARITAIN

E L’INTUIZIONE POETICA DI RAISSA SI COMPLETANO A VICENDA NELLA LORO UNIONE CONIUGALE, IN CUI L’AMORE DIVENTA AMICIZIA, E L’AFFETTIVITA’ RECIPROCA SI SUBLIMA NELLA CONTEMPLAZIONE DI DIO, SENZA NULLA TOGLIER ALL’AMORE UMANO, PUR NELLA SOLITUDINE INTERIORE CHE L’AMORE DI DIO ESIGE PERCHè E’ UN AMORE SENZA RISERVE E SENZA CONFINI.

Dopo la conversione al cattolicesimo(1906), di Raissa dall’ebraismo e di Jacques dal protestantesimo, il loro impegno pressante fu quello dell’apostolato culturale.

L’EDUCAZIONE SESSUALE E LA VIRTù DELLA CASTITà

ESORTAZIONE APOSTOLICA FAMILIARIS CONSORZIO 22 NOV.981 DI GIOV. P II In questo contesto è del tutto irrinunciabile l’educazione alla castità come virtù che sviluppa l’autentica maturità della persona e la rende capace di rispettare e promuovere il significato sponsale del corpo. Anzi, i genitori cristiani riserveranno una particolare attenzione e cura, discernendo i segni della chiamata di Dio, per l’educazione alla verginità, come forma suprema di quel

dono di se che costituisce il senso stesso della sessualità umana.

Per gli stretti legami che intercorrono tra la dimensione sessuale della persona e i suoi valori etici, il compito educativo deve condurre i figli a conoscere e a stimare le norme morali come necessaria e preziosa garanzia per una responsabile crescita personale nella sessualità umana. Per questo la Chiesa si oppone fermamente ad una certa forma di informazione sessuale avulsa dai principi morali, così spesso diffusa, la quale altro non sarebbe che una introduzione all’esperienza del piacere e uno stimolo che porta a perdere la serenità (ancora negli anni dell’innocenza), aprendo la strada al vizio.

Santina ha sempre cercato Dio 

Dio ha sempre cercato Santina. Santina sente Dio più vicino. Perché ama la bellezza, la natura, l’uomo. E lotterà Perché vincano sul demonio. Santina legge la parola di Dio e la sente più sonora nel suo cuore. Santina ringrazia Dio per avere scoperto la grande fede di Lorenzo e di A

Lei vuole farsi piccola - piccola

per sentire i doni del Signore nel cuore. ogni bellezza racchiude un canto e il poeta che lo comprende con devozione lo vuol narrare Per quali strade tu giungi al cuore melodia lieve delirio che di Orfeo un vino Tu che dirigi i cori degli angeli e fai suonare la loro lode Di quale abisso creatore Sei tu la voce sublime musica E di qual voce tu sei il sonno Che ha nel ritmo l’armonia.Di qual mistero tu sei il richiamo Il palpito l’accento vero Il fascino la casta parola.Che armonizza nei suoi discorsiLa tristezza dell’ecclesiaste E l’esultanza dell’amore. Che cela più di quanto sveli. La realtà nella sua essenza Al di la di ogni sentimento. E d’una patria fa sognare in armonia col nostro essere. E d’uno spazio senza fine.

RAISSA MARITAIN per Arthur Louris

QUESTO AMORE COSì VIOLENTO, COSì FRAGILE, COSì TENERO

COSì DISPERATO. QUESTO AMORE BELLO COME IL GIORNO

CATTIVO COME IL TEMPO, QUANDO IL TEMPO è

CATTIVO MA SEMPRE STABILE COME LA ROCCIA.

TUTTI I GIORNI SONO UGUALI,MA LA VITA DELL’UOMO NON CAMBIA MAI.

 

MAMMA

CI SONO PIù FIORI NEL MIO CUORE PER TE CHE IN TUTTI I GIARDINI DEL MONDO

 

UN’ARANCIA SULLA TAVOLA

IL TUO VESTITO SUL TAPPETO

E NEL MIO LETTO TU

DOLCE PRESENTE DEL PRESENTE

FRESCHEZZA DELLA NOTTE

CALORE DELLA MIA VITA.

  

Un pezzo di pane

hai lasciato cadere sotto il tuo balcone.

Un passero, viene avido, si nutre, e se ne va.

Sono due ore che aspetto di vederti sotto il tuo balcone, intanto il tuo pezzo di pane non si consuma mai.

Il passero sempre torna, gioioso lo accarezza col becco, si nutre, poi grato e felice vola via.

Ora mi chiedo se anche a me toccherà la sorte del passero felice sotto il tuo balcone. LORENZO SCAROLA 92

OGNI UOMO, UN POVER’UOMO

OGNI UOMO, IL FIORE PIù BELLO SUL SUO LETAME...IL PECCATO.

NON GUARDARE IL VERME CHE FU,

GUARDA LA SPLENDIDA FARFALLA CHE ORA SEI.

VOLA, PICCOLA, VOLA

Grumo 22 – 3 - 92 ore 17,20 LORENZO SCAROLA 92

VORREI ODIARTI MA NON POSSO.

Ora sono costretto ad amarti.

Mi hai sedotto

ed io mi sono lasciato sedurre.

Devo amarti anche se l’inferno hai lasciato nel mio cuore negandoti

Ti ho guardato negli occhi mentre facevamo l’amore, eri bellezza ed armonia.

Come odiarti ora?

Ora, vigliacco, mi hai lasciato solo in una landa di ululati solitari.

Solo mi hai lasciato nel deserto.

Ma io ora non posso odiarti, non posso rinnegarti senza rinnegarmi.

Perché invano da anni ti fai cercare negli occhi di una donna?

Se non posso darmi la vita, Perché tu sei la vita e ti dai a chi vuoi.

Sono libero di darmi la morte!

Forse È proprio questo che vuoi? Se il chicco di grano non muore...

Disonesto, vorrei odiare tutto e tutti, ma non posso più rinnegarmi.

Disonesto, hai tolto in me la gioia del peccato,

ed intanto mi costringi ancora a subirlo.

Mi hai dato di gustare l’armonia, ma poi me l’hai negata.

Io vorrei odiarti ma mi hai tolto anche questa possibilità.

Mi condanni a rinnegarmi...,

mi costringi a rinnegarmi...,

per lunghi anni

ancora mi condanni a rinnegarmi..., mi costringi a rinnegarmi...!

Lorenzo

 

CHI SONO?

CHI SONO? NON SONO NE CARNE E NE PESCE. CHISONO?

MI HAI IMPICCATO FRA CIELO E TERRA!

CHI SONO?

STò DELIRANDO?!

DIO è VERITA’!

QUANTO SONO DEFORMATO PER DARE A DIO DEL DISONESTO?

MIO DIO, STò DELIRANDO! Lorenzo –

Geremia 15,1819

Perché il mio dolore senza fine e la mia piaga incurabile non vuol guarire? tu sei diventato per me un torrente infido, dalle acque incostanti. Ha risposto allora il Signore:

“Se tu ritornerai a me, io ti riprender• e starai alla mia presenza; se saprai distinguere ciò che è prezioso da ciò che è vile, sarai come la mia bocca. Essi torneranno a te, mentre tu non dovrai tornare a loro.” ORA PONGO UNA MANO SULLA MIA STOLTEZZA.

ORA E SPERO PER SEMPRE TI SEGUIRò DOVE TU VORRAI SENZA BORBOTTARE.

Lorenzo

ALLA MIA VITA CARMEN

Si può smentire l’amore?

Si può turbare il silenzio?

Si può negare la luce?

Solo un incosciente lo farebbe!

Ti scrivo al computer e i tasti scorrono sotto l’impeto della poesia, un impulso divino: scrivo, ma non so che cosa, non ho concetti nella testa. Che strano, scrivere una lettera d’amore al computer, eppure la telescrivente sembra avvolta dal mio calore, sembra comprensiva e collaborativa del mio destino. Il cuore sa che tu stai soffrendo, il cuore sa che io sto soffrendo... il cuore sa tutto e potrebbe tutto esprimere con un impeto, ma la povera scorza umana ha bisogno di parole...comunque sempre povere parole. Lorenzo

TU SEI LA MIA DONNA!!!

Questo mi sembra incredibile.

Alle mie spalle ci sono secoli e montagne di solitudine, di ricerca a volte calma a volte sofferta, il più delle volte disperata. Per secoli inutili tentativi, inutili angosce, inutili ricerche, forse non inutili per capire la tua unicità, la tua straordinaria singolarità,la mia, la mia alterità. NON RIESCO ANCORA A CREDERE CHE TU SEI MIA,

FORSE NON RIUSCIRò A CREDERLO MAI.

TI GUARDO IN LONTANANZA, TI CONTEMPLO

E NON TI POSSIEDO MAI.

INFATTI TU APPARTIENI ALLA VITA CHE IO

NON POSSO GESTIRE.

Io so che è questo che tu temi,

di fronte alla mia forte e trascendente personalità, alla mia pericolosa sacralità, tu temi di non riuscire a conservare la tua unicità, il rispetto che si deve alla tua alterità. Certo entrambi abbiamo giurato di vivere sul Vangelo di Cristo, ma qua e la sempre insidierà l’”IO”. Se ti tolgo la libertà di questo tradimento, ADDIO AMORE. Eppure tu liberamente hai giurato di vivere la relazione di coppia sulla lettera di S. P agli Efesini capitolo 5. Mi sono stancato di parlarti, come odio le parole, come odio i concetti, come odio la logica.   L’AMORE E’ PAZZIA! Non è pazzia andare a vivere sola con un uomo? Puntare tutto su un essere impastato di fragilità, lo ritieni sensato? Mi sembri come chi ha perso per amore un impero, ha perso anche la libertà ed ora si accanisce a stringere uno straccio vecchio. Forse pensi che quello ti sarà sufficiente come zattera, se la barca affonda? Eppure quello straccio non ti rende ricca, non ti da certezze, nulla ti garantisce se non il fatto che non sei ancora veramente mia. Se non il fatto che il tuo atto d’amore non è perfetto. Nella mia purissima concezione dell’amore posso trasformare in dramma quello che molti possono ritenere una sciocchezza. Ma, voglio sottrarre il nostro rapporto dalla quotidiana banalità, lo voglio liberare dall’ipocrito perbenismo.

TI VUOI FARE SCHIAVA D’AMORE? TE LO RIPETO ANCORA!

Non ti lasciare ingannare dalla parola “d’amore”

TI VUOI FARE SCHIAVA?

Di chi non sa sacrificare la sua vita, non so che farmene.

Di chi non sa sacrificare tutti i suoi diritti, non so che farmene.   Si! Li sai sacrificare tutti tranne uno?

Di te non so che farmene! Lasciami alle mie tentazioni, lasciami alle mie solitudini e desolazioni, lasciami al mio destino ... mi dissolverò solo di fronte al silenzio del cosmo ... lasciami al mio destino. Preferisco morire solo, piuttosto che con te avere la parvenza di vivere. Voglio essere solo in compagnia della mia morte, in compagnia della verità. Certo dopo te, smetterei di cercare, scenderei negli abissi del mio essere e li mi nasconderei, di li emergerei ogni tanto per essere munifico con gli uomini, essi mi fanno tenerezza; carnefici e vittime... in realtà tutti vittime.

Finora, mi hai sempre chiesto scusa.

Finora, hai sempre lottato contro il tuo “IO”.

Eppure quando egli emerge subdolo, tu non lo riconosci mai. Ma lo riconosco io e subito ti striglio.    E tu subito ti strigli o meglio lo strigli: il tuo “IO”.        In questo sai anche essere eroica!

Ma se questo un giorno, un brutto giorno, non si verificherà?

Allora sarà la fine!

La fine del nostro purissimo e delicatissimo amore!

L’UNICO SPAZIO POSSIBILE SAREBBE ALLORA IL MIRACOLO QUELLO CHE CI HA FATTI INCONTRARE.

QUELLO CHE HA SICURAMENTE GIà UNA VOLTA SALVATO LA NOSTRA RELAZIONE E CON ESSO LA NOSTRA VITA.

SI! nelle mie reazioni esagero.

E tu ti risenti, giustamente.

Ma la morte silenziosamente non deve insinuarsi anche nella nostra vita, come ha già fatto con tante “ coppie per bene “.

Se fosse per te, essa sarebbe già in mezzo a noi, eppure è grazie a te se ancora stiamo insieme in questo tenero fragile, puro e nobile amore.   ALLORA MI VUOI AMARE?!

MI VUOI DARE TUTTO?!

VUOI MORIRE PER ME?!

FARE DELLA TUA VITA UN DONO ASSOLUTO ED INCONDIZIONATO, CI HAI TENTATO TANTE VOLTE ... A VOLTE CON SUCCESSO, A VOLTE NO... IO HO PAZIENZA, SAI.         SO ASPETTARE, PERDONARE.

MA NON SO CEDERE SUI MIEI VALORI!

IO NON CEDERò!!!

CERCA LA SANTITà, RITORNA NELLA PACE, NASCONDITI AL SICURO PROTETTA DALL’UBBIDIENZA.       NON TURBARE LA TUA FELICITà. NESSUNO SE NON DIO PUò MAI GARANTIRE IL RISCHIO TREMENDO CHE UNA GIOVANE O UN GIOVANE AFFRONTANO NEL MATRIMONIO PER AMORE, MA SOLO ESSI SANNO COSA SIGNIFICA

PARADISO. Perché permetti che la tristezza entri in te?

Perché vuoi turbare la tua felicità?

Forse non sai credere in me?

Forse non credi più nella mia bontà, nella mia capacità di essere giusto e retto al punto da posporre il mio interesse personale e la mia stessa vita. Dimmi, ti sei forse accorta di questo?

TI PREGO NON ESSERE TRISTE, NON ESSERE PERMALOSA, ANNIENTA IL TUO IO E SCENDI FIDUCIOSA NEL MIO CUORE, IN ESSO TI TROVERAI BENE.

QUANDO AVRAI RINUNCIATO DEFINITIVAMENTE ALLA TUA LIBERTA’ E TI SARAI LASCIATA MORIRE COME CHICCO DI GRANO NEL MIO CUORE, ALLORA E SOLO ALLORA VEDRAI CHIARAMENTE CHE LA TUA LIBERTà E’ TUTTA INTATTA, ALLORA VEDRAI CHE IL VERO SCHIAVO SONO IO. ALLORA CAPIRAI COME IO HO RINUNCIATO A TUTTA LA MIA LIBERTA’, NON ANCORA TI CONOSCEVO, MA PER TE AVEVO RINUNCIATO GIà A TUTTA LA MIA LIBERTA’.

Se sei una che polemizza, non sei una che ama. Se svolgi verso di me azioni sindacali, non sei una che ama. Se non sai credere che tutto quello che faccio È per la difesa del nostro amore, noi non dobbiamo sPrci. Se non sai credere che io so cedere nella mia volontà per far spazio alla tua, non sai credere in me. Se non sai credere che io posso morire per un tuo rimprovero, tu non sai capirmi, non sai credere in me. Non sia il male a vivere nella nostra vita.  Non trionfi la morte.

TESTIMONIAMO AL MONDO CHE SIA POSSIBILE VIVERE EFESINI 5    TUO LORENZO

Una lacrima

Ho visto una lacrima

tremare furtiva.

L’ho seguita mentre accarezzava il tuo viso,

l’ho vista cadere per terra,

l’ho vista agonizzare sull’asfalto.

Bella, non temere,

perché quella lacrima io ho raccolto.

Cuore, scendi,

scendi fiduciosa nella strada.

C’È chi come una lacrima luminosa

ti coglierà.

Diamante purificato

ti porrò

all’apice della sua vita. Lorenzo Scarola 1992.

Ho cercato un uomo

che parlasse di Dio,

Ho cercato nel mio animo la parola di Dio,

Non ho trovato niente, solo un po di certezza.

Ho trovato dentro di me la certezza d’amare. Oggi ho trovato te che mi parli di Dio, e ritorno a dire, io, l’uomo e Dio

CAINO, SONO IO.

QUANDO DEGLI AGRICOLTORI DEL NUOVO MONDO ROVESCIANO PER STRADA 270 TONNELLATE DI LATTE, E AL TEMPO STESSO SETTE MAMME SU DIECI VEDRANNO I LORO FIGLI MORIRE DI FAME PRIMA CHE ESSI GIUNGANO A 15 ANNI. ED IO ME NE STO ZITTO CAINO SONO IO QUANDO SO CHE PER COMPRARE UN LITRO DI QUEL LATTE, CHE VIENE BUTTATO VIA IN MODO COSì CRIMLE, UN MANOVALE INDONESIANO DEVE LAVORARE PER UN TEMPO DIECI VOLTE SUPERIORE A QUELLO DEL SUO COLLEGA NEGLI USA ED IO MI ACCONTENTO DI MORMORARE, ORRIBILE QUANDO VENIAMO A SAPERE CHE SE TUTTI GLI AFFAMATI, I DISGRAZIATI , IDERELITTI POTESSERO SFILARE ATTORNO AL MONDO, IL LORO CORTEO, FAREBBE 25 VOLTE IL GIRO DELLA TERRA E NON NE PROVIAMO SPAVENTO:

CAINO, SONO IO, CAINO, SEI TU LA FAME DEGLI UOMINI FARA PRECIPITARE LA FINE DEL MONDO     R. FOLLEREAU

FIGLIO

Fra quindici giorni

nasce mio figlio, fra quindici giorni divento papà!

Sentite fra quindici giorni nascerà un uomo più grande di me perché io sono il suo piedistallo.

Fra quindici giorni nasce mio figlio. Lorenzo 1995

Pongo

Una canzone recita: “ e te lo pongo, e te lo pongo...”

Io lo ho   “ pongo”  veramente solo a mia moglie, ma diverse hanno detto questo ai loro lui. Senti lui, non mi guardare così, non mi rompere il cazzo! Lorenzo

Dio, il nostro sole.

Posso paragonare Dio solo ad un elemento essenziale della nostra vita, poichè anche il Signore è fondamentale per noi. Il sole. Il sole ci nutre, ci riscalda, ci accarezza il viso con il suo delicato tepore. Il sole ci illuM, ci rallegra. Ci vuol bene. Il sole è irraggiungibile, è insostituibile, ed è ovunque come il Signore Dio nostro. Il Signore ci nutre con il suo amore, ci riscalda, con il suo affetto, ci accarezza con le sue ampie ed accoglienti mani e ci ama continuamente. Dovrebbe passare solo un attimo senza che il Signore ci amasse e noi svaniremmo, nel nulla. Io sono felice, perché vivo e so, quindi, che il Signore ci ama. Il Signore è ovunque come il sole ed il suo amore arriva dappertutto come i raggi del sole. Dove c’è buoi e non c’è luce, li, li Dio c’è, ma noi non l’abbiamo ancora scoperto. Tutti noi, poichè noi riceviamo i doni che il sole ci offre, i doni che Dio ci offre. E se noi godiamo del sole, abbiamo un motivo per vivere. Io ho trovato un amico nel sole, quand’ero triste, sola, quand’ero disperata. Ho asciugato le mie lacrime e riappacificato il mio animo.

Il sole la sera scompare tra i monti, ma c’è ancora, continua ad illuMre altri popoli bisognosi del suo aiuto.

La sera al buio, io non ho paura, dentro di me c’è il sole, dentro di me c’è Dio.

In tutti noi, in qualche angolino c’è Dio che implora di essere ascoltato. Si, proprio quel Dio. L’irraggiungibile. Ci schiaccia con la sua onnipotenza, ma si è diviso in tanti piccoli pezzettini ed è anche giunto nel nostro tormentato cuore. Per proteggerci e consigliarci. Bimbi di tutto il mondo, consolatevi al pensiero che Dio ci ama e che è in noi. Quando c’è il sole c’è tutto, vita, amore, fiducia e speranza. Speranza che il sole ci nutra con i suoi raggi benefici e che ci riscaldi nei giorni freddi, freddi soprattutto nel nostro cuore. finché c’è Dio c’è vita. Lodiamo Dio il nostro sole. Poesia di SV IIIC 9 – 1 - 92 “Dante Alighieri” M

Carmen,

trova in me il tuo sole,

io trovo in te tutto.  Lorenzo

 

Il mare agitato

l’agitazione profonda

un profondo oscuro mondo

un mondo senza pace

la pace sopraffatta dalla guerra.

La guerra fra cuore e mente

la mente dei folli

la follia

dei pensieri

i pensieri offuscati da una paura immensa. (anonimo)

 

POETARE

Accolgo volentieri il tuo inV, caro F, per due motivi molto importanti. Il primo è quello che mi da l’occasione di affrontare un argomento che mi sta a cuore. Il secondo è quello che vorrei vedere questa semplice e bella attività poetica molto diffusa. Essa è sempre il frutto di una attività interiore, auspicabile in tutti, ma soprattutto in generazioni giovanili che stentano a trovare una identità. Con il crollo delle ideologie, sono anche crollate le concezioni filosofiche della vita e dell’uomo, mentre l’edonismo porta sempre più lo spettrale spettacolo dello sfaldamento di tutto ciò che è umano e civile. Ora urge che i valori sempre eterni siano reincarnati e storicizzati. Per questo, credo, si guarderà con simpatia al nostro semplice ma non vano poetare. Non vogliamo ignorare il dibattito in corso sulla poesia. Se essa deve seguire delle regole, o se deve essere la libera espressione dello spirito. Non ritengo sia giusto confinare l’espressione poetica (che è la trasmissione di percezioni superiori ) a pochi eletti e ridurre la gran parte in fruitori. Pochissimi sono coloro che conoscono la parolina magica di una tecnica che può loro aprire la strada dell’Olimpo. Pochissimi, quindi, possono ricevere le confidenze della musa. Gli altri, tutti nelle tenebre, al freddo attendono passivi che questi Prometeo portino con il fuoco, la luce e il calore. Ma la poesia appartiene di diritto ad ogni uomo che ha il dovere di scoprire attraverso essa la grandezza e la nobiltà dello spirito, cui deve prendere coscienza per appartenersi. Forse io potrei comporre in maniera “canonica”, ma rifiuto tale modo di procedere perché vedo nel poetare quel fermento degli spiriti di cui la nostra società necessita per uscire dal baratro di una barbarie che non accenna a diminuire. Con la speranza che altri emulino questo nostro “degenere” modo di fare poesia anch’io offro una composizione.